Google+

Arabia Saudita. Ennesima strage alla Mecca in occasione del pellegrinaggio annuale

settembre 24, 2015 Redazione

I pellegrini sono morti calpestati o soffocati dalla folla di tre milioni di persone che si accingeva a compiere il rito della lapidazione del diavolo. In 25 anni, sono morti così 2.500 musulmani

Oltre 700 morti e più di 800 feriti. Non è un bollettino di guerra ma il numero delle persone rimaste vittime in Arabia Saudita, vicino alla Mecca, in occasione dell’annuale pellegrinaggio prescritto dall’islam. Durante il rito della lapidazione del diavolo, infatti, parte della folla di fedeli si è agitata e ha cominciato a correre in una «fuga improvvisa» che ha causato la morte per calpestamento e soffocamento di centinaia di persone. Le morti non hanno interrotto il rito, che è tornato a svolgersi regolarmente.
Purtroppo il numero delle vittime è in aumento e viene costantemente aggiornato al rialzo dalle autorità saudite, che sono abituate a simili tragedie: si calcola infatti che dal 1990 ad oggi siano morte allo stesso modo almeno 2.500 pellegrini.

LAPIDAZIONE DEL DIAVOLO. Il pellegrinaggio annuale verso la Mecca, la città sacra dell’islam, deve essere fatto per precetto da ogni musulmano che abbia disponibilità economica e sia in buona salute. La parte finale del cammino si svolge a Mina, dove si compie il rituale della lapidazione del diavolo: i pellegrini, cioè, lanciano sette sassi contro tre Steli che rappresentano il demonio, come Maometto fece 1.400 anni fa, e pronunciano una formula di lode a Dio per poi tornare indietro. Il rito ricorda la lapidazione del diavolo da parte di Abramo, che secondo il Corano ha cercato di dissuaderlo dal sacrificare il figlio.

SOLO TRE GIORNI. Non è chiaro perché parte della folla abbia cominciato a correre, ma ci sono solo tre giorni, dalla mattina al tramonto, in cui i tre milioni di pellegrini che quest’anno sono andati alla Mecca hanno la possibilità di compiere il rito. Il desiderio di riuscire a portarlo a termine spinge spesso la folla ad accalcarsi e a spingere.

LE STRAGI PASSATE. Le stragi durante uno dei gesti più sacri per ogni musulmano non sono più una novità: in circostanze più o meno analoghe, a seconda degli anni, sono morte 1.426 persone nel 1990, 270 nel 1994, 340 nel 1997, 180 nel 1998, 35 nel 2011, 251 nel 2004 e 364 nel 2006. Quest’anno, inoltre, prima dell’inizio del pellegrinaggio una gru crollata nel sito della Mecca aveva ucciso più di 100 persone.

Foto Ansa/Ap


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

5 Commenti

  1. AlessandroT says:

    Il rito è continuato “the show must go on”, la liturgia è il culto hanno la precedenza pure sulla vita dei fedeli. D’altronde basta pensare alla freddezza con cui i jihadisti mandano al martirio giovani in lacrime come l’uzbeco di cui abbiamo sapputo ieri. Cosa sono se non sacrifici umani a un molokh sanguinario?
    Nella commemorazione “lapidano” il diavolo per aver tentato Abramo a non sacrificare il proprio figlio, secondo voi che messaggio si trasmette? La lezione di Abramo non è stata assimilata.
    Manca il sacrificio supremo, quello di Gesù il Cristo che ha mostrato il vero volto misericordioso di Dio e redento l’umanità con la sua morte e resurrezione!

  2. yoyo says:

    La causa di fondo è il tipo di religiosità che il pellegrinaggio esprime e che conduce a movimenti stereotipati di massa che provocano la trance e, di conseguenza, il pericolo in una situazione di quel genere, con migliaia e migliaia di uomini in movimento ritmico.

    • AlessandroT says:

      Yoyo ma non mi pare i pellegrinaggi cristiani o le visite papali si concludano regolarmente con centinaia di persone schiacciate dalla calca.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Il tempo purtroppo passa per tutti e man mano che l’età avanza la nostra cara patente B richiede revisioni più frequenti. Scopriamo assieme passo a passo la procedura da seguire

L'articolo Come rinnovare la patente B proviene da RED Live.

Dopo quattro anni, la SUV americana si rinnova a Detroit. E lo fa con un look rivisto, tanta tecnologia e nuovi angeli custodi elettronici. Top di gamma la specialistica Trailhawk

L'articolo Jeep Cherokee 2018, il restyling debutta a Detroit proviene da RED Live.

Con un look esclusivo e sospensioni più raffinate la Yamaha MT-09 SP va a porsi al vertice della gamma della hyper naked tricilindrica di Iwata. Il suo prezzo è di 10.190 euro f.c.

L'articolo Prova Yamaha MT-09 SP proviene da RED Live.

Nissan propone per il 2018 un restyling di X-Trail che rinnova senza rivoluzionare. Le forme vengono riviste e la lunghezza complessiva aumentata a vantaggio di un bagagliaio più grande. Propulsore e meccanica rimangano invariate. Andiamo a scoprirla

L'articolo Prova Nissan X-Trail 1.6 dCi 130 CVT 2WD Tekna proviene da RED Live.

Sulla breccia da 39 anni, la Classe G ha saputo resistere alle mode puntando su robustezza, affidabilità e su alcuni clienti... "importanti"

L'articolo Classe G, la storia “sporca” della off road Mercedes proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download