Google+

Ballando con Skandemberg

luglio 7, 1999 Muca Clirim

Musulmani per necessità. Cristiani per scelta. Morti alla vita
per il nazi-maoista Enver Oxa. Perseguitati in Kosovo per
il nazional-comunista Milosevic. Dal punto zero dell’attuale Albania,
un poeta di Tirana ritorna su una storia di sangue e amicizia

Quella appena conclusa in Kosovo non è stata certo una guerra di religione, anche se così hanno voluto dipingerla in molti, chiamando in causa un inesistente integralismo albanese. Piuttosto si è trattato di uno scontro puramente etnico tra due popolazioni in contrasto da 1300 anni.

Il dittatore Milosevic vi si è inserito strumentalizzando nazionalisticamente il Kosovo, per instaurarsi al potere prima, e per rimanere in sella poi. L’integralismo religioso albanese esiste infatti soltanto nei comunicati di certa propaganda serba, che vuole trasformare la pulizia etnica in una specie di guerra santa contro il “pericolo islamico”. L’Albania e il Kosovo sono effettivamente le sole regioni dei Balcani, eccetto la Bosnia, dove la comunità islamica è più numerosa rispetto a quelle di altre fedi. Per precise ragioni storiche.

Alla morte dell’eroe nazionale Skanderbeg nel 1468, le fortezze delle città albanesi cominciarono a cadere una ad una davanti all’avanzata degli eserciti turchi. Si era sfaldata l’alleanza tra i principi albanesi che, guidati da Skanderbeg, riuscì a sostenere l’ondata turca per ben 25 anni. Prima cadde Kruja, la città natale di Skanderbeg, poi Skutari, allora la più grande città del Regno d’Albania. La maggior parte del paese diventò possedimento turco sotto il sultano Maometto II che avviò l’islamizzazione: vennero costruite le prime moschee e si cominciò a sentire la nenia del muezzin.

Alla conversione della popolazione contribuì la rottura delle relazioni con i centri che alimentavano la fede cristiana. Nel XV-XVI secolo i Turchi erano i padroni dei Balcani e gli stessi scambi via mare con la Repubblica Veneta erano ridotti al minimo. Proprio in questi anni cominciò l’emigrazione degli albanesi verso l’Italia, un esodo che diede origine alle colonie albanesi della Calabria, della Sicilia e della Basilicata dove, in alcuni centri, si parlano ancora oggi dialetti di origine albanese.

Inoltre una continua pressione slava e greca veniva esercitata attraverso la Chiesa Ortodossa. Nel 1500 il patriarcato serbo aveva l’autorizzazione della Porta a porre sotto la sua giurisdizione i cattolici albanesi per farne, alla lunga, degli ortodossi e minacciava di impalare chiunque avesse osato appellarsi al Papa. Tanto è vero che l’arcivescovo cattolico di Skopje, nel 1600, informava il Vaticano che gli Albanesi erano afflitti più dalla Chiesa Ortodossa che dai musulmani. Altri fattori che facilitarono la conversione all’Islamismo furono le controversie religiose serpeggianti in seno ai cristiani in tutta l’area dei Balcani, per non parlare dei vantaggi economici e fiscali: i cristiani erano tenuti a pagare per ogni maschio della loro religione una tassa annuale, oltre alle varie tasse che pagavano come i musulmani. A far entrare intere collettività cristiane nella sfera dell’Islam contribuirono poi le confraternite musulmane, in special modo quella dei Bektashi, che accoglieva nel suo credo molte usanze e riti cristiani, ancora oggi la più numerosa.

Solo nelle zone più interne del nord dell’Albania i Turchi non entrarono mai, a causa del territorio impervio e della gente particolarmente bellicosa (i Kelmendi, i Rafsh, i Dukaginit e i Mirditas).

Dal XVI secolo il paese si caratterizza così per la convivenza di diverse credenze. Donne cristiane finivano spesso spose a uomini musulmani: i figli maschi crescevano musulmani e le femmine venivano educate al cristianesimo. Il battesimo si impartiva spesso anche ai bambini musulmani e i musulmani, a volte, partecipavano alle cerimonie nelle chiese cristiane. Addirittura, nei centri abitati da maggioranza cristiana, la minoranza musulmana contribuiva al mantenimento del parroco.

