Google+

L’Associazione inglese delle scuole femminili sconsiglia l’uso della parola “femmine”

giugno 26, 2016 Benedetta Frigerio

È l’ultima trovata dei maggiorenti dell’ideologia gender in Gran Bretagna. Per includere i maschi che si sentono femmine e viceversa, al posto di “ragazze” bisognerebbe usare termini neutri come “alunni”

gender-sh-98453501

La Girls’ School Association (Gsa) ha consigliato agli istituti femminili di non usare più la parola “girl” per riferirsi alle alunne. Il termine, infatti, sarebbe troppo poco inclusivo e sarebbe meglio optare per un linguaggio più neutro, in cui al posto di “ragazze” si usino termini come “alunni” o “studenti”. È l’ultima trovata dei maggiorenti dell’ideologia gender in Gran Bretagna. Oltre a utilizzare un vocabolario politicamente corretto, che tenga conto di eventuali maschi che si sentono o vogliono diventare femmine e viceversa, per cui le insegnanti non potranno chiamare le alunne “signorine”, le scuole dovrebbero anche adottare altre misure come l’apertura di gabinetti e spogliatoi unisex.

LE PRESSIONI. Caroline Jordan, presidente della Gsa, non vuole che «nessuno pensi che le femmine o i maschi siano spinti in un unico senso ad essere maschi o femmine». La “svolta” è arrivata dopo le pressioni dell’associazione nazionale Gender Intelligence, che mira alla «formazione della consapevolezza transessuale». Secondo il suo presidente, Jay Stewart, l’1 per cento della popolazione è transessuale e le nuove linee guida contro gli «stereotipi» aiutano a non sentirsi «strani». E il «fulcro della questione» per Jordan «è che le scuole hanno il dovere di prendersi cura dei loro alunni, inclusi quelli che decidono per il cambiamento di sesso». E siccome «il linguaggio è una parte di questa complessa tematica educativa, la Gsa, che ha una lunga storia di eccellenza nella cura pastorale, è in prima linea nel mostrare la prassi migliore e nell’includere gli alunni transessuali».

LETTERE AI GENITORI. Quella della Gsa è solo l’ultima di una serie di iniziative politicamente corrette nelle scuole inglesi. Ad aprile i Consigli comunali di Brighton e Hove avevano spedito una lettera alle famiglie con figli nella scuola primaria, chiedendo loro di confermare la presenza dei bambini per l’anno successivo e di indicare il «genere con cui si identificano». Alle proteste di molti genitori, hanno risposto: «Riconosciamo che non tutti i bambini e i giovani si identificano con il genere che gli è stato assegnato alla nascita, ma il sistema scolastico (su scala nazionale) registra solo il genere femminile e maschile. In ogni modo, per favore, aiuta tuo figlio a scegliere il genere con cui si identifica di più».

Foto da Shutterstock

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

11 Commenti

  1. Sebastiano says:

    Brexit, per fortuna…

  2. Toni says:

    Fa venire la pelle d’oca. Gente disturbata con un minimo d potere e vedi cosa ti combinano.

  3. gianluca segre says:

    Il gender nelle scuole? è già arrivato. Qui abbiamo l’idiozia del politically correct allo stato puro.
    Tra un po’ dare il nome ai figli sarà un’imposizione, o una forzatura. Arriveremo tra breve alla dicitura anagrafica “nome provvisoriamente attribuito”.. Altro che fiocchi rosa e azzurri alla porta!
    Ero in passeggiata con mia moglie, e avvicinandomi alla panchina dove erano in conversazione una nostra nipote liceale con una bimba di 8 anni, mi sono sentito dire: “Qui facciamo discorsi da femmine”. La bambina non ha ancora interiorizzato i consigli di Caroline Jordan e della Gsa. Ma basterà qualche bel corso a scuola, per raddrizzarla!

    • andrea udt says:

      8 anni ed è già eteronormata.

      Si vede che ha fatto troppe feste della mamma e del papà e il pregiudizio eterosessista che struttura l’omofobia sta germinando nella creatura.

      Rimedi possibili:

      1) lettura propedeutica del “piccolo uovo”

      2) studio di “piccolo uovo: maschio o femmina?”

      3) correre all’anagrafe e correggere il nome se e’ di tipo eteronormativo. Esempio: Giorgia va corretto in Giorgi*, Maria in Mari*

      4) consultare uno degli psicologi del comitato scientifico di famiglie arcobaleno.

