Google+

«Gli attentatori jihadisti di Parigi miravano alle centrali nucleari del Belgio»

febbraio 18, 2016 Redazione

La polizia belga, secondo il sito Dh.be, ha trovato un video che «tende a dimostrare che l’obiettivo ultimo era condurre un attacco nucleare sul continente europeo»

In Belgio l’inchiesta iniziata per scovare gli autori degli attentati di Parigi, che il 13 novembre hanno fatto 130 morti, sembra aver preso una piega inquietante. Secondo il sito francofono di informazione belga Dh.be, «le indagini hanno permesso di mettere le mani su una prova materiale che tende a dimostrare che l’obiettivo ultimo [della cellula jihadista] era riuscire a condurre un attacco nucleare sul continente europeo».

VIDEO DI 12 ORE. Durante una delle decine di perquisizioni fatte nelle settimane successive alla strage, gli inquirenti belgi hanno trovato un video di dodici ore. Per tutta la durata del filmato, l’obiettivo della telecamera è puntato sulla stessa porta. Dopo settimane, si è scoperto che la casa monitorata si trova nelle Fiandre ed appartiene al direttore del programma di ricerca e sviluppo nucleare belga.

SICUREZZA AUMENTATA. Analizzando le immagini di una telecamera di sorveglianza posta lì vicino, la polizia ha scoperto che la macchina da presa era stata nascosta in un cespuglio coperta da un po’ di paglia. A recuperarla sono stati due sospetti non ancora identificati, ma «sicuramente legati alla cellula terrorista di Parigi». Ora l’inchiesta prosegue e nonostante sia solamente una supposizione quella che lega le riprese alla volontà dei jihadisti di condurre un attacco alle centrali nucleari belghe, il governo ha deciso nell’ultima settimana di «aumentare la sicurezza intorno alle centrali».

Foto Ansa


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

4 Commenti

  1. Susanna Rolli says:

    Aumentino pure i controlli di sicurezza, se può servire a tranquillizzarli almeno un poco.

  2. Aragorn says:

    lo stato belga ,ha ancora-alla luce di ciò chè riporta l’articolo- la norma chè dalle 17,00 alle 8,00 del giorno
    dopo non si possono effetuare arresti? Ciò ha permesso la fuga dell’ideatore delle stragi parigine.
    Come è possibile tutto ciò nella nazione in cui è situato il governo europeo? Credo che sono molto presi a
    emanare sanzioni economiche a chi non rispetti i parametri,piuttosto di affrontare dei terroristi che già conoscevano. Ma-mi chiedo- dov’è l’eccellenza politica che sfoggiano sempre questi politici ?

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download

Tempi Motori – a cura di Red Live

Fervono i preparativi per la 10ª volta del raduno internazionale Ducati, una tre giorni in cui incontrare campioni, partecipare a contest, a corsi di guida e molto altro. Aperta la vendita dei biglietti

L'articolo World Ducati Week, 20-21-22 luglio 2018. Info e biglietti proviene da RED Live.

Trionfare alla Pikes Peak e riportare i riflettori sulla I.D. family, la gamma dei prototipi elettrici che ultimamente tiene banco nello stand Volkswagen durante i tutti principali Saloni. Sono queste le due missioni affidate alla strabiliante supercar I.D. R Pikes Peak, svelata nei giorni scorsi ad Alès, in Francia, città natale del leggendario Jacky Ickx. […]

L'articolo Volkswagen I.D. R Pikes Peak, un fulmine sulla vetta proviene da RED Live.

Non è usuale per Kawasaki variare sul tema a così poca distanza dal lancio di un nuovo modello, ma nel caso della Z900RS ha fatto uno strappo alla regola. La “colpa” è di Norikazu Matsumura – il designer che ha concepito la modern classic di casa Kawa -, che complice anche una certa insistenza della […]

L'articolo Prova Kawasaki Z900RS Cafe proviene da RED Live.

È l'outfit scelto dal campione Fabian Cancellara. Composto da maglia e salopette corta+ è disponibile a partire da 89,95 euro

L'articolo Gore C5 Optiline proviene da RED Live.

Costruito in Cina, non è solo mastodontico e pressoché indistruttibile, ma anche costosissimo. La meccanica è quella di un pick-up Ford mentre l'obiettivo è quello di conquistare i facoltosi petrolieri arabi o i magnati russi e cinesi

L'articolo Karlmann King <br> il SUV indistruttibile più caro del mondo proviene da RED Live.