Google+

Avvicinarsi all’arte cinguettando. È possibile anche per le “capre”

gennaio 3, 2013 Redazione

Il critico Vittorio Sgarbi che gioca sul proprio snobismo e il professor Claudio Borghi con intento pedagogico-promozionale. Conoscere i quadri attraverso Twitter

C’è chi si stupisce che ci sia gente disposta a parlare di arte a tarda notte su un social network e pure durante le feste. C’è chi dispensa pillole di artistica cultura e in 140 caratteri ha anche il tempo di apostrofare come «capre» gli ignoranti inquilini del mondo circostante. L’uno è Claudio Borghi, economista docente in Cattolica ma anche esperto e collezionista d’arte. L’altro è il Vittorio Sgarbi nazionale, critico ed eccezionale divulgatore (sperando che il termine non lo offenda). Due professori e due tentativi nati come un esperimenti, ma premiati da un interessante successo di pubblico. O meglio: di followers e retweet, perché il consenso, su Twitter, si misura così.

GIOTTO E L’EFFETTO SPIELBERG. Sgarbi ha iniziato a twittare con l’ashtag #140art su suggerimento del suo agente David Guido Pietroni diversi mesi fa. Da allora si sono succeduti Masaccio, Mantegna, Leonardo, Giotto e molti altri. Lo spazio ristretto è sufficiente per accendere la curiosità e proporre spunti accattivanti. «Chi ha visto i suoi affreschi all’epoca – ha scritto Sgarbi parlando di Giotto – ha provato le stesse emozioni che abbiamo avuto noi per un film di Spielberg».

UN QUADRO AL GIORNO. Claudio Borghi, invece, ha cominciato poche settimane fa a proporre un quadro al giorno, per preparare il terreno al suo nuovo libro (Investire nell’arte, il 15 gennaio in uscita per Sperling&Kupfer). Fino ad ora ha presentato e commentato con l’aiuto e la collaborazione dei suoi follower opere, tra gli altri, di Giorgio De Chiricio, Carlo Carrà, Umberto Boccioni con l’ashtag #unquadroalgiorno.
Anche chi non usa Twitter può ripercorrere le discussioni artistiche, per Borghi nella sua pagina di Facebook (accessibile anche ai non iscritti al social network) e per Sgarbi sull’aggregatore Storify. E le conversazioni sono tutt’altro che finite. Come prometteva il  30 dicembre il professor Sgarbi ai suoi follower: «Terminerò Michelangelo dopo il 1 Gennaio e sarò con voi domani notte per ricordarvi che, anche nel 2013, sarete delle capre. Vi abbraccio».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

L’abito non fa il monaco. Mai affermazione fu più vera, specie nel caso della concept Infiniti Prototype 9, presentata in occasione del Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, e forte di una linea ispirata alle monoposto degli Anni ’30 e ’40. L’aspetto, come accennato, non deve però trarre in inganno: il “cuore” è decisamente […]

L'articolo Infiniti Prototype 9: sotto mentite spoglie proviene da RED Live.

Il Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, rappresenta da sempre un evento speciale per la BMW. La Casa di Monaco è infatti solita stupire presentando delle concept che anticipano modelli pressoché pronti a entrare in produzione. Quest’anno tocca a una delle roadster più affascinanti mai realizzate, oltre che una delle vetture più “anziane” della […]

L'articolo BMW Z4 Concept: una linea da urlo proviene da RED Live.

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana