Google+

Aprea: «Una scuola su due senza presidi. Ridiamo autonomia alla Regione»

agosto 30, 2012 Chiara Rizzo

L’assessore all’Istruzione della Regione Lombardia: «Fino alla decisione definitiva a novembre, 500 scuole rimarranno scoperte e dovremo nominare “reggenti” che si divideranno tra più sedi. Serve un nuovo bando e più autonomia per la selezione diretta»

Ieri il Consiglio di Stato ha dato ragione agli insegnanti che hanno chiesto l’annullamento del concorso per presidi in Lombardia: le buste con i nomi dei candidati erano di una carta sottile e trasparente, per cui era possibile leggere i dati anagrafici dei concorrenti senza alcuna garanzia di anonimato. Per questo motivo già lo scorso luglio il Tar aveva dato ragione ai docenti, ma il ministero dell’Istruzione aveva fatto ricorso e ottenuto una sospensione del provvedimento. È quella che ieri è stata annullata: la decisione definitiva della vicenda slitta quindi al prossimo novembre, quando il Consiglio di Stato tratterà il caso. Valentina Aprea, assessore dell’Istruzione della Lombardia spiega a tempi.it quali sono comunque le conseguenze: «Ci sono 500 sedi vacanti su 1.227 istituti lombardi e per coprirle di fatto una scuola su due sarà senza preside».

La maggiorparte dei presidi dovrà coprire almeno sino all’autunno più scuole contemporaneamente?
Sì. Bisogna trovare una sistemazione provvisoria a questa grave situazione. Saranno nominati dei reggenti a cui sarà data la responsabilità di due o più scuole. Ciò crea molti problemi, perché le scuole sono realtà complesse che hanno bisogno di un singolo dirigente. La Lombardia ha già fatto una razionalizzazione e per questo  non possiamo permettere situazioni che ne compromettano la qualità dei servizi. Chiediamo di tutelare i vincitori, la loro precedenza e il merito.

Ma il problema delle buste semitrasparenti che non tutelavano l’anonimato nel concorso non ha messo in discussione proprio la nomina per meriti dei nuovi dirigenti?
Si tratta di meccanismi formali che nulla hanno a che fare con la professionalità dei candidati. Oggi rischiamo di perdere una classe di dirigenti validi. Per questo siamo rammaricati e dispiaciuti che si siano creati questioni burocratiche poco chiare, come questa delle buste. Ma, ripeto: non vogliamo subirne le conseguenze, anche perché rischiamo di avere più di 600 sedi scoperte.

Un numero superiore ai 355 vincitori designati dal concorso. Come mai?
Perché con quest’anno scolastico andranno in pensione un altro centinaio di presidi che si aggiungeranno ai 500 già andati via. Chiediamo al ministero di indire un nuovo concorso per dirigenti scolastici, per non trovarci di nuovo in situazioni pasticciate o di ripiego. Sappiamo che nella nostra regione ci sono dirigenti di alti livelli, preparati. Chiediamo che l’avvocatura sia a disposizione di questi dirigenti perché possano vincere il loro ricorso, ma insistiamo anche per un nuovo concorso che si aggiunga alle selezioni già effettuate. Se è vero che già qualche anno fa il ministero aveva previsto 350 posti per la Lombardia, tra il blocco del concorso e le nuove disponibilità che si aprono, questi numeri non sono più aggiornati. Quindi chiediamo più coraggio e un’attenzione rinnovata per la nostra regione, con l’indizione di un nuovo bando. Quest’occasione ci fa dire inoltre che avevamo visto giusto quando avevamo indicato nuovi meccanismi di selezione dei docenti (la selezione diretta, ndr) e dei dirigenti: tutta la partita deve essere affidata alla Regione. Basta con i meccanismi barocchi, si arrivi invece all’attuazione dell’articolo V della Costituzione.

Le nomine dirette dei docenti hanno già fatto divampare le polemiche. Non ne temete di nuove, percorrendo questa strada anche per i dirigenti?
Le polemiche non mancheranno ma non ci faranno  arretrare, perché sentiamo sempre più legittimata dai fatti la nostra richiesta. Una regione come la nostra che ha già tante altre responsabilità in altre settori si sente pronta anche per l’autonomia a livello scolastico. Rivendichiamo cioè solo quello che il titolo V della Costituzione già prevede.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

Nel bel mezzo di Agosto, la Casa di Iwata lancia un criptico video teaser che anticipa quanto verrà svelato il 6 settembre alle 17:00: la Yamaha T7

L'articolo Yamaha T7, il video teaser proviene da RED Live.

Si chiama Nolan N90-2 ed è l’apribile entry level di Nolan. Adatto sia all’utilizzo in città sia per un lungo viaggio, costa 269,99 euro

L'articolo Nolan N90-2, apribile entry level proviene da RED Live.

I fiori mai sbocciati dell’automobilismo mondiale No, loro non ce l’hanno fatta. Non sono riuscite ad arrivare in produzione, perse nei meandri delle logiche commerciali, del marketing, degli eventi globali o, semplicemente, dell’indecisione dei costruttori. Sono quelle centinaia di concept car – o prototipi che dir si voglia – realizzati in piccolissimi numeri, quando non […]

L'articolo Le auto che non sono mai nate proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana