Google+

Spiegato l’aumento degli indeterminati. Ma senza crescita il sistema reggerà?

marzo 13, 2016 Pier Giacomo Ghirardini

Dicembre 2015 era l’ultimo mese a decontribuzione piena per le assunzioni a tempo indeterminato con contratti a tutele crescenti. A chi interessa capire?

Articolo tratto dal numero di Tempi in edicola (vai alla pagina degli abbonamenti) – Primo marzo 2016. Lui. Lei. Due statistici. Sono i primi a scoprire come va. I dati li fanno loro. Milioni di informazioni elementari convogliate e standardizzate in un data warehouse. Finalmente, davanti al programma di analisi, scorrono sul monitor decine di grafici a linee e una cascata di test statistici. Non si vedeva nulla di simile dal 2007. Le diagnostiche Tramo/Seats, un software che una ventina di persone sa maneggiare in tutt’Italia, non lasciano dubbi: le assunzioni nei settori economici e nelle tipologie di impiego di maggior rilevanza, prime fra tutte quelle a tempo indeterminato, nel mese di dicembre 2015 hanno registrato picchi inverosimili. Sì, nella matrice dei regressori di quasi tutte le serie, gli automatismi statistico-matematici hanno generato una colonna di 0, con un unico valore 1 all’altezza di dicembre 2015, riportante l’intestazione “Additive Outlier” (valore anomalo additivo), con livelli di significatività statistica (test t) così elevati da sembrare inventati a tavolino. È una «anomalia».

All’emozione subentra lo scrupolo. Dopo aver ricontrollato, i conti tornano tutti. All’unità. Iniziare ora a riflettere. Primo: dar conto dell’anomalia, come da manuale. Lui: era l’ultimo mese a decontribuzione piena per le assunzioni a tempo indeterminato con contratti a tutele crescenti: le imprese ci si sono buttate come desperate housewives sui saldi di fine stagione. Secondo: comparare i dati con altre fonti. Le statistiche Istat sulle forze di lavoro fino a dicembre hanno sì segnalato incrementi occupazionali, ma nulla a che vedere con gli incrementi dei rapporti di lavoro a tempo indeterminato annunciati dal ministero. Sanno però che lo schema di rotazione del campione scientifico Istat può arrivare a dar conto di variazioni così brusche solo con un certo ritardo nel tempo. Lui: a gennaio 2016 gli occupati Istat fanno il botto, il campione ruota e saltano fuori i nuovi occupati che le stime di dicembre però non potevano rilevare. Lei controlla: sono usciti adesso, 70 mila occupati dovuti a 99 mila dipendenti permanenti.

Esatto, ma soddisfazione professionale a parte, sanno che in tutte quelle assunzioni c’è poco per i più giovani e che la disoccupazione non cala. Chissà che l’«anomalia» non continui anche con la decontribuzione al 40 per cento? Fosse vero. Ma senza crescita le imprese licenziano come assumono. E l’Inps come pagherà un simile conto?

Ma di una cosa sono certi. Dei titoloni di Repubblica. E che a nessuno interessa capire. Ma per loro non c’è altro lavoro che provare a capire.

Foto Ansa


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

  1. Impresa Pratica scrive:

    Non servono soloni della statistica per capire. A parte gli stratagemmi per fare i titoloni che di fatto regolarizzano persone già assunte, ma la ricetta per crescere è davvero semplice e lo sappiamo tutti: 1) meno tasse per le imprese 2) meno burocrazia 3) più giustizia 4) più innovazione. Occorre uno shock culturale – calato dall’alto – che faccia capire a tutti, ma proprio tutti, che non si fa impresa con la finanza. Si fa impresa creando prodotti innovativi che vuole il mercato. Altrimenti si gioca a monopoli. Se poi si riuscisse anche a combattere l’evasione fiscale…

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana