Google+

Australia, proseguono le ricerche dell’aereo malaysiano scomparso

marzo 21, 2014 Chiara Rizzo

Infruttuoso il pattugliamento della zona con gli aerei militari della Royal australian airforce. Intanto nel tratto di oceano indiano in cui sono stati avvistati dei relitti convergono molte navi internazionali

Sono tornati senza aver trovato tracce dei relitti fotrografati dai satelliti i 5 aerei della Royal air force australiana (Raaf) impegnata nella caccia al boeing 777 della Malaysia airlines scomparso l’8 marzo. «Quei reliti che galleggiavano poco tempo fa potrebbero essere affondanti» ha dichiarato il vicepremier australiano Warren. I relitti fotografati dal satellite non erano attribuibili con certezza al boeing, e occorrerebbe un confronto più diretto. Ma le operazioni sono rese molto complicate dalle cattive condizioni meteo di oggi sulla zona dell’oceano indiano al setaccio, che si trova a 2.300 km dalla costa di Perth.

CACCIA AL RELITTO. Gli aerei che impiega la Raaf sono i P8 – A Poseidon, che impiegano 8 ore prima di poter arrivare in zona, e scendere fino a mille piedi di quota (circa 300 metri dalla superfice del mare), per poi impiegare radar di bordo e visori infra-rossi per scandagliare meglio il tratto. Tuttavia l’intervento è stato inutile: intanto, dopo che ieri il premier australiano Tony Abott aveva annunciato la comparsa di due relitti «eventualmente» legati al Boeing, in quell’area dell’oceano indiano vengono convogliate da diversi paesi unità navali. In prima linea è impegnata la Cina che ha già inviato tre navi, che si trovavano nello Stretto di Malacca, più una nave rompighiaccio. Anche la marina militare statunitense Us Navy ha inviato delle unità, così come la Marina malaysiana. Un mercantile norvegese, quello che si troverebbe più vicino al tratto di mare, da ieri è in viaggio per raggiungerlo. L’obiettivo, oltre alla “caccia ai relitti” fotografati dal satellite, è anche la ricerca della fusoliera o delle scatole nere che, se l’aereo fosse ineffetti finito in mare, si potrebbero essere inabissate a centinai di chilometri di distanza. Il tratto di mare localizzato è all’estremita meridionale dell’arco di possibile fuga dell’aereo scomparso, calcolato in base alle ultime coordinate del volo rintracciate la mattina dell’8 marzo alle 8.11.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

Nel bel mezzo di Agosto, la Casa di Iwata lancia un criptico video teaser che anticipa quanto verrà svelato il 6 settembre alle 17:00: la Yamaha T7

L'articolo Yamaha T7, il video teaser proviene da RED Live.

Si chiama Nolan N90-2 ed è l’apribile entry level di Nolan. Adatto sia all’utilizzo in città sia per un lungo viaggio, costa 269,99 euro

L'articolo Nolan N90-2, apribile entry level proviene da RED Live.

I fiori mai sbocciati dell’automobilismo mondiale No, loro non ce l’hanno fatta. Non sono riuscite ad arrivare in produzione, perse nei meandri delle logiche commerciali, del marketing, degli eventi globali o, semplicemente, dell’indecisione dei costruttori. Sono quelle centinaia di concept car – o prototipi che dir si voglia – realizzati in piccolissimi numeri, quando non […]

L'articolo Le auto che non sono mai nate proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana