Google+

Baby squillo ai Parioli. Sarebbe ora che Gad Lerner chiedesse scusa a Andrea Cividini, ingiustamente infangato

aprile 1, 2014 Chiara Rizzo

Un dirigente della Banca d’Italia è finito alla gogna. Ma ora si è scoperto essere estraneo alla vicenda e vittima di un errore investigativo. Nessun giornalista gli ha chiesto scusa

Non è ancora arrivata al vaglio del Gip, eppure l’inchiesta sulle baby squillo dei Parioli conta già il primo errore investigativo-giudiziariario.
Andrea Cividini, 58, è vice direttore del dipartimento Informatica della Banca d’Italia. Per circa una settimana ha vissuto nell’incubo di essere uno degli indagati per sfruttamento della prostituzione di due minorenni dei Parioli. Il suo nome è il secondo reso pubblico sugli organi di informazione: il secondo nome su quelli di 52 altri indagati, per ora (per fortuna) ancora coperti dal segreto istruttorio. Cividini finisce sui giornali subito dopo Mauro Floriani, marito di Alessandra Mussolini. Sul suo coinvolgimento i quotidiani non hanno dubbi.
Repubblica, ad esempio, il 14 marzo scrive: «Ci sono tre funzionari della Fao, un dipendente del colosso della consulenza finanziaria Ernst&Young, un avvocato e un funzionario della Banca d’Italia, Andrea Cividini. Tutte persone i cui numeri, spesso aziendali, tornavano più di una volta nei tabulati telefonici delle due ragazzine. Proprio per questo la loro identificazione ha richiesto tempi più lunghi: gli investigatori hanno dovuto accertare a chi corrispondeva quel numero di telefono. Sotto accusa sono finiti coloro che hanno avuto più di un contatto con le due studentesse».
Anche il Corriere della Sera, lo stesso giorno, scrive: «Tutti intercettati mentre al telefono prendevano accordi con le ragazzine o con i loro sfruttatori. E poi controllati, talvolta pedinati, dai carabinieri del Nucleo investigativo della capitale».

FANGO. Ben più duro il tono di un articolo pubblicato quello stesso giorno, a firma di Gad Lerner, dal titolo “Chi va in cerca di sesso dalle ragazzine dei Parioli”. Con buona pace del fatto che l’inchiesta sia ancora solo in fase preliminare (la procura, ad oggi, non ha ancora nemmeno chiesto i rinvii a giudizio), Lerner nell’articolo condanna senza mezzi termini gli indagati e condanna soprattutto il fatto che non vengano resi pubblici tutti i nomi. «Dopo Mauro Floriani, il fascista-maiale marito della fascista col nome famoso, che ha infine ammesso ciò che prima tentò di negare, da oggi conosciamo anche il nome di un dirigente della Banca d’Italia: Andrea Cividini, 58 anni» scrive Lerner. «Escono con il contagocce, sempre per via delle speciali reticenze loro concesse dal nostro turbamento, i nomi dei clienti». E poi: «Resta secondo me ancora troppo sfocata la fotografia di questa classe dirigente romana puttaniera fino al punto di comprare la sua carne fresca ai limiti dell’infanzia. La libera stampa in proposito frena imbarazzata, all’improvviso recupera scrupoli che non ricordavamo sfoggiasse nei confronti di soggetti diversi. Nei prossimi giorni mi auguro si vada più a fondo».

