Google+

Avvicinarsi all’arte cinguettando. È possibile anche per le “capre”

gennaio 3, 2013 Redazione

Il critico Vittorio Sgarbi che gioca sul proprio snobismo e il professor Claudio Borghi con intento pedagogico-promozionale. Conoscere i quadri attraverso Twitter

C’è chi si stupisce che ci sia gente disposta a parlare di arte a tarda notte su un social network e pure durante le feste. C’è chi dispensa pillole di artistica cultura e in 140 caratteri ha anche il tempo di apostrofare come «capre» gli ignoranti inquilini del mondo circostante. L’uno è Claudio Borghi, economista docente in Cattolica ma anche esperto e collezionista d’arte. L’altro è il Vittorio Sgarbi nazionale, critico ed eccezionale divulgatore (sperando che il termine non lo offenda). Due professori e due tentativi nati come un esperimenti, ma premiati da un interessante successo di pubblico. O meglio: di followers e retweet, perché il consenso, su Twitter, si misura così.

GIOTTO E L’EFFETTO SPIELBERG. Sgarbi ha iniziato a twittare con l’ashtag #140art su suggerimento del suo agente David Guido Pietroni diversi mesi fa. Da allora si sono succeduti Masaccio, Mantegna, Leonardo, Giotto e molti altri. Lo spazio ristretto è sufficiente per accendere la curiosità e proporre spunti accattivanti. «Chi ha visto i suoi affreschi all’epoca – ha scritto Sgarbi parlando di Giotto – ha provato le stesse emozioni che abbiamo avuto noi per un film di Spielberg».

UN QUADRO AL GIORNO. Claudio Borghi, invece, ha cominciato poche settimane fa a proporre un quadro al giorno, per preparare il terreno al suo nuovo libro (Investire nell’arte, il 15 gennaio in uscita per Sperling&Kupfer). Fino ad ora ha presentato e commentato con l’aiuto e la collaborazione dei suoi follower opere, tra gli altri, di Giorgio De Chiricio, Carlo Carrà, Umberto Boccioni con l’ashtag #unquadroalgiorno.
Anche chi non usa Twitter può ripercorrere le discussioni artistiche, per Borghi nella sua pagina di Facebook (accessibile anche ai non iscritti al social network) e per Sgarbi sull’aggregatore Storify. E le conversazioni sono tutt’altro che finite. Come prometteva il  30 dicembre il professor Sgarbi ai suoi follower: «Terminerò Michelangelo dopo il 1 Gennaio e sarò con voi domani notte per ricordarvi che, anche nel 2013, sarete delle capre. Vi abbraccio».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Sulla breccia da 39 anni, la Classe G ha saputo resistere alle mode puntando su robustezza, affidabilità e su alcuni clienti... "importanti"

L'articolo Classe G, la storia “sporca” della off road Mercedes proviene da RED Live.

DNA OFFROAD Al Salone di Detroit 2018 la Casa della Stella ha presentato la Nuova Mercedes Classe G. Che non ha tagliato in modo brusco i ponti con il passato e – tranquilli –  non si è rammollita: a lei, le SUV moderne fanno davvero un baffo. Nel senso che la G continua ad essere […]

L'articolo Nuova Mercedes Classe G 2018: nel solco della tradizione proviene da RED Live.

Seppur presentato nel 2016, il sistema di trazione integrale della Focus RS è tutt’oggi una soluzione ingegneristica avanzata ed è raro trovarne una descrizione chiara e completa. Siete sicuri di avere capito come funziona? Leggete per scoprirlo!

L'articolo Magia elettronica! La trazione integrale della Ford Focus RS proviene da RED Live.

In attesa della prova ecco le prime informazioni sul test che ci vedrà a Valencia in sella alla nuova Ducati Panigale V4

L'articolo Ducati Panigale V4 in attesa della prova proviene da RED Live.

Al volante della SUV “low cost” che migliora nei contenuti e nella guida mantenendo invariato il prezzo. Dacia ha vinto di nuovo la scommessa e ora offre una Duster più appetibile che mai

L'articolo Prova Dacia Duster 2018 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download