Google+

Appello di papa Francesco per la Siria. Onu: la situazione dei bambini rifugiati è “spaventosa”

novembre 30, 2013 Redazione

Il Pontefice torna a parlare del popolo siriano. Un rapporto Unhcr descrive la situazione dei minori nei campi profughi

Nuovo appello di papa Francesco per la pace in Siria. Il Pontefice, ricevendo in Vaticano i partecipanti ad un pellegrinaggio dei greco-melkiti, ha ricordato il popolo siriano che “da lungo tempo” soffre “una grande tribolazione”. “La vicinanza di tutta la Chiesa – ha aggiunto – li conforti nell’angoscia e li preservi dalla disperazione”. Rivolgendosi poi ai suoi ospiti ha detto che la loro Chiesa “da secoli ha saputo convivere pacificamente con altre religioni ed è chiamata a svolgere un ruolo di fraternità in Medio Oriente”. “Ripeto anche a voi: non ci rassegniamo a pensare al Medio Oriente senza i cristiani. Tuttavia, molti vostri fratelli e sorelle sono emigrati, e una folta rappresentanza dalle comunità in diaspora è qui presente. Le incoraggio a mantenere salde le radici umane e spirituali della tradizione melchita, custodendo dovunque l’identità greco-cattolica, perché la Chiesa intera ha bisogno del patrimonio dell’Oriente cristiano, di cui anche voi siete eredi”.

RAPPORTO UNHCR. Intanto è stato diffuso un rapporto dell’alto commissariato dell’Onu per i rifugiati (Unhcr) sulle condizioni dei campi in Giordania e Libano. Secondo lo studio circa il sessanta per cento dei bambini siriani rifugiati censiti dall’Unhcr si trovano in territorio giordano e libanese. “Se non agiamo rapidamente – ha detto il responsabile dell’Unhcr, Antonio Guterres -, una  generazione di innocenti diventerà vittima duratura di una guerra spaventosa”. Secondo il rapporto oltre 2,2 milioni di bambini siriani sono stati costretti negli ultimi tre anni di guerra a fuggire all’estero, e molti loro non vanno a scuola perché sono costretti a lavorare per aiutare le proprie numerose famiglie.

L’80 PER CENTO NON VA A SCUOLA. Secondo l’Unhcr, più di 11 mila bambini sono morti in Siria nei combattimenti. Il paese che ha accolto più siriani è il confinante Libano, dove ci sono 385 mila minorenni e dove si calcola che i siriani profughi in età scolare abbiano superato i coetanei libanesi. Tuttavia, l’80 per cento di questi bambini siriani non va a scuola. Una delle ragioni sta nel fatto che il sistema scolastico libanese è risultato “ingolfato” da questa fuga massiccia, e nemmeno il ricorso a turni pomeridiani ha permesso di garantire gli studi a tutti. Ma il motivo principale dell’abbandono scolastico è che la maggior parte dei piccoli siriani è costretta, per ragioni economiche, a lavorare per contribuire al mantenimento delle famiglie numerose: i bambini sono occupati, con paghe misere da 3 o 4 dollari al giorno, in negozi, campi o nell’edilizia.

SITUAZIONE DRAMMATICA. Anche in Giordania, altro paese che ha ospitato un alto numero di profughi siriani, molti dei 291 mila bambini siriani non va a scuola. L’Unhcr segnala tra le cause dell’abbandono scolastico anche gli shock vissuti dai bambini per la guerra. Molti dei piccoli profughi ha visto con i propri occhi le proprie famiglie uccise, o è stato costretto a vedere le atrocità dei campi di accoglienza. Per questi traumi i bambini hanno spesso paura anche di uscire da soli, e rimangono nei campi o negli appartamenti. L’Unhcr ha evidenziato di aver ricevuto sino ad oggi solo il 32 per cento delle risorse necessarie (700 mila dollari) per coprire i bisogni del 2013 nel solo Libano e ha denunciato che la situazione è destinata a peggiorare, dato che la diplomazia non è riuscita ad ottenere alcuna tregua.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Dopo quattro anni, la SUV americana si rinnova a Detroit. E lo fa con un look rivisto, tanta tecnologia e nuovi angeli custodi elettronici. Top di gamma la specialistica Trailhawk

L'articolo Jeep Cherokee 2018, il restyling debutta a Detroit proviene da RED Live.

Con un look esclusivo e sospensioni più raffinate la Yamaha MT-09 SP va a porsi al vertice della gamma della hyper naked tricilindrica di Iwata. Il suo prezzo è di 10.190 euro f.c.

L'articolo Prova Yamaha MT-09 SP proviene da RED Live.

Nissan propone per il 2018 un restyling di X-Trail che rinnova senza rivoluzionare. Le forme vengono riviste e la lunghezza complessiva aumentata a vantaggio di un bagagliaio più grande. Propulsore e meccanica rimangano invariate. Andiamo a scoprirla

L'articolo Prova Nissan X-Trail 1.6 dCi 130 CVT 2WD Tekna proviene da RED Live.

Sulla breccia da 39 anni, la Classe G ha saputo resistere alle mode puntando su robustezza, affidabilità e su alcuni clienti... "importanti"

L'articolo Classe G, la storia “sporca” della off road Mercedes proviene da RED Live.

DNA OFFROAD Al Salone di Detroit 2018 la Casa della Stella ha presentato la Nuova Mercedes Classe G. Che non ha tagliato in modo brusco i ponti con il passato e – tranquilli –  non si è rammollita: a lei, le SUV moderne fanno davvero un baffo. Nel senso che la G continua ad essere […]

L'articolo Nuova Mercedes Classe G 2018: nel solco della tradizione proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download