Google+

Anonymous VS arti marziali: quando non basta fare i bulli dietro lo schermo

luglio 2, 2012 Redazione

Il collettivo di pirati informatici ha preso d’assalto il sito della Ufc. Il presidente Dana White ha reagito invitandoli a farsi vivi. Ma i nerd davanti a un paio di muscoli hanno ancora paura.

Anonymous continua a creare problemi. La comunità di hacker è riuscita a violare alcuni tra i più importanti siti al mondo, Fbi, Vaticano, Governo americano compresi. Ma cosa succede quando un ragazzino di 13 anni si mette a violare il sito dell’Ultimate Fighting Championship, l’associazione di arti marziali miste americana? Succede che il suo presidente, Dana White, non ci sta e passa al contrattacco.

Il collettivo di pirati informatici a inizio anno aveva deciso di attaccare il sito dell’Ufc perché l’associazione aveva espresso il suo parere positivo alla legge anti-pirateria. Il sito subisce l’attacco ma mr. White non si scompone, anzi, nel corso di un’intervista guarda dritto in camera e urla: «Fatelo ancora se avete il coraggio, per chi mi avete preso, per eBay? Provate a farlo di nuovo. Volete mandare delle pizze a casa mia e rendere pubblico il mio numero di Social Security? Chi se ne frega! Se la gente volesse davvero il mio numero di Social Security, sono sicuro che lo troverebbe!».

Da qui si è scatenata una vera e propria guerra a colpi di tweet. Da un lato gli Anonymous strafottenti (“Sappiamo dove sei” “Ti stiamo osservando”), dall’altro le risposte del presidente dell’Ufc, per nulla spaventato «dal branco di nerd»: «Trovatemi brutti nerd. Sono a Chicago, e questo è il nome del mio hotel, vi sto aspettando». Sono state sufficienti un paio di settimane perché mr. White potesse cantare vittoria: l’Fbi e il Dipartimento per la sicurezza nazionale sono riusciti a individuare da dove provenivano gli attacchi e almeno una dozzina di persone sono state arrestate (anche se l’autore principale è sfuggito alla “cattura”), Dana White è diventato un eroe e ha invitato tutti a non cedere al ricatto dei «bulli di Internet» e di continuare a lottare per difendere la propria proprietà intellettuale.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download

Tempi Motori – a cura di Red Live

Il tempo purtroppo passa per tutti e man mano che l’età avanza la nostra cara patente B richiede revisioni più frequenti. Scopriamo assieme passo a passo la procedura da seguire

L'articolo Come rinnovare la patente B proviene da RED Live.

Dopo quattro anni, la SUV americana si rinnova a Detroit. E lo fa con un look rivisto, tanta tecnologia e nuovi angeli custodi elettronici. Top di gamma la specialistica Trailhawk

L'articolo Jeep Cherokee 2018, il restyling debutta a Detroit proviene da RED Live.

Con un look esclusivo e sospensioni più raffinate la Yamaha MT-09 SP va a porsi al vertice della gamma della hyper naked tricilindrica di Iwata. Il suo prezzo è di 10.190 euro f.c.

L'articolo Prova Yamaha MT-09 SP proviene da RED Live.

Nissan propone per il 2018 un restyling di X-Trail che rinnova senza rivoluzionare. Le forme vengono riviste e la lunghezza complessiva aumentata a vantaggio di un bagagliaio più grande. Propulsore e meccanica rimangano invariate. Andiamo a scoprirla

L'articolo Prova Nissan X-Trail 1.6 dCi 130 CVT 2WD Tekna proviene da RED Live.

Sulla breccia da 39 anni, la Classe G ha saputo resistere alle mode puntando su robustezza, affidabilità e su alcuni clienti... "importanti"

L'articolo Classe G, la storia “sporca” della off road Mercedes proviene da RED Live.

Pasqua in Armenia - iStoria Viaggi