Google+

Archiviazione per Davide Boni? L’ex presidente del Consiglio lombardo: «Spero che questo incubo finisca presto»

febbraio 22, 2014 Francesco Amicone

Manca ancora l’ufficialità, ma i media anticipano le conclusioni dei pm milanesi: «Infondatezza del reato», «insostenibilità dell’accusa in giudizio». Intervista

«Gli accertamenti disposti hanno fornito riscontri, nella maggior parte dei casi, inconciliabili con i fatti esposti». Con questa formula la Procura di Milano chiede l’archiviazione per il leghista Davide Boni, ex presidente dell’assemblea lombarda, e indagato dal 2010 con l’accusa di corruzione. Una delle tante inchieste che fecero cadere la giunta Formigoni nel 2012 e portarono la Lombardia al voto anticipato nel 2013. «Non c’è ancora nulla di definitivo – ricorda Boni a tempi.it – sarà il gip a decidere. Certo è che l’accusa è arrivata a queste conclusioni, dopo una lunga indagine».

Stando alle indiscrezioni riportate dai giornali, l’indagine allo studio del gip Manuela Scudieri è composta di ben quindici faldoni.
Da quanto riferiscono i giornali, i faldoni sono stati depositati due mesi fa, e il giudice per le indagine preliminari ci sta lavorando. Aspetto con fiducia la comunicazione ufficiale della decisione.

Non è ancora sicuro dell’archiviazione? Il tono dei pm Alfredo Robledo e Paolo Filippini è piuttosto fermo. Qualche sassolino nelle scarpe con i mass media italiani vorrà pur toglierselo. 
Certo, il fatto che i pm abbiano chiesto l’archiviazione parlando di «infondatezza del reato» e «insostenibilità dell’accusa in giudizio», come riportano i media, è una indicazione di una certa rilevanza. Ma spetta al giudice decidere. Questo per me non è ancora il giorno zero, ma il 718esimo giorno di un incubo.

Quanto le è costata finora questa indagine?
Decine di migliaia di euro. Ma non è poi tanto quello. Per uno che fa politica, e che l’ha fatta avendo ruoli importanti, non è una cosa da poco finire accusato di corruzione. Ho dovuto abbandonare la carica di presidente dell’assemblea regionale lombarda nell’aprile 2012, poco prima che si dimettesse anche il presidente della giunta, Roberto Formigoni.

Nel 2012 sembrava che le accuse contro di lei fossero evidentissime, almeno a leggere i giornali.
Non nascondo che temevo di essere arrestato. Sono stato una notizia per quindici giorni su ogni giornale e tg italiano. Ricordo che il tg diretto da Mentana aveva informato che, a causa dell’indagine, c’era stato un calo di consensi dello 0,5 per cento per la Lega. Giustificato, visto che chi mi denunciò disse che io avrei fatto da mediatore in un sistema di tangenti, una vera e propria rete finanziaria di corrotti.

E poi cosa è successo?
Per ventiquattro mesi i miei conti correnti, non solo i miei ma anche quelli di mia moglie, di mia madre, di mio padre e dei genitori di mia moglie sono stati controllati. Sono state fatte rogatorie internazionali. Si diceva che andassi a Salisburgo, in Svizzera e altrove. La Procura ha verificato, e ha concluso che non esistono prove provate di quanto ha asserito Michele Ugliola. L’architetto si è autoaccusato di vari reati, tirando in ballo me e altri. E non è la prima volta. Già lo fece negli anni Novanta accusando Giovanni Terzi (ex assessore del comune di Milano, ndr), in seguito assolto.

Cosa si aspetta, ora?
Spero soltanto che questo incubo finisca presto.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

  1. Terrùn says:

    Se Boni, se la deve prendere con qualcuno, questo è Maroni (amico dei magistrati) che con la sua ramazza ha messo fuori gioco lui e tutta la giunta regionale lombarda per poter prendere il potere con il 4%

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

“Voglio una sedia a sdraio sotto un ombrellone. Con quattro ruote, capace di portare due contadini e le loro mercanzie nel massimo della sicurezza e del comfort. Deve costare poco ed essere riparabile coi ferri con cui si aggiusta il trattore. Deve consumare non più di quattro litri per cento chilometri, essere facile da guidare […]

L'articolo Citroën 2CV Soleil, viaggio nel tempo proviene da RED Live.

Permette di registrare tragitti, monitorare lo stato del manto stradale, analizzare e condividere con altri appassionati informazioni e dati. Si scarica gratuitamente da Apple Store e Google Play

L'articolo Sicurezza in moto? Arriva Moto App proviene da RED Live.

La coupé dei quattro anelli festeggia il compleanno con un restyling lieve, che porta in dote più potenza e una dotazione arricchita

L'articolo Audi TT 2018, il restyling per i 20 anni proviene da RED Live.

La Renault Scenic porta al debutto la nuova motorizzazione 1.3 Tce in configurazione da 140 e 160 cv. Un quattro cilindri Tutbo benzina molto evoluto che vuole fare le scarpe al Diesel

L'articolo Prova Renault Scenic 1.3 TCe 140 e 160 cv proviene da RED Live.

Assieme ad ABS ed ESP, il sistema di controllo elettronico della trazione è un cardine dei sistemi di sicurezza montati sulla vostra auto. Nel caso non lo sappiate, è un dispositivo elettronico in grado di rendervi le cose più semplici quando la strada è scivolosa. Scopriamolo assieme

L'articolo ASR, cos’è e come funziona il controllo di trazione delle auto proviene da RED Live.