ERRORE INVESTIGATIVO. Nei giorni successivi si è andati davvero più a fondo. E si è riusciti a comprovare l’errore investigativo, del quale Cividini si dichiarava vittima sin dall’inizio. È emerso che il cellulare attribuito a Cividini in realtà non era il suo, ma apparteneva alla Banca d’Italia che lo aveva dato in dotazione a un’altra persona. In effetti, quindi, tra Cividini e le ragazze dei Parioli non c’era stato alcun contatto, nemmeno telefonico (altro che «più di contatto accertato», come scriveva all’inizio Repubblica). L’uomo è uscito dall’inchiesta, per sua fortuna. Alcuni giornali, come il Corriere della sera e la stessa Repubblica, hanno riportato il 20 marzo, ma solo verso la parte finale degli articoli, poche righe sull’errore. Gad Lerner non ha ancora chiesto scusa. Anzi, oggi ha pubblicato un articolo dall’eloquente titolo “garantista”: “Altro che castrazione chimica, 40 mila euro e la reputazione è salva ai Parioli”.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

18 Commenti

  1. filomena says:

    Non mi risulta che il marito della Mussolini sia stato scagionato anche perché lui stesso ha ammesso il reato a differenza dell’altro che si era sempre dichiarato innocente. Ma per voi la colpa è delle ragazzine vero? Dimenticavo le avreste definite scostumate sono sicura se qualcuno ve lo avesse chiesto.

    • Fran'cesco says:

      Ma gli articoli li leggi o commenti a priori?

    • Giannino Stoppani says:

      “Non mi risulta che il marito della Mussolini sia stato scagionato anche perché lui stesso ha ammesso il reato a differenza dell’altro che si era sempre dichiarato innocente.”

      Dunque?

      “Ma per voi la colpa è delle ragazzine vero? Dimenticavo le avreste definite scostumate sono sicura se qualcuno ve lo avesse chiesto.”

      Da cosa ti giunge codesta convinzione, a parte che dai tuoi granitici pregiudizi?
      A dire il vero, invece, mi sarei aspettato che tu delle baby squillo ne avessi tessuto le lodi, in quanto calzante esempio della emancipazione femminile come la intendi tu e le altre quattro carampane, miracolosamente sopravvissute agli effetti dell’acido lisergico, che con te condividono gli splendidi ideali del sessantotto!

      • Su Connottu says:

        Concordo con Stoppani: una femminista sessantottina di fronte alla vicenda di queste povere disgraziate dovrebbe solo vergognarsi e tacere.

        • pallo says:

          @SuConnottu …. guarda che le ragazzine dei Parioli non imitano le 68ine ma le ben più recenti “olgettine” 🙂 quelle del cene eleganti !
          E’ inutile che cerchiate di rivoltare la frittata questo modo di pensare e di agire è figlio degli ultimi 20 anni nei quali il modello non è certo stato quello delle femministe :).

          Gli “ideali” del 68 non centrano una beata mazza in questa storia le ragazze in questione penso siano lontane anni luce da quel modo di pensare

          • Grillo Parlante says:

            Apprendiamo da Pallo, un genio degli smileys, che l’abitudine di molte ragazze d’oggigiorno di darla via al primo che capita e, perché no, a pagamento, non c’entra nulla con la cosiddetta “rivoluzione sessuale” del sessantotto, ma è colpa di Berlusconi.
            Facciamone tesoro di certe lezioni!

    • Kan63 says:

      ‘a Filomena, ammettilo, oggi hai mangiato più pesante del solito, il tuo commento non c’entra una beata fava con l’articolo e quindi con questo scivolone (ti prego non cercare di giustificarlo che sarebbe peggio) hai palesemente dimostrato una volta per tutte che spesso (e spero volentieri) scrivi più per spirito di contrarietà che per convinzione!

  2. giovanni says:

    Lerner forse più di altri, dovrebbe buttare le pietre che tiene in mano, abbassare la testa e senza dire nulla andar via!

