Google+

Arrestare senza processo le persone e “farle sparire”? Da oggi in Cina è legale

marzo 14, 2012 Leone Grotti

Ieri si è conclusa l’Assemblea nazionale del popolo, il “Parlamento” cinese, e ha approvato un emendamento al Codice penale che rende legali le famigerate “black jail”. La polizia potrà far sparire legalmente fino a sei mesi chiunque non piaccia al regime comunista.

Da ieri le sparizioni forzate, le cosiddette “black jail“, sono legali in Cina. Grazie all’approvazione di un emendamento al Codice penale da parte dell’Assemblea nazionale del popolo (Anp), il “Parlamento” che si riunisce una volta all’anno e ratifica le decisioni prese dal Politburo del Partito comunista, la polizia potrà arrestare e “far sparire” in luoghi sconosciuti dissidenti, “terroristi” e persone che mettono in pericolo la sicurezza nazionale senza bisogno di prove, di un’accusa o di un processo. La detenzione può durare al massimo sei mesi.

La revisione del Codice penale è passata con 2.639 voti a favore, 160 contrari e 57 astenuti. Il “Parlamento” cinese, i cui lavori si sono conclusi ieri, ha così reso legale la pratica degli arresti indiscriminati. Un articolo della legge prevede però che la famiglia del detenuto debba essere avvista entro 24 ore. Non si capisce, però, se il luogo della detenzione potrà essere rivelato. Come dichiarato dall’avvocato del famoso architetto Ai Weiwei, che l’anno scorso è “sparito” per diversi mesi, c’è poco da essere felici per questa concessione perché «la norma è scritta sulla carta, ma bisogna vedere poi se la legge viene rispettata». Solo nel 2011 sono sparite oltre 3 mila persone. Secondo AsiaNews l’86 per cento degli arresti non aveva alcuna base legale. Quello che preoccupa di più gli attivisti che si battono per la democrazia in Cina è che l’accusa di “danneggiare la sicurezza nazionale” è una formula così vaga che può essere usata contro chiunque non vada a genio al regime comunista.

Sempre nell’annuale sessione del “Parlamento” ha fatto discutere la decisione di aumentare il budget militare dell’11,2 per cento portando così la spesa per l’esercito nel 2012 a 670,3 miliardi di yuan (circa 76 miliardi di euro). È dal 1990 che la Cina aumenta ogni anno la sua spesa militare di oltre il 10 per cento. Si è parlato meno di quanto Pechino spenderà nel 2012 per la sicurezza interna (e quindi anche per le sparizioni forzate): 701,8 miliardi di yuan (circa 80 miliardi di euro), il 13,8 per cento in più rispetto all’anno scorso. A partire da questi numeri si capiscono meglio gli appelli del segretario del Partito comunista Hu Jintao a «mantenere la stabilità sociale», viste le oltre 180 mila proteste di piazza all’anno, e a «difendere il paese dalle minacce esterne e interne».

Nei fatti, soprattutto se si pensa alla recente repressione delle proteste dei tibetani, sembra essere rimasto inascoltato l’appello che il premier Wen Jiabao ha fatto ieri al Parlamento nel suo discorso conclusivo che ha sancito la fine dei lavori annuali: «Dobbiamo attuare riforme strutturali economiche e politiche, soprattutto nell’ambito del sistema della leadership nel Partito e nella nazione». «Senza una efficace riforma politica strutturale – ha aggiunto – sarà impossibile attuare in pieno riforme strutturali economiche. I guadagni che abbiamo fatto in questo campo potrebbero disperdersi». Wen si è spinto a dire che «se i nuovi problemi sorti nella società cinese non si possono risolvere, potrebbe succedere ancora una tragedia storica come la Rivoluzione culturale». È da più di un anno che il premier chiede «riforme strutturali» ma alle sue parole non sono ancora seguiti fatti concreti. Anzi. Le centinaia di persone che in questi giorni si sono presentate davanti al “Parlamento” per presentare petizioni e lamentele, come previsto dalla legge cinese, sono state arrestate, “fatte sparire” o rimandate indietro. Wen ha parlato però in modo più esplicito di altre volte, forse perché questo potrebbe essere il suo ultimo discorso ufficiale, in vista del rinnovo il prossimo autunno della Commissione permanente del Politburo del Partito comunista.
twitter: @LeoneGrotti

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Debutto in tenuta mimetica per la nuova BMW X2, SUV coupé dalle dimensioni compatte destinata all’unveiling ufficiale in occasione del prossimo Salone di Francoforte (14-24 settembre). Bruciando le tappe, l’auto è stata parzialmente svelata del magazine lifestyle Highsnobiety che le ha dedicato un’intera gallery fotografica. La sport utility di Monaco, nonostante la camuffatura, lascia intuire […]

L'articolo BMW X2: la mini SUV coupé proviene da RED Live.

Si parla spesso, troppo spesso, di rivoluzione. Quasi sempre a sproposito. Questa volta, però, le motivazioni ci sono tutte. E sono fatte di metallo, cromature, pistoni e storia. Harley-Davidson ribatte alle accuse di scarsa vivacità sul mercato con una offensiva senza precedenti, persino superiore per numero di novità al Project Rushmore che ha cambiato in […]

L'articolo Harley-Davidson, rivoluzione 2018 proviene da RED Live.

No, decisamente la Volkswagen non poteva restare a guardare. Il segmento delle B-Suv, vale a dire delle sport utility compatte, vive un momento di grande fermento e successo. La Casa tedesca, che sinora aveva nella Tiguan la proposta più “piccola”, doveva correre ai ripari. Ecco dunque avvicinarsi la presentazione ufficiale, prevista in occasione del Salone […]

L'articolo Volkswagen T-Roc: pronta alla battaglia proviene da RED Live.

L’abito non fa il monaco. Mai affermazione fu più vera, specie nel caso della concept Infiniti Prototype 9, presentata in occasione del Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, e forte di una linea ispirata alle monoposto degli Anni ’30 e ’40. L’aspetto, come accennato, non deve però trarre in inganno: il “cuore” è decisamente […]

L'articolo Infiniti Prototype 9: sotto mentite spoglie proviene da RED Live.

Il Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, rappresenta da sempre un evento speciale per la BMW. La Casa di Monaco è infatti solita stupire presentando delle concept che anticipano modelli pressoché pronti a entrare in produzione. Quest’anno tocca a una delle roadster più affascinanti mai realizzate, oltre che una delle vetture più “anziane” della […]

L'articolo BMW Z4 Concept: una linea da urlo proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana