Google+

Anders Haugen, che vinse il bronzo per il salto dal trampolino all’età di 86 anni

febbraio 4, 2014 Emmanuele Michela

Verso Sochi 2014 – La storia incredibile dell’americano premiato nel 1974 per le Olimpiadi di 50 anni prima. Era arrivato terzo nel salto dal trampolino, ma un errore di calcolo premiò un suo quasi omonimo norvegese

Anders_HaugenIl sorriso è quello dell’ottantenne cui hanno fatto una sorpresa inaspettata, un dolce regalo che lo riconcilia con la sua gioventù e con quel salto che, 50 anni prima, aveva spinto Anders Haugen a pochissimi centimetri dalla felicità della medaglia. Chissà quante volte l’ex saltatore statunitense era tornato col pensiero a quel volo dal trampolino di Chamonix ai primi giochi sulle nevi del 1924: per pochi centimetri gli era sfuggito il terzo posto. Chissà quanti pensieri sullo stacco, sull’angolatura degli sci, sui movimenti non fatti che avrebbero potuto spingerlo più in là. Ma il tempo è galantuomo e la storia è proseguita in modo bizzarro, premiando Haugen quando ormai aveva 86 anni. Rendendolo così l’atleta medagliato più anziano della storia.

HAUG AVEVA VINTO TRE ORI. La cronaca. Alle Olimpiadi di Chamonix del 1924 la squadra norvegese si presenta sicura di poter ottenere il massimo da diverse discipline: combinata nordica, sci di fondo, salto col trampolino… Il tutto perché può vantare, tra i suoi atleti migliori, Thorleif Haug, un nordico vero, che gli sci dai piedi li toglie solo per andare in bagno. I suoi giorni sulle nevi delle Alpi vanno alla grande: Haug vince l’oro nella 50 km di fondo, tre giorni dopo ottiene lo stesso risultato nella 18 km, per poi chiudere con il primo posto anche nella combinata nordica. Thorleif ha un solo difetto: il cognome. Troppo simile a quello di Anders Haugen, atleta statunitense di origine norvegese.
Anders era nato tra le nevi della taiga scandinava, ma in gioventù era andato a vivere negli Usa assieme al fratello e ai tanti immigrati che sognavano un futuro migliore. Finito a lavorare in una miniera del Wisconsin, era riuscito a “esportare” una disciplina tutta norvegese: il salto dal trampolino. Tanto che, nel ’24, poté partecipare alle prime Olimpiadi di Chamonix con una casacca a stelle e strisce.

L’ERRORE DEL CIO. Ed è qui che accade il qui pro quo dei cognomi. Nel salto con gli sci Haugen fa meglio del norvegese Haug, arrivando qualche punto dietro agli altri due norvegesi Thams e Bonna. Ma sul terzo gradino del podio ci va inspiegabilmente Haug e nessuno si accorge dell’errore: l’americano non protesta e non immagina nemmeno di essere andato meglio di chi, in pochi giorni, aveva vinto già tre ori. Il Cio non si accorge di nulla e dà la medaglia allo scandinavo: c’è chi dice sia stata fatta confusione tra i due cognomi e chi parla di un banale sbaglio nei calcoli.

LA PREMIAZIONE NEL 1974. Soltanto negli anni Settanta l’errore verrà scoperto: il merito è di Stromstad, un altro atleta norvegese, che andò a raccontare allo storico Jacob Vaage del fraintendimento del Cio. Alla denuncia fece seguito una capziosa ricerca storica che ricostruì il podio vero: Haug quarto, Haugen terzo. A quel punto, la federazione norvegese accettò di “restituire” la medaglia e organizzò a Stoccolma una cerimonia di premiazione per Anders Haugen: il rivale scandinavo intanto era morto trent’anni prima per una polmonite, quindi a consegnare il bronzo al legittimo proprietario fu la figlia, Anna Maria. Che incoronò un arzillo ottantaseienne, prima e unica medaglia degli Stati Uniti nel salto dal trampolino.

VERSO SOCHI. Gli altri articoli:
– Giamaica, la nazionale di bob torna alle Olimpiadi. Tutto come in Cool Runnings (pure meglio)
– Il più bel salto di Birger Ruud fu l’ultimo, quello dopo la prigionia nazista
– Squaw Valley, le Olimpiadi nel villaggio fantasma dove avvenne il “miracolo dimenticato”
– La storia di Eugenio Monti e di un bullone arrugginito che valeva più dell’oro
– Steