Google+

Anziché ripianare col Salva-Roma il «buco pazzesco» dell’Atac, liberalizzate il trasporto pubblico!

febbraio 28, 2014 Matteo Rigamonti

Atac ha accumulato oltre 700 milioni di perdite, praticamente il passivo del Comune amministrato da Ignazio Marino, che se vuole evitare il fallimento deve aprire il pubblico ai privati e introdurre i costi standard. Intervista ad Andrea Giuricin (Ibl)

Se avessimo liberalizzato il trasporto pubblico in Italia, forse oggi non staremmo qui a parlare dei dissennati conti di Atac, acronimo di Azienda Tramvie ed Autobus del Comune di Roma, la concessionaria del trasporto pubblico a Roma Capitale. E i conti del Comune di cui è sindaco Ignazio Marino forse sarebbero meno sballati di quanto non certifichi il forte passivo da 800 milioni di euro che ha sul groppone. A parlarne a tempi.it è Andrea Giuricin, ricercatore nel settore trasporti presso l’Università Bicocca di Milano e l’Istituto Bruno Leoni, che spiega come mai «il costo delle mancate liberalizzazioni nel settore dei trasporti pubblici in Italia ammonta a circa 2 miliardi di euro l’anno».

Giuricin, quanto è grave la situazione del trasporto pubblico romano?
È un buco pazzesco, da mettersi le mani nei capelli: nel quadriennio 2009-2012 Atac ha perso 676 milioni di euro di margine operativo lordo, ma le perdite nette sono state addirittura superiori ai 700 milioni di euro. Nel solo 2012 i trasporti pubblici romani hanno perso 131 milioni di euro. E stiamo parlando di un gruppo che ormai ha quasi 12 mila dipendenti, con spese di personale superiori ai 550 milioni di euro l’anno, a fronte di ricavi annui di poco superiori a 1,1 miliardi di euro, dei quali solo 250 milioni grazie ai biglietti e gli abbonamenti, che da soli non bastano nemmeno a coprire il 45 per cento dei costi di personale. E restano ancora fuori i costi della benzina e delle vetture. I contributi pubblici di Regione e Comune, inoltre, sempre nel 2012 ammontano a 720 milioni di euro, ma per raggiungere il pareggio di bilancio ce ne vorrebbero più di 800 l’anno. Tanto quanto il rosso di bilancio dell’intera Città di Roma, per intenderci. Praticamente si può dire che il buco del Comune è fatto solo da Atac, per la quale Roma ha già speso 3 miliardi di euro dal 2009 al 2012.

Come è possibile?
Sicuramente il costo del personale è esagerato, ci sono troppe persone che lavorano negli uffici, ma è anche l’utilizzo della flotta ad essere sbagliato. Per esempio, non è possibile che un mezzo vada solo per 6 ore al giorno quando potrebbe restare in funzione anche per 12. Significa che così rende poco, a fronte, però, di un ingente spesa per comprarlo, mantenerlo, dotarlo di guidatori e farlo funzionare. È lo stesso problema che ha l’Alitalia e non è altro che un problema di organizzazione del business. Ma il risultato negativo è sotto gli occhi di tutti: il costo di ogni singola vettura per chilometro percorso è superiore ai 6 euro, che è il doppio di quanto costi in Svezia o in Gran Bretagna, dove il servizio pubblico è stato liberalizzato e la sua gestione affidata con successo ai privati mediante gare e bandi pubblici.

Cosa si può fare per migliorare il servizio?
Andrebbero adottate due semplici misure, una sul lato dei ricavi e l’altra su quello dei costi. La prima è che bisognerebbe rendere obbligatorio per tutti salire sugli autobus solo dalla porta del guidatore, come succede già in tutto il mondo, da Londra a Barcellona e da Istanbul a Bangkok. Così si otterrebbe che chiunque voglia utilizzare il servizio debba pagare il biglietto o fare un abbonamento, perché se non si timbra l’autista se ne accorge. Le assicuro che in tutta Europa è già così ed è normale che l’autista non parta se anche un solo passeggero non ha pagato il biglietto. Certo, per farlo, bisognerebbe prima convincere i sindacati che finora si sono sempre opposti, ma così almeno ci assicureremmo 80 milioni di euro in più di ricavi. Che non bastano, ci mancherebbe. E proprio per questo diventa importante liberalizzare i servizi pubblici ricorrendo alle gare per affidarli a società che, a parità di offerta, siano in grado di assicurare un miglior prezzo. Si calcola che così si potrebbe risparmiare fino al 30 per cento dei costi. Che nel caso di Atac vorrebbe dire fino a 300 milioni di euro l’anno, che sommati agli 80 di prima fanno quasi 400 milioni di euro. Più o meno l’importo di cui si parla nel nuovo Salva-Roma. Ecco perché non possiamo più perdere tempo, occorre una riforma del trasporto pubblico non solo a Roma, ma in tutta Italia. E si potrebbe partire facendo un benchmarking per poi stabilire quali sono i costi standard del settore. Così eviteremmo uno spreco che ogni anno ci costa 2 miliardi di euro.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

4 Commenti

  1. andrea scrive:

    A roma gia’ esiste la privatizazzione la romtpl e le cose vanno a lo stesso modo se non peggio di atac, l’unica cosa e’ che si vuole ridurre lo stipendio dei gia’ sottopagati autisti pet gli interessi dei guadagni del privato, sarebbe piu’ saggio ricollocare l’esubero delle persone in ufficio in altre mansioni redditizie.

  2. francesco taddei scrive:

    vuoi la sussidiarietà e poi difendi la gestione statale.

  3. NICOLA SEMENTILLI scrive:

    Il privato a Roma costa 3 volte di più del pubblico e sicuramente non funziona meglio… quindi privatizzare vorrebbe dire bruciare ogni minima speranza di salvare le municipalizzate!!!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

L’abito non fa il monaco. Mai affermazione fu più vera, specie nel caso della concept Infiniti Prototype 9, presentata in occasione del Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, e forte di una linea ispirata alle monoposto degli Anni ’30 e ’40. L’aspetto, come accennato, non deve però trarre in inganno: il “cuore” è decisamente […]

L'articolo Infiniti Prototype 9: sotto mentite spoglie proviene da RED Live.

Il Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, rappresenta da sempre un evento speciale per la BMW. La Casa di Monaco è infatti solita stupire presentando delle concept che anticipano modelli pressoché pronti a entrare in produzione. Quest’anno tocca a una delle roadster più affascinanti mai realizzate, oltre che una delle vetture più “anziane” della […]

L'articolo BMW Z4 Concept: una linea da urlo proviene da RED Live.

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana