Google+

Assange, da rifugiato politico ad aspirante senatore australiano

febbraio 1, 2013 Redazione

Wikileaks ha reso nota la candidatura del suo fondatore al Senato australiano. Per le elezioni del 14 settembre l’attivista ha fondato un partito ispirato ai principi della sua organizzazione

Da troppo tempo non si sentiva parlare di Julian Assange. Ma il programmatore e giornalista australiano ha deciso di tornare alla ribalta con un annuncio molto particolare, diffuso attraverso il profilo Twitter di Wikileaks, l’organizzazione da lui stesso fondata: «Australia: Julian Assange ha confermato che correrà alle elezioni del 2013 per un seggio in Senato». Chi pensava a uno scherzo si è dovuto ricredere quando a confermare la notizia è stata la madre di Julian, Christine Assange, felicissima di vedere il figlio impegnato in una nuova sfida professionale: «Alla Camera ci troviamo a scegliere fra il partito lacché degli Usa numero uno e il partito lacché degli Usa numero due, i nostri due maggiori partiti. Sarà bellissimo avere Julian nel Senato per un po’ di vigilanza».

SENATO. In molti si chiedono come farà Assange a partecipare attivamente alla campagna elettorale, dato che da mesi è ospite dell’ambasciata dell’Ecuador a Londra come rifugiato politico. Secondo Wikileaks la carta costituzionale australiana permetterebbe l’elezione di Assange al Senato, ma il vero problema è il tempo. Se il neosenatore non riuscisse a a entrare in Parlamento a due mesi di distanza dalla sua nomina –  si vota il prossimo 14 settembre – scatterebbe immediata la sostituzione. A prendere il suo posto sarebbe un altro esponente del suo partito ispirato ai valori che muovono Wikileaks – in prima fila la trasparenza dei governi -, della cui formazione si sta occupando il padre dell’attivista, che si trova in Australia per sbrigare tutte le pratiche burocratiche necessarie. Intanto Assange continua a dimorare nell’ambasciata ecuadoregna per sfuggire all’estradizione in Svezia, dov’è ricercato per rispondere alle accuse di aggressione sessuale.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line è una suv compatta per chi va sempre di corsa ma non per questo manca di praticità. Si parte da 46.000 euro.

L'articolo Prova Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line proviene da RED Live.

Mentre tutti sono sotto l’ombrellone, la Casa varesina presenta le ultime due moto che mancavano all’appello dell’Euro4: le F3 (675 e 800) e la Dragster 800 RR. E con l’occasione…

L'articolo MV Agusta F3 e Dragster 800 RR Euro4 proviene da RED Live.

La fame del colosso indiano Bajaj sembra non avere fine: dopo aver conquistato il 49% del Gruppo KTM, ora punta a un noto Marchio inglese. Nasce così la partnership (commerciale) Triumph e Bajaj

L'articolo Triumph e Bajaj, insieme per le piccole proviene da RED Live.

Black Jack, come il gioco d’azzardo che coinvolge banco e giocatori. In questo caso, però, il ruolo del casinò viene interpretato dalla Opel e l’oggetto del desiderio non è il classico “21”, bensì la city car Adam in edizione speciale. L’inedito allestimento Black Jack, che esalta l’inclinazione alla personalizzazione tipica dell’utilitaria tedesca, porta in dote […]

L'articolo Opel Adam Black Jack: scommessa vinta proviene da RED Live.

Dopo il successo ottenuto con la 300, Beta allarga ulteriormente la gamma delle enduro “facili”: ora è il momento della Beta XTrainer 250, moto facile per alcune soluzioni ma comunque capace di grandi cose

L'articolo Beta Xtrainer 250 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana