Google+

Antartide, ricercatore italiano muore durante immersione

gennaio 17, 2014 Chiara Rizzo

Luigi Michaud, 39 anni, ha avuto un malore durante un’immersione nelle acque di fronte alla base italiana al Polo sud, per prelevare campioni marini. È il primo italiano che muore al Polo

994671_583934275012723_890027333_nÈ morto la notte tra il 15 e il 16 gennaio in Antartide il ricercatore italiano Luigi Michaud, del dipartimento di scienze biologiche e ambientali dell’Università di Messina. Michaud ha perso la vita durante un’immersione, davanti alla base italiana al Polo Sud: a renderlo noto è stato l’Enea con un comunicato diffuso oggi. Michaud avrebbe avuto un malore mentre era in acqua nel tratto di mare antistante la base Mario Zucchelli. È la prima volta che un ricercatore italiano muore in Antartide, nella storia delle nostre 29 spedizioni al Polo Sud.

39 ANNI. Michaud aveva 39 anni, era sposato e padre di due bambini: si era laureato in Scienze biologiche nel 2001, e nel 2007 aveva conseguito il dottorato in Scienze ambientali. Questa non era la prima spedizione a cui partecipava il ricercatore italiano: i colleghi dell’Università di Messina oggi hanno scritto che “Non potremo mai dimenticare le doti umane e morali di Luigi, che sempre riusciva ad associare la sua grande statura a una simpatia unica nel suo genere. Ieri, quel mare dell’Antartide che Luigi amava, con un amore incondizionato, lo ha cullato durante un immersione scientifica come tante altre volte, ma purtroppo in questa occasione gli è stato fatale”. Il capo della spedizione italiana, Franco Ricci, ha fatto sapere che Michaud “Stava svolgendo attività scientifica subacquea per il prelievo di campioni marini. Nonostante le misure di sicurezza e l’immediato intervento della squadra di soccorso, ogni tentativo di mantenerlo in vita è stato vano”. La squadra italiana sta ultimando una relazione che invierà al ministro all’Istruzione Maria Chiara Carrozza, che intanto ha espresso cordoglio e vicinanza alla famiglia.

Version:1.0 StartHTML:0000000167 EndHTML:0000004609 StartFragment:0000000451 EndFragment:0000004593

È morto la notte tra il 15 e il 16 gennaio in Antartide il ricercatore italiano Luigi Michaud, del dipartimento di scienze biologiche e ambientali dell’Università di Messina. Michaud ha perso la vita durante un’immersione, davanti alla base italiana al Polo Sud: a renderlo noto è stato l’Enea con un comunicato diffuso oggi. Michaud avrebbe avuto un malore mentre era in acqua nel tratto di mare antistante la base Mario Zucchelli. È la prima volta che un ricercatore italiano muore in Antartide, nella storia delle nostre 29 spedizioni al Polo Sud.

39 ANNI. Michaud aveva 39 anni, era sposato e padre di due bambini: si era laureato in Scienze biologiche nel 2001, e nel 2007 aveva conseguito il dottorato in Scienze ambientali. Questa non era la prima spedizione a cui partecipava il ricercatore italiano: i colleghi dell’Università di Messina oggi hanno scritto che “Non potremo mai dimenticare le doti umane e morali di Luigi, che sempre riusciva ad associare la sua grande statura a una simpatia unica nel suo genere. Ieri, quel mare dell’Antartide che Luigi amava, con un amore incondizionato, lo ha cullato durante un immersione scientifica come tante altre volte, ma purtroppo in questa occasione gli è stato fatale”. Il capo della spedizione italiana, Franco Ricci, ha fatto sapere che Michaud “Stava svolgendo attività scientificasubacquea per il prelievo di campioni marini. Nonostante le misure di sicurezza e l’immediato intervento della squadra di soccorso, ogni tentativo di mantenerlo in vita è stato vano”. La squadra italiana sta ultimando una relazione che invierà al ministro all’Istruzione Maria Chiara Carrozza, che intanto ha espresso cordoglio e vicinanza alla famiglia.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download

Tempi Motori – a cura di Red Live

Potenza esagerata, guidabilità di alto livello e un motore capace di stupire per gestibilità ed erogazione. La Panigale V4 apre una nuova era in casa Ducati e lo fa non solo per le prestazioni ma anche per come le “serve” al pilota. Non è solo l’ultima supersportiva Ducati è un cambio di filosofia, che potrebbe piacere a molti

L'articolo Prova Ducati Panigale V4 S proviene da RED Live.

Rifatta da cima a fondo la crossover Subaru ha aumentato le sue capacità off road, migliorando al contempo il comportamento su strada. Più efficace e comoda migliora anche nella qualità percepita degli interni. Solo benzina per i motori Boxer che continuano ad avere un po’ di sete.

L'articolo Prova Subaru XV 2018 proviene da RED Live.

Prodotta in soli 150 esemplari, l'iconica fuoristrada inglese si può ordinare ad un prezzo di partenza di circa 170.000 euro

L'articolo Land Rover Defender Works V8: 405 cv per festeggiare i 70 anni proviene da RED Live.

Il tempo purtroppo passa per tutti e man mano che l’età avanza la nostra cara patente B richiede revisioni più frequenti. Scopriamo assieme passo a passo la procedura da seguire

L'articolo Come rinnovare la patente B proviene da RED Live.

Dopo quattro anni, la SUV americana si rinnova a Detroit. E lo fa con un look rivisto, tanta tecnologia e nuovi angeli custodi elettronici. Top di gamma la specialistica Trailhawk

L'articolo Jeep Cherokee 2018, il restyling debutta a Detroit proviene da RED Live.

Pasqua in Armenia - iStoria Viaggi