Google+

Antonin Scalia. Questo era un giudice

febbraio 20, 2016 Emanuele Boffi

Il giudice della Corte Suprema Usa appena scomparso aveva due difetti imperdonabili: era cattolico ed era spiritoso. E sulla giustizia italiana non le mandava a dire

Articolo tratto dal numero di Tempi in edicola (vai alla pagina degli abbonamenti) – Antonin Scalia aveva due difetti imperdonabili: era cattolico ed era spiritoso. Era così cattolico – frequentava Messe con rito in latino, era contro l’aborto, l’eutanasia e le nozze gay – che spiaceva anche a molti cattolici. Ed era così spiritoso che alcune sue battute sono diventate leggendarie.

Figlio di un siciliano che amava Dante e di una maestra elementare, adorava suonare il pianoforte, sparare alle anatre, giocare a Poker. “Terminator” per gli avversari, il “saggio” per i conservatori, il più anticonformista tra i giudici della Corte suprema americana è morto nel sonno il 12 febbraio. Si trovava in Texas, nella tenuta di un amico miliardario per una battuta di caccia alle quaglie.

È stato scritto che Scalia «è uno dei pochi che è voluto diventare giudice per diminuire il potere dei giudici». E in effetti non passava occasione in cui non si scagliasse contro i «giudici arbitri morali del mondo». Lo ripeteva sempre: «La Costituzione è morta, morta, morta», non può essere «una bottiglia vuota in cui versiamo ogni valore». Uno così, dei nostri Di Pietro non poteva che pensare tutto il male possibile («Tangentopoli fu una ricetta per l’ingiustizia»).

L’ultima volta che fu in Italia disse: «Perché mai dei giudici non eletti, degli studiosi del diritto, dovrebbero avere una visione speciale su come dovrebbe essere il mondo? Chi mai desidera un paese guidato da giudici ed esperti di diritto? Se la Costituzione va emendata, lo decida il popolo. Questa è la democrazia». E questo era un giudice.

Foto Ansa


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

8 Commenti

  1. Susanna Rolli scrive:

    Io e lui saremmo andati moooolto d’accordo. Me lo sento. Preghi dal Cielo per questo povero mondo che ce la mette tutta per salvare le quaglie e per far secco l’uomo.
    Ora pro nobis.

  2. antò scrive:

    Quasi perfetto :pare fosse favorevole alla pena di morte…un pò stridente per un vero cattolico..

  3. andrea udt scrive:

    Appero’! Nel 1992 si è opposto alla abolizione per la pena di morte per criminali minorenni.

    L’apologia del caro estinto per perorare le cause di parte di chi ancora non è estinto e’ sempre pericolosa.

    E anche l’esercizio opposto.. ..gli articoli su Eco non mi sono piaciuti.

    Pazienza. Non si può sempre essere concordi.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Un'aerodinamica di nuova generazione caratterizza il telaio della nuova top di gamma del marchio veneto. Tecnologia Balanced Design, manubrio integrato e freni direct mount per un prezzo che parte da 4.600 euro

Alla versione orientata all’off road dell’ammiraglia Jeep si accompagna il debutto, per Renegade, del cambio a doppia frizione DCT in abbinamento al 1.6 Mjet da 120 cv. Svelati inediti pacchetti di personalizzazione Mopar e nuove serie limitate.

Debutta a Parigi la nuova gamma elettrica della city car tedesca. Il motore a zero emissioni eroga 82 cv ed è disponibile sia per la biposto fortwo coupé/cabrio sia per la cinque porte forfour. Autonomia di 160 km e ricarica più rapida che in passato.

La berlina sportiva del Tridente può ora contare su dotazioni multimediali e di sicurezza allineate alle rivali tedesche. Il V6 3.0 biturbo della versione d’ingresso a benzina eroga 350 cv anziché i precedenti 330 cv. Debuttano i pacchetti Luxury e Sport.

Il contest musicale King Of The Flow accompagna al debutto la crossover compatta giapponese. Tra chi voterà uno degli artisti protagonisti c'è in palio proprio una Toyota C-HR

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana