Google+

L’antimaccartismo impostore di Trump

marzo 17, 2017 Giuliano Ferrara

McCarthy aveva ragione, la rete c’era, ebbe effetti sconcertanti nella Guerra Fredda, consentì ai sovietici spericolate operazioni di propaganda

trump

Articolo tratto dal numero di Tempi in edicola (vai alla pagina degli abbonamenti) –La prova che Trump è un impostore ce la dà lui stesso quando accusa Obama di “mccarthyism”, maccartismo, e quando parla di caccia alle streghe e di «blacklist nello stile di McCarthy». Trump si riferisce alle attività di intelligence dell’ex presidente americano intorno alla lobby spionistico-diplomatica russa a Washington, nella cui rete sono stati attratti qualche mese fa, a proprio esclusivo vantaggio, uomini chiave dell’entourage dell’arancione. Spiare i russi e controspiare le loro attività spionistiche è funzione nazionale dell’intelligence, mentre denunciare queste attività come maccartismo prova che l’impostore in chief è il contrario di un uomo politicamente scorretto, come vuol dare a vedere se e quando gli conviene, e che la sostanza della sua povera ideologia narcisista è la menzogna.

Joseph McCarthy è per varie generazioni educate alla political correctness, in America e in tutto il mondo, un calunniatore seriale, un uomo che ha pregiudicato i criteri di diritto e libertà della democrazia americana, un mostro inquisitorio senza basi e senza prove che alla fine fu censurato dal Senato americano, di cui era membro, ed escluso dalla società o dal club dei frequentabili mediante l’azione di un impeccabile establishment sia democratico-liberal sia repubblicano-liberal, compreso il presidente dell’epoca ed eroe di guerra Dwight D. Eisenhower. «Have you no sense of decency, Sir, at long last?», è la frase storica con la quale il consulente dell’esercito americano Joseph Welch liquidò, nel corso di un’audizione senatoriale, il Grande Calunniatore McCarthy, e significa: «Ma alla fine non le è rimasto un qualche senso dell’onestà e della decenza, Senatore?». Da quando furono pronunciate quelle dieci parole, il mondo si convinse che Joe McCarthy aveva torto sulla rete spionistica sovietico-comunista nei gangli vitali degli Stati Uniti, e i suoi oppositori in nome dei diritti avevano ragione.

I fatti e il loro significato
Era vero il contrario, malgrado errori, imprecisioni e esagerazioni del senatore McCarthy, un temperamentale figlio del Midwest (veniva dal Wisconsin, uno dei tre stati che hanno dato la vittoria all’impostore per una manciata di voti ottenuti con l’aiuto dell’Fbi e del Kgb, i forgotten voters più rilevanti dei forgotten men di sociologica memoria), era vero l’opposto. Joe aveva ragione, la rete c’era, era immensa, ebbe effetti sconcertanti nella guerra fredda, consentì ai sovietici spericolate operazioni di propaganda e di “lotta antimperialista”, minò le basi della difesa americana del mondo libero, come si capisce dalla lettura dei Venona Papers.

mccarthy

Per 37 anni il controspionaggio americano, con il Venona Project, cercò di decrittare i messaggi codificati delle agenzie spionistiche sovietiche, e alla fine ci riuscì, dando ragione postuma a McCarthy, nonostante obiezioni deboli come quella di Victor Navasky, commentatore dell’estrema sinistra, che parlò di «scambi di informazioni tra gente di buona volontà». Gli storici attendibili e una commissione presieduta da un uomo universalmente riconosciuto come un repubblicano liberal e un talento a prova di faziosità della democrazia americana, il senatore Daniel P. Moynihan, stabilirono che i beniamini dell’accademia americana e della stampa pol. corr. avevano torto loro. Gli ultimi dati furono resi noti nel 1995, con esito esiziale per la storia dell’AntiMcCarthyism, ma quella verità fu confinata alla pubblicistica scorretta dei conservatori, i liberal dovettero ammettere la realtà ma con i toni con cui si definisce una questione insidiosa per insabbiarla definitivamente.

