Google+

Antartide, ricercatore italiano muore durante immersione

gennaio 17, 2014 Chiara Rizzo

Luigi Michaud, 39 anni, ha avuto un malore durante un’immersione nelle acque di fronte alla base italiana al Polo sud, per prelevare campioni marini. È il primo italiano che muore al Polo

994671_583934275012723_890027333_nÈ morto la notte tra il 15 e il 16 gennaio in Antartide il ricercatore italiano Luigi Michaud, del dipartimento di scienze biologiche e ambientali dell’Università di Messina. Michaud ha perso la vita durante un’immersione, davanti alla base italiana al Polo Sud: a renderlo noto è stato l’Enea con un comunicato diffuso oggi. Michaud avrebbe avuto un malore mentre era in acqua nel tratto di mare antistante la base Mario Zucchelli. È la prima volta che un ricercatore italiano muore in Antartide, nella storia delle nostre 29 spedizioni al Polo Sud.

39 ANNI. Michaud aveva 39 anni, era sposato e padre di due bambini: si era laureato in Scienze biologiche nel 2001, e nel 2007 aveva conseguito il dottorato in Scienze ambientali. Questa non era la prima spedizione a cui partecipava il ricercatore italiano: i colleghi dell’Università di Messina oggi hanno scritto che “Non potremo mai dimenticare le doti umane e morali di Luigi, che sempre riusciva ad associare la sua grande statura a una simpatia unica nel suo genere. Ieri, quel mare dell’Antartide che Luigi amava, con un amore incondizionato, lo ha cullato durante un immersione scientifica come tante altre volte, ma purtroppo in questa occasione gli è stato fatale”. Il capo della spedizione italiana, Franco Ricci, ha fatto sapere che Michaud “Stava svolgendo attività scientifica subacquea per il prelievo di campioni marini. Nonostante le misure di sicurezza e l’immediato intervento della squadra di soccorso, ogni tentativo di mantenerlo in vita è stato vano”. La squadra italiana sta ultimando una relazione che invierà al ministro all’Istruzione Maria Chiara Carrozza, che intanto ha espresso cordoglio e vicinanza alla famiglia.

Version:1.0 StartHTML:0000000167 EndHTML:0000004609 StartFragment:0000000451 EndFragment:0000004593

È morto la notte tra il 15 e il 16 gennaio in Antartide il ricercatore italiano Luigi Michaud, del dipartimento di scienze biologiche e ambientali dell’Università di Messina. Michaud ha perso la vita durante un’immersione, davanti alla base italiana al Polo Sud: a renderlo noto è stato l’Enea con un comunicato diffuso oggi. Michaud avrebbe avuto un malore mentre era in acqua nel tratto di mare antistante la base Mario Zucchelli. È la prima volta che un ricercatore italiano muore in Antartide, nella storia delle nostre 29 spedizioni al Polo Sud.

39 ANNI. Michaud aveva 39 anni, era sposato e padre di due bambini: si era laureato in Scienze biologiche nel 2001, e nel 2007 aveva conseguito il dottorato in Scienze ambientali. Questa non era la prima spedizione a cui partecipava il ricercatore italiano: i colleghi dell’Università di Messina oggi hanno scritto che “Non potremo mai dimenticare le doti umane e morali di Luigi, che sempre riusciva ad associare la sua grande statura a una simpatia unica nel suo genere. Ieri, quel mare dell’Antartide che Luigi amava, con un amore incondizionato, lo ha cullato durante un immersione scientifica come tante altre volte, ma purtroppo in questa occasione gli è stato fatale”. Il capo della spedizione italiana, Franco Ricci, ha fatto sapere che Michaud “Stava svolgendo attività scientificasubacquea per il prelievo di campioni marini. Nonostante le misure di sicurezza e l’immediato intervento della squadra di soccorso, ogni tentativo di mantenerlo in vita è stato vano”. La squadra italiana sta ultimando una relazione che invierà al ministro all’Istruzione Maria Chiara Carrozza, che intanto ha espresso cordoglio e vicinanza alla famiglia.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Renault Scenic porta al debutto la nuova motorizzazione 1.3 Tce in configurazione da 140 e 160 cv. Un quattro cilindri Tutbo benzina molto evoluto che vuole fare le scarpe al Diesel

L'articolo Prova Renault Scenic 1.3 TCe 140 e 160 cv proviene da RED Live.

Assieme ad ABS ed ESP, il sistema di controllo elettronico della trazione è un cardine dei sistemi di sicurezza montati sulla vostra auto. Nel caso non lo sappiate, è un dispositivo elettronico in grado di rendervi le cose più semplici quando la strada è scivolosa. Scopriamolo assieme

L'articolo ASR, cos’è e come funziona il controllo di trazione delle auto proviene da RED Live.

400 cv, 855 kg e 2G di accelerazione laterale. La prima Dallara omologata per circolare su strada vanta prestazioni da capogiro. Disponibile in configurazione barchetta, targa o coupé scatta da 0 a 100 km/h in 3,25 secondi. E noi ci abbiamo fatto un giro

L'articolo Dallara Stradale, siamo saliti sulla barchetta dei record proviene da RED Live.

Nata anche da un'imbeccata di Stefano Accorsi, questa 308 al Nandrolone trasferisce su strada il meglio della versione Cup

L'articolo Peugeot 308 by Arduini Corse, one off su base GTi proviene da RED Live.

In 100.000 hanno raggiunto Praga da tutto il mondo per celebrare i 115 anni di un marchio più arzillo che mai. Una buona occasione per parlare del futuro di Harley-Davidson (che sarà anche elettrico) ma non solo

L'articolo Harley-Davidson, 115 di questi anni proviene da RED Live.