Google+

Spiegato l’aumento degli indeterminati. Ma senza crescita il sistema reggerà?

marzo 13, 2016 Pier Giacomo Ghirardini

Dicembre 2015 era l’ultimo mese a decontribuzione piena per le assunzioni a tempo indeterminato con contratti a tutele crescenti. A chi interessa capire?

Articolo tratto dal numero di Tempi in edicola (vai alla pagina degli abbonamenti) – Primo marzo 2016. Lui. Lei. Due statistici. Sono i primi a scoprire come va. I dati li fanno loro. Milioni di informazioni elementari convogliate e standardizzate in un data warehouse. Finalmente, davanti al programma di analisi, scorrono sul monitor decine di grafici a linee e una cascata di test statistici. Non si vedeva nulla di simile dal 2007. Le diagnostiche Tramo/Seats, un software che una ventina di persone sa maneggiare in tutt’Italia, non lasciano dubbi: le assunzioni nei settori economici e nelle tipologie di impiego di maggior rilevanza, prime fra tutte quelle a tempo indeterminato, nel mese di dicembre 2015 hanno registrato picchi inverosimili. Sì, nella matrice dei regressori di quasi tutte le serie, gli automatismi statistico-matematici hanno generato una colonna di 0, con un unico valore 1 all’altezza di dicembre 2015, riportante l’intestazione “Additive Outlier” (valore anomalo additivo), con livelli di significatività statistica (test t) così elevati da sembrare inventati a tavolino. È una «anomalia».

All’emozione subentra lo scrupolo. Dopo aver ricontrollato, i conti tornano tutti. All’unità. Iniziare ora a riflettere. Primo: dar conto dell’anomalia, come da manuale. Lui: era l’ultimo mese a decontribuzione piena per le assunzioni a tempo indeterminato con contratti a tutele crescenti: le imprese ci si sono buttate come desperate housewives sui saldi di fine stagione. Secondo: comparare i dati con altre fonti. Le statistiche Istat sulle forze di lavoro fino a dicembre hanno sì segnalato incrementi occupazionali, ma nulla a che vedere con gli incrementi dei rapporti di lavoro a tempo indeterminato annunciati dal ministero. Sanno però che lo schema di rotazione del campione scientifico Istat può arrivare a dar conto di variazioni così brusche solo con un certo ritardo nel tempo. Lui: a gennaio 2016 gli occupati Istat fanno il botto, il campione ruota e saltano fuori i nuovi occupati che le stime di dicembre però non potevano rilevare. Lei controlla: sono usciti adesso, 70 mila occupati dovuti a 99 mila dipendenti permanenti.

Esatto, ma soddisfazione professionale a parte, sanno che in tutte quelle assunzioni c’è poco per i più giovani e che la disoccupazione non cala. Chissà che l’«anomalia» non continui anche con la decontribuzione al 40 per cento? Fosse vero. Ma senza crescita le imprese licenziano come assumono. E l’Inps come pagherà un simile conto?

Ma di una cosa sono certi. Dei titoloni di Repubblica. E che a nessuno interessa capire. Ma per loro non c’è altro lavoro che provare a capire.

Foto Ansa


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

  1. Non servono soloni della statistica per capire. A parte gli stratagemmi per fare i titoloni che di fatto regolarizzano persone già assunte, ma la ricetta per crescere è davvero semplice e lo sappiamo tutti: 1) meno tasse per le imprese 2) meno burocrazia 3) più giustizia 4) più innovazione. Occorre uno shock culturale – calato dall’alto – che faccia capire a tutti, ma proprio tutti, che non si fa impresa con la finanza. Si fa impresa creando prodotti innovativi che vuole il mercato. Altrimenti si gioca a monopoli. Se poi si riuscisse anche a combattere l’evasione fiscale…

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Con un look esclusivo e sospensioni più raffinate la Yamaha MT-09 SP va a porsi al vertice della gamma della hyper naked tricilindrica di Iwata. Il suo prezzo è di 10.190 euro f.c.

L'articolo Prova Yamaha MT-09 SP proviene da RED Live.

Nissan propone per il 2018 un restyling di X-Trail che rinnova senza rivoluzionare. Le forme vengono riviste e la lunghezza complessiva aumentata a vantaggio di un bagagliaio più grande. Propulsore e meccanica rimangano invariate. Andiamo a scoprirla

L'articolo Prova Nissan X-Trail 1.6 dCi 130 CVT 2WD Tekna proviene da RED Live.

Sulla breccia da 39 anni, la Classe G ha saputo resistere alle mode puntando su robustezza, affidabilità e su alcuni clienti... "importanti"

L'articolo Classe G, la storia “sporca” della off road Mercedes proviene da RED Live.

DNA OFFROAD Al Salone di Detroit 2018 la Casa della Stella ha presentato la Nuova Mercedes Classe G. Che non ha tagliato in modo brusco i ponti con il passato e – tranquilli –  non si è rammollita: a lei, le SUV moderne fanno davvero un baffo. Nel senso che la G continua ad essere […]

L'articolo Nuova Mercedes Classe G 2018: nel solco della tradizione proviene da RED Live.

Seppur presentato nel 2016, il sistema di trazione integrale della Focus RS è tutt’oggi una soluzione ingegneristica avanzata ed è raro trovarne una descrizione chiara e completa. Siete sicuri di avere capito come funziona? Leggete per scoprirlo!

L'articolo Magia elettronica! La trazione integrale della Ford Focus RS proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download