Google+

L’arcivescovo di Erbil rinnova l’invito a papa Francesco: «Sua visita in Iraq possibile e essenziale»

maggio 14, 2015 Redazione

«Francesco mi ha detto che il suo entourage non gli consente il viaggio per evidenti motivi di sicurezza ma io ritengo che sia possibile. Ci vorrà soltanto un po’ di tempo».

aiuti acs kurdistan«Una visita del Pontefice in Kurdistan è essenziale. Ne ho parlato con Papa Francesco lo scorso novembre a Roma e lui stesso ha espresso il desiderio di venire in Iraq». Così dichiara ad Aiuto alla Chiesa che Soffre monsignor Bashar Warda, arcivescovo caldeo di Erbil, capoluogo del Kurdistan iracheno. «Francesco mi ha detto che il suo entourage non gli consente di compiere un tale viaggio per evidenti motivi di sicurezza – aggiunge – ma io ritengo che sia possibile organizzare una visita. Ci vorrà soltanto un po’ di tempo».

Monsignor Warda racconta come nella sua diocesi abbiano trovato rifugio decine di migliaia di cristiani fuggiti dalle violenze dello Stato Islamico e riferisce dei significativi progressi compiuti nell’assistenza umanitaria. «Un risultato raggiunto soprattutto grazie ad Aiuto alla Chiesa che Soffre: il nostro partner principale in questa drammatica crisi». ACS ha infatti donato oltre 4 milioni e 800 mila euro a sostegno dei rifugiati, finanziando progetti quali abitazioni e scuole prefabbricate.

Migliaia di sfollati in Kurdistan attendono di conoscere quale sarà il loro futuro. «Se vi fossero segni di una riconquista delle aree occupate da Isis da parte dell’esercito, i cristiani sarebbero incoraggiati a rimanere in Iraq. Tuttavia, anche qualora Mosul e la Piana di Ninive fossero liberate, i fedeli dovrebbero attendere mesi prima di poter ritornare nelle proprie case».

Monsignor Warda è scettico riguardo alla possibilità di una protezione internazionale delle aree a maggioranza cristiana intorno a Mosul. «Considerata la situazione ad alto rischio, molte nazioni non vorranno inviare le proprie truppe. Prima di un qualsiasi intervento si dovrà poi avviare un processo di riconciliazione così che i vicini paesi musulmani non vedano nelle forze internazionali una presenza ostile».

Per il presule sono inoltre necessari maggiori sforzi per una pacificazione interna al paese. «Dal 2003 ad oggi sono morte almeno di 25 mila persone a causa degli scontri tra sciiti e sunniti – afferma monsignor Warda – Per porre fine all’odio servirà un serio impegno sia della nostra classe politica che di potenze regionali quali Iran e Arabia Saudita, che da sempre influenzano la politica irachena».

La presenza cristiana ha un ruolo cruciale per il futuro equilibrio interno dell’Iraq. «Attraverso le nostre scuole e la nostra presenza promuoviamo di una cultura di dialogo, riconciliazione e pace. L’Iraq non sarebbe lo stesso senza cristiani».

Testo e foto di Acs Italia


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

  1. giorgio says:

    Il Pastore ha sacrificato la Sua vita pur di salvare le Sue pecore. Perché il Papa non dovrebbe andare ad Erbil?

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Nissan propone per il 2018 un restyling di X-Trail che rinnova senza rivoluzionare. Le forme vengono riviste e la lunghezza complessiva aumentata a vantaggio di un bagagliaio più grande. Propulsore e meccanica rimangano invariate. Andiamo a scoprirla

L'articolo Prova Nissan X-Trail 1.6 dCi 130 CVT 2WD Tekna proviene da RED Live.

Sulla breccia da 39 anni, la Classe G ha saputo resistere alle mode puntando su robustezza, affidabilità e su alcuni clienti... "importanti"

L'articolo Classe G, la storia “sporca” della off road Mercedes proviene da RED Live.

DNA OFFROAD Al Salone di Detroit 2018 la Casa della Stella ha presentato la Nuova Mercedes Classe G. Che non ha tagliato in modo brusco i ponti con il passato e – tranquilli –  non si è rammollita: a lei, le SUV moderne fanno davvero un baffo. Nel senso che la G continua ad essere […]

L'articolo Nuova Mercedes Classe G 2018: nel solco della tradizione proviene da RED Live.

Seppur presentato nel 2016, il sistema di trazione integrale della Focus RS è tutt’oggi una soluzione ingegneristica avanzata ed è raro trovarne una descrizione chiara e completa. Siete sicuri di avere capito come funziona? Leggete per scoprirlo!

L'articolo Magia elettronica! La trazione integrale della Ford Focus RS proviene da RED Live.

In attesa della prova ecco le prime informazioni sul test che ci vedrà a Valencia in sella alla nuova Ducati Panigale V4

L'articolo Ducati Panigale V4 in attesa della prova proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download