Google+

«L’arresto del Pd Genovese non era necessario. Renzi ha ceduto alla barbarie di Grillo e alla provocazione dei magistrati»

maggio 23, 2014 Francesco Amicone

Intervista a Maurizo Bianconi (Pdl). «Le esigenze per la custodia in carcere non c’erano, tanto è vero che è già ai domiciliari». «Come si può pensare di promuovere la giustizia inseguendo i grillini?»

Il Pd non avrebbe dovuto autorizzare l’arresto del suo deputato Francantonio Genovese. Lo sostiene Maurizio Bianconi (Fi), ex vicecapogruppo del Pdl. Bianconi attacca la decisione di dare l’ok alla richiesta d’arresto della Procura di Messina per un motivo: «Le esigenze di custodia cautelare non c’erano, come ho detto alla Camera». «Erano motivate solo da un presupposto culturale: che un deputato è un uomo potente e quindi può fuggire, inquinare le prove, reiterare il reato», spiega Bianconi a tempi.it. «In pratica, secondo i pm, il fatto di essere un parlamentare è scriminante per mettere in galera la gente. Una cosa assurda».

Genovese è stato in galera per una settimana. Dal 15 al 21 maggio. Sulla base di quali motivazioni la Camera ha autorizzato la sua richiesta di arresto?
Il Parlamento autorizza l’arresto di un suo componente sulla base delle carte dei pm e non dei giudici. Perciò i deputati e i senatori, in teoria, sono chiamati a giudicare non la colpevolezza di un imputato, o l’opportunità politica di farlo arrestare, ma la sussistenza delle esigenze cautelari. Inoltre devono verificare che non vi siano prove che indichino fumus persecutionis. In questo caso, le prove del fumus persecutionis c’erano.

Quali?
Come ho detto, non si può chiedere un arresto adducendo come motivo il fatto che il presunto innocente sia un deputato. Non è una prova della sua pericolosità, ma denota semmai un pregiudizio culturale sui politici. Secondo, poiché i fatti di cui si sarebbe reso colpevole Genovese erano già noti da tempo, che senso aveva metterlo in carcere? La dimostrazione della non necessità della custodia cautelare in carcere è che, dopo una settimana, Genovese è andato ai domiciliari.

Renzi ha lasciato che l’autorizzazione all’arresto di un suo deputato avvenisse con voto palese. Trasformare una richiesta di arresto in una questione politica è stato un errore?
Certo. Renzi e il Pd hanno ceduto alla barbarie di Grillo e alla provocazione dei magistrati. Non si può consentire ai magistrati di dettare legge alla politica e di determinare le procedure parlamentari. Soprattutto dopo lo spettacolo tremendo a cui abbiamo assistito nella Procura di Milano. Come si può pensare di promuovere la giustizia inseguendo i grillini?

In un’intervista al Fatto Quotidiano Renzi si è proclamato un garantista.
Non si può fare i Torquemada e i difensori delle istituzioni a giorni alterni. Se si vuole rispettare le istituzioni e lo stato di diritto bisogna anche assumersi la responsabilità delle proprie scelte. Il centrosinistra non ha nemmeno chiesto il voto segreto, influenzando ovviamente le decisioni dei singoli deputati, che avrebbero dovuto scegliere in coscienza e non in base alle pressioni politiche. Questa è già la terza volta che succede, dopo l’arresto di Alfonso Papa e la decadenza di Silvio Berlusconi. Non è una bella notizia per la democrazia.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

2 Commenti

  1. Giovanna says:

    Eccomi

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

Permette di registrare tragitti, monitorare lo stato del manto stradale, analizzare e condividere con altri appassionati informazioni e dati. Si scarica gratuitamente da Apple Store e Google Play

L'articolo Sicurezza in moto? Arriva Moto App proviene da RED Live.

La coupé dei quattro anelli festeggia il compleanno con un restyling lieve, che porta in dote più potenza e una dotazione arricchita

L'articolo Audi TT 2018, il restyling per i 20 anni proviene da RED Live.

La Renault Scenic porta al debutto la nuova motorizzazione 1.3 Tce in configurazione da 140 e 160 cv. Un quattro cilindri Tutbo benzina molto evoluto che vuole fare le scarpe al Diesel

L'articolo Prova Renault Scenic 1.3 TCe 140 e 160 cv proviene da RED Live.

Assieme ad ABS ed ESP, il sistema di controllo elettronico della trazione è un cardine dei sistemi di sicurezza montati sulla vostra auto. Nel caso non lo sappiate, è un dispositivo elettronico in grado di rendervi le cose più semplici quando la strada è scivolosa. Scopriamolo assieme

L'articolo ASR, cos’è e come funziona il controllo di trazione delle auto proviene da RED Live.

400 cv, 855 kg e 2G di accelerazione laterale. La prima Dallara omologata per circolare su strada vanta prestazioni da capogiro. Disponibile in configurazione barchetta, targa o coupé scatta da 0 a 100 km/h in 3,25 secondi. E noi ci abbiamo fatto un giro

L'articolo Dallara Stradale, siamo saliti sulla barchetta dei record proviene da RED Live.