Nel 1954 William F. Buckley e L. Brent Bozell, fondatori della National Review e cioè della cultura conservatrice americana che culminò tanti anni dopo nell’effetto Ronald Reagan, pubblicarono da Regnery press un libro eccezionale, che fu subito dannato dai benpensanti. Il titolo era McCarthy e i suoi nemici, il sottotitolo “I fatti e il loro significato”. Tutto era già detto, ben prima delle rivelazioni dei Venona Papers. Era un’indagine e un pamphlet moralista di quelli che escono uno al secolo, dedicato allo scandalo del secolo, appunto il maccartismo e l’antimaccartismo.

Angeli e diavoli
Ma tutte le verità si perdono nella nebbia dell’era fake. Nel 1957 Joe morì alcolizzato, solo, abbandonato e in sospetto allora sessualmente corretto di sodomia dopo i suoi strepitosi e crudeli successi, che avevano impressionato e stimolato, poi stregato e infine spaventato l’America innocente della guerra fredda, teleguidata da classi dirigenti incuranti del lato moralmente e politicamente intrattabile, cioè scorretto, delle battaglie di verità.

Anni dopo, Roy Cohn, un grande avvocato gay velato di New York che ne ha fatte di tutti i colori, un grandissimo personaggio controverso che, ironia della storia, è stato il braccio destro di McCarthy e alle origini il consigliere speciale del pescecane Donald Trump, fu protagonista di un grande spettacolo Broadway & Tv di Tony Kushner, Angels in America, dedicato all’apologia poetica dell’Aids come metafora della sofferenza e dell’integrità dei giusti. Ancora una volta fu bollato come omosessuale turpe, lui non era un Angel sofferente ma un diavolo in persona, e come malato terminale e criminale che non aveva il coraggio di rivelare la sua sieropositività. La vittoria postuma dei calunniatori pol. corr. era quasi completa: a consolidarla oggi è l’accusa di maccartismo rivolta a Obama dall’impostore fattosi presidente, per difendere i suoi che annaspano nella rete di Putin, e che come riccone dell’arte del deal si era fatto strada con i consigli e le trame di Roy Cohn.

Foto Ansa

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download

Tempi Motori – a cura di Red Live

Ci sono biciclette che sono la Storia del Mountain Biking e la Stumpjumper rientra a pieno titolo fra queste. Nata nel 1981, è stata la Mtb che ha lanciato Specialized in orbita, quella che ha portato Ned Overend all’iride e quella che con il suo telaio in acciaio rosso, mi ha fatto sbavare sulle pagine dei cataloghi […]

L'articolo Specialized Stumpjumper 2018: Trail revolution proviene da RED Live.

Poco ingombrante e facile da aprire la nuova bici a pedalata assistita ha un’autonomia che raggiunge i 70 km. Costa 1.090 euro

L'articolo Askoll eBfolding, l’elettrica che si ripiega proviene da RED Live.

Fervono i preparativi per la 10ª volta del raduno internazionale Ducati, una tre giorni in cui incontrare campioni, partecipare a contest, a corsi di guida e molto altro. Aperta la vendita dei biglietti

L'articolo World Ducati Week, 20-21-22 luglio 2018. Info e biglietti proviene da RED Live.

Trionfare alla Pikes Peak e riportare i riflettori sulla I.D. family, la gamma dei prototipi elettrici che ultimamente tiene banco nello stand Volkswagen durante i tutti principali Saloni. Sono queste le due missioni affidate alla strabiliante supercar I.D. R Pikes Peak, svelata nei giorni scorsi ad Alès, in Francia, città natale del leggendario Jacky Ickx. […]

L'articolo Volkswagen I.D. R Pikes Peak, un fulmine sulla vetta proviene da RED Live.

Non è usuale per Kawasaki variare sul tema a così poca distanza dal lancio di un nuovo modello, ma nel caso della Z900RS ha fatto uno strappo alla regola. La “colpa” è di Norikazu Matsumura – il designer che ha concepito la modern classic di casa Kawa -, che complice anche una certa insistenza della […]

L'articolo Prova Kawasaki Z900RS Cafe proviene da RED Live.