  3. maria says:

    Non é il commento giusto per l´articolo, pero ho appena letto un articolo che spiega con quanti voti vanno a Bruxelles i futuri partlamanetari europei dei 5 stelle e,mi sono incazata e per questo, mi sto chiedendo e ve lo chiedo anche a voi lettori-elettori : come mai ´e possibile che al Parlamento italiano e a quello europeo, i parlamentari dei 5 stelle possano essere eletti a traverso la rette, con 30 voti e gli altri devono fare campagna eletorale, etc… Ma , i parlamentari eletti a traverso le elezioni sono subnormali, o perche acettano che questo succeda ? Madonna Santa, mi meraviglio che mai , nessuno lo abbia neanche notato…. E sconvolgente .
    Il grande, democratico Grillo , mette tutti nel suo sacco… Bravi ¡¡¡¡¡¡¡¡¡¡¡¡¡¡¡
    Tutti zitti, perche hanno altro a cui pensare… e lui, fa i suoi porci comodi….

    • Su Connottu says:

      Io ti invidio perché col tuo lessico sei riuscita a mettere nel sacco il censore automatico di Tempi.it
      Ma non è che confondi i candidati con gli eletti?

  4. augusto says:

    Gad Lerner peggiora a vista d’occhio !

  5. alex says:

    In quanto appartenente alla setta dei Migliori, come del resto i suoi antenati farisei, Lerner non chiedera’ mai scusa. Ma laggiu’, in compagnia di Anna e Caifa, avra’ modo di vedere la bella fine di chi sputa sulla gente dall’alto del suo scranno.

  6. Controcorrente says:

    Io dell’articolo ho capito che questa volta secondo voi finalmente la magistratura sta facendo il suo dovere senza essere influenzata dalla stampa e dalla politica.
    Sarà vero?

    • Su Connottu says:

      A te risulta che i magistrati nascano tramite clonazione eugenetica?

      • Controcorrente says:

        Io non so se ci sia un perfezionamento della specie, in questo caso dei magistrati,ma so sicuramente che ognuno di noi ha un io diverso influenzato da qualcuno o da qualcosa.
        Mi verrebbe da proporre in questo caso la legge del taglione castrazione chimica per il reo confesso Mauro Floriani e taglio della lingua e delle mani a Gad Lerner, così il primo non fa il porco il secondo non scrive e dice più cazzate.
        Ma chi sono io per giudicare.

    • beppe says:

      quando mai avremo un’indagine senza fughe selettive delle notizie? alla redazione: potete ripescare l’articolo in cui si ipotizzava che le intercettazioni dei numeri delle ragazzine erano state prolungate per incastrare un maggior numero di clienti?

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download

Tempi Motori – a cura di Red Live

Rialzata, “rinforzata” nel look ma con lo stesso grande comfort di ogni Classe E, la All Terrain entra di forza nel segmento delle Statio Wagon rialzate. Offre tanto spazio e un comfort sontuoso, ma la sua attitudine off road è reale

L'articolo Prova Mercedes E 220 CDi All Terrain proviene da RED Live.

Potenza esagerata, guidabilità di alto livello e un motore capace di stupire per gestibilità ed erogazione. La Panigale V4 apre una nuova era in casa Ducati e lo fa non solo per le prestazioni ma anche per come le “serve” al pilota. Non è solo l’ultima supersportiva Ducati è un cambio di filosofia, che potrebbe piacere a molti

L'articolo Prova Ducati Panigale V4 S proviene da RED Live.

Rifatta da cima a fondo la crossover Subaru ha aumentato le sue capacità off road, migliorando al contempo il comportamento su strada. Più efficace e comoda migliora anche nella qualità percepita degli interni. Solo benzina per i motori Boxer che continuano ad avere un po’ di sete.

L'articolo Prova Subaru XV 2018 proviene da RED Live.

Prodotta in soli 150 esemplari, l'iconica fuoristrada inglese si può ordinare ad un prezzo di partenza di circa 170.000 euro

L'articolo Land Rover Defender Works V8: 405 cv per festeggiare i 70 anni proviene da RED Live.

Il tempo purtroppo passa per tutti e man mano che l’età avanza la nostra cara patente B richiede revisioni più frequenti. Scopriamo assieme passo a passo la procedura da seguire

L'articolo Come rinnovare la patente B proviene da RED Live.

Pasqua in Armenia - iStoria Viaggi