Non si è mai combattuta una guerra religiosa. Tutti hanno sempre vissuto in concordia tra loro, riconoscendosi non per l’appartenenza religiosa, ma per le usanze e la lingua che li accomunava. Nonostante la presenza di tre religioni – la cattolica, la musulmana e l’ortodossa – non si è mai verificata una notte di San Bartolomeo.

Successivamente, con Enver Hoxha, alla fine degli anni 1960, l’Albania fu dichiarata un paese ateo. Tutte le chiese e le moschee vennero abbattute o trasformate in stalle e magazzini; i preti assassinati o imprigionati; l’insegnamento della religione bandito; parlare di Dio o di Allah punito con la prigione. Dunque, fino al 1990, quando con la caduta del regime è stata riconquistata la libertà di religione, almeno una generazione di albanesi è vissuta “senza Dio”. E il popolo albanese sta pagando ora le conseguenze di questa totale spoliazione, con la mancanza di punti di riferimento politici e morali. In questi ultimi anni, a dire il vero, tanti giovani di famiglia musulmana si convertono al cattolicesimo. Un fatto che si spiega con l’influenza della cultura occidentale, ma anche con la delusione delle nuove generazioni nei confronti del materialismo e un ritorno alle radici cristiane.

Ricordo un mio amico in Albania, di nome Alì, che ha tra i suoi trisavoli nomi quali Christian, Mark, Maria, tipici della cultura religiosa cristiano-cattolica. Agli inizi del ’900 la sua famiglia era infatti cristiana, in seguito si convertì all’Islam.

Mi auguro che anche i futuri momenti difficili che attendono il mio paese, la trasformazione politica, culturale e religiosa, vengano vissuti nel segno della tolleranza e che, tra noi Albanesi, non ci sia mai una notte di San Bartolomeo.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Se siete appassionati di motori e curiosare tra le anteprime – ne sono state annunciate ben 150 – è sicura fonte di piacere, il momento è (quasi) arrivato. Cominciate a cerchiare in agenda una data compresa tra il 9 e il 12 novembre (il 7 e l’8 sono giornate dedicate a operatori e stampa) e […]

L'articolo EICMA 2017, cosa c’è da fare e vedere proviene da RED Live.

Audi accelera sulla strada dell’elettrificazione della gamma. Dopo la presentazione della nuova A8, proposta al lancio nelle configurazioni V6 3.0 TFSI e TDI “mild hybrid”, vale a dire con impianto elettrico a 48 volt, ora anche le famiglie A4 e A5 beneficiano d’inedite motorizzazioni mHEV che portano in dote tutti i vantaggi fiscali e di […]

L'articolo Audi A4 e A5, è tempo di micro ibrido proviene da RED Live.

Arriva in gruppo tra gli ultimi, guarda tutti dritto negli occhi, mostra i muscoli e fa subito la voce grossa. E no, non è un bullo. Parliamo, piuttosto, della SUV Volkswagen T-Roc. Destinata a scendere in lizza nel segmento di mercato più frizzante, combattuto e attraente del momento, vale a dire quello delle sport utility […]

L'articolo Prova Volkswagen T-Roc proviene da RED Live.

In KTM hanno le idee chiare: il futuro della mobilità è elettrico. Ecco perché la nuova KTM Freeride E-XC, rinnovata da cima a fondo, è solamente un punto di partenza

L'articolo KTM Freeride E-XC, l’enduro green proviene da RED Live.

Prima erano una cosa sola. Ora sono divise. O meglio, in futuro avranno specializzazioni e target diversi. Volvo e Polestar, quest’ultima sino a ieri divisione ad alte prestazioni del brand svedese, si sono separate e vivranno di luce propria. Polestar, oltretutto, cambierà pelle, passando dall’elaborazione ufficiale dei modelli della Casa nordica alla realizzazione di vetture […]

L'articolo Polestar 1: il nuovo mondo proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download