Google+

Antonello Venditti e gli anni 80 che tornano implacabili: ecco Unica

ottobre 31, 2011 Carlo Candiani

Il cantautore romano anticipa l’uscita dell’album con la romantica Unica. Un ritorno alle atmosfere anni 80, fatte di amori spezzati e tristi versi per donne mai dimenticate. Ma dov’è finito l’autore di Sara e Mondo di ladri?

Dopo le anteprime di Celentano e Mina, arriva anche il singolo che introduce al nuovo il lavoro di Antonello Venditti, dal titolo Unica. Ed eccoli che tornano impetuosamente gli anni 80: un amore che finisce e qualcuno che grida con voce stentorea: “chi ti stringerà, chi ti abbraccerà?”. Ma non l’abbiamo già sentita questa nenia? Si, d’accordo, la voce del cantante romano è sempre emozionante, sincera, piena di quel pathos che richiede una canzone di sofferto amore: ma dove è finita tutta la promessa rivoluzionaria del ’68, quella del compagno di scuola che prima era sulle barricate e ora è un dirigente di banca, dov’è finito tutto lo sdegno catto-comunista, così ben espresso in desolanti ritratti di feste dell’Unità o in epici inni a leader che non ci sono più? Ah si, nella buffa marcetta dedicata a Berlusconi e il suo debole per il sesso femminile, accaparrata fulmineamente da Santoro per diventare sigla del suo nuovo programma televisivo “indipendente”.

 

Insomma il grande Antonello ormai è ridotto a una specie di Dottor. Jekyll e Mr. Hyde: da una parte, fustigatore delle debolezze degli uomini del potere (e sarebbe già un secondo pezzo che dedica all’uomo di Arcore), dall’altra, artista ormai ultra sessantenne che ripropone un trito ritornello da amore adolescenziale. Lui, lo stesso cantautore di Sara, in quel ’78 ormai preda degli isterismi radicali sul diritto all’aborto; che cantava l’amicizia, anche davanti all’evidenza invadente del Mondo di ladri, veri e propri lampi di una carriera lunga e piena di input musicali azzeccati. Forza Antonello, ridacci ancora un fremito di emozione: per te e per i tuoi colleghi cantautori, che hanno fatto la storia della canzone made in Italy dall’inizio dei ’70 è diventato sempre più difficile, ma aspettiamo fiduciosi, ancora, un colpo a effetto che rompa questa coltre di conformismo e di giovalinismo dal quale tu e i tuoi (nostri) amici cantastorie non riuscite più a staccarvi. 

 

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Sulla breccia da 39 anni, la Classe G ha saputo resistere alle mode puntando su robustezza, affidabilità e su alcuni clienti... "importanti"

L'articolo Classe G, la storia “sporca” della off road Mercedes proviene da RED Live.

DNA OFFROAD Al Salone di Detroit 2018 la Casa della Stella ha presentato la Nuova Mercedes Classe G. Che non ha tagliato in modo brusco i ponti con il passato e – tranquilli –  non si è rammollita: a lei, le SUV moderne fanno davvero un baffo. Nel senso che la G continua ad essere […]

L'articolo Nuova Mercedes Classe G 2018: nel solco della tradizione proviene da RED Live.

Seppur presentato nel 2016, il sistema di trazione integrale della Focus RS è tutt’oggi una soluzione ingegneristica avanzata ed è raro trovarne una descrizione chiara e completa. Siete sicuri di avere capito come funziona? Leggete per scoprirlo!

L'articolo Magia elettronica! La trazione integrale della Ford Focus RS proviene da RED Live.

In attesa della prova ecco le prime informazioni sul test che ci vedrà a Valencia in sella alla nuova Ducati Panigale V4

L'articolo Ducati Panigale V4 in attesa della prova proviene da RED Live.

Al volante della SUV “low cost” che migliora nei contenuti e nella guida mantenendo invariato il prezzo. Dacia ha vinto di nuovo la scommessa e ora offre una Duster più appetibile che mai

L'articolo Prova Dacia Duster 2018 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download