      Se queste non funzionano la bimba è persa: e’ omofoba! Vai isolata e bannata.

  4. Giannino Stoppani says:

    Ubi bischerata ibi Galasi.

    • giovanna says:

      Pensa, Giannino, che ,quando ero incinta , una conoscente, che credeva avessi già partorito, mi chiese per telefono il sesso del figlio e quando le dissi che non si sapeva, ci rimase secca !
      Ora, non si stupirebbe più di tanto !
      Ma il figlio sempre maschio o femmina è !
      Persino la trollona, quando ventilai l’ ipotesi che fosse maschio , per la freddezza e il distacco con cui trattava temi femminili ( non si sapeva ancora della sua problematica psichica ), si seccò tantissimo.
      Le ci vorrebbe una bella rieducazione dal Galasi , il pedagogo cui tutti affideremmo i nostri figli.

      Gianluca Segre, questa è gente, forse, in minima parte, anche in buona fede, che non vede bambini da anni, che non ha figli, che è favorevole all’a borto, che non capisce niente di bambini, né di cosa sia l’ uomo o la donna : invece di cercare di aiutare i pochi bambini problematici o traumatizzati o con situazioni familiari disastrate, seminano confusione su tutti gli altri .
      Come se noi, per aiutare la trollona, per farla sentire normale, cominciassimo a postare con decine di nick, inventando storielle su storielle !

  5. lucia says:

    non so voi ma io sono davvero stufa di questi cialtroni.Sono quattro gatti e riescono a rompere le scatole a tutti.Hanno importanza perchè trovano sempre qualcuno che parla di loro,o nel bene o nel male.

  6. Cisco says:

    C’è da chiedersi perché la “Girls’ School Association (Gsa)” non abbia ancora cambiato nome…

  7. Rolli Susanna says:

    Io, che sono un vero genitore dei miei figli (a noi non piacciono gli inciuci -le manovre poco chiare) con la carta delle lettera di cui nell’articolo ci farei degli aeroplanini da gettare giù dai bagni dei piani superiori -delle scuole,ovviamente ; oppure opterei per un riciclo, sempre delle suddette lettere, attinente l’uso dei bagni -sempre loro: mi è venuta così.

    • Rolli Susanna says:

      ..perchè la carta si ricava dagli alberi, che diamine!!, ci scrivessero lettere d’amore o poesie….niente!, ci scrivono scempiaggini!, si potrà offendere così un povero albero innocente? No, dico sul serio stavolta!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Forse non sarà la supercar più aggraziata sulla faccia del Pianeta, ma è senza dubbio la McLaren più estrema mai realizzata. Il suo nome è Senna, in omaggio all’indimenticabile pilota brasiliano, e il peso a secco è da urlo: 1.198 kg. L’erede della hypercar P1, contrariamente ai rumors che la volevano ibrida come l’antenata, rinuncia […]

L'articolo McLaren Senna: la più estrema di sempre proviene da RED Live.

Il preparatore americano Hennessey sembra avere un’unica missione nella vita: lasciare a bocca aperta. Dopo aver creato sia la Venom GT, hypercar in grado di toccare i 435 km/h grazie a un V8 7.0 biturbo da 1.451 cv, sia l’evoluzione Venom F5, accreditata sulla carta di una velocità massima di oltre 480 km/h, ora si […]

L'articolo Hennessey VelociRaptor 6×6: forza bruta proviene da RED Live.

La nuova Multistrada 1260 cambia radicalmente con le novità che riguardano circa il 30% del progetto; smussa gli spigoli vivi del motore precedente motore e guadagna nella guida ora più fluida e rotonda meno reattiva.

L'articolo Prova Ducati Multistrada 1260 proviene da RED Live.

Per le piccole inglesi supersportive è già tempo di pista. Al freddo dell'autodromo di Cremona partono i primi test della stagione. Il nuovo calendario prevede anche una trasferta al Paul Ricard. C'eravamo anche noi

L'articolo MINI Challenge, è già 2018 proviene da RED Live.

La 5 porte giapponese saluta da lontano le quattro generazioni che l’hanno preceduta, mostrando linee più slanciate e tante possibilità di personalizzazione. Si dota inoltre di dispositivi di controllo appannaggio di auto di segmento superiore. Prezzi a partire da 16.700 euro

L'articolo Prova Nissan Micra N-Connecta IG-T proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download