Google+

Antonio Conte doveva andarsene dalla Juve a maggio. Ecco perché non l’ha fatto

luglio 27, 2014 Fred Perri

Si vedono il 19 maggio, ma nessuno ha il coraggio, la forza, la decisione di mollare. E così si trascinano stancamente fino a luglio, quando la magagna viene al dunque

La vicenda di Conte Antonio non è solo indicativa del declino del calcio, ma anche della civiltà italiana. Ho appena finito di dire ai miei figli che, alla prima buona occasione, devono darsela a gambe. Conte e la Juve scoprono, anche prima di maggio, che non c’è più feeling, che non c’è più il sacro fuoco, che dopo tre grandi ma estenuanti scudetti bisogna staccare. Il morbo di questo calcio che pretende sempre di più infuria e il pan (cioè i danari per costruire grande squadra) manca.

Si vedono il 19 maggio, ma nessuno ha il coraggio, la forza, la decisione di mollare. E così si trascinano stancamente fino a luglio, quando la magagna viene al dunque. E alla Juve è andata ancora bene. Così almeno hanno trovato un tecnico di un certo nome ed esperienza e si può cominciare un nuovo percorso senza grandi danni (forse). Perché non si sono separati a maggio? Per paura, per quieto vivere, perché l’ignoto spaventa più di un noto fatiscente.

È il grande vizio che zavorra l’Italia. La burocrazia, le carte, il timore del rischio, l’aggrapparsi alla cadrega fissa. I migliori, dice un adagio, sono quelli che se ne vanno. Tolta l’aura da epitaffio sepolcrale e adattato alla situazione attuale, mai proverbio risulta più calzante. E io vi odio, bastardi, perché mi avete reso così. Questo è il più bel posto del mondo, ma ora, ve lo giuro compagni e amici, appena c’ho la grana trasloco a Londra.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

La coupé dei quattro anelli festeggia il compleanno con un restyling lieve, che porta in dote più potenza e una dotazione arricchita

L'articolo Audi TT 2018, il restyling per i 20 anni proviene da RED Live.

La Renault Scenic porta al debutto la nuova motorizzazione 1.3 Tce in configurazione da 140 e 160 cv. Un quattro cilindri Tutbo benzina molto evoluto che vuole fare le scarpe al Diesel

L'articolo Prova Renault Scenic 1.3 TCe 140 e 160 cv proviene da RED Live.

Assieme ad ABS ed ESP, il sistema di controllo elettronico della trazione è un cardine dei sistemi di sicurezza montati sulla vostra auto. Nel caso non lo sappiate, è un dispositivo elettronico in grado di rendervi le cose più semplici quando la strada è scivolosa. Scopriamolo assieme

L'articolo ASR, cos’è e come funziona il controllo di trazione delle auto proviene da RED Live.

400 cv, 855 kg e 2G di accelerazione laterale. La prima Dallara omologata per circolare su strada vanta prestazioni da capogiro. Disponibile in configurazione barchetta, targa o coupé scatta da 0 a 100 km/h in 3,25 secondi. E noi ci abbiamo fatto un giro

L'articolo Dallara Stradale, siamo saliti sulla barchetta dei record proviene da RED Live.

Nata anche da un'imbeccata di Stefano Accorsi, questa 308 al Nandrolone trasferisce su strada il meglio della versione Cup

L'articolo Peugeot 308 by Arduini Corse, one off su base GTi proviene da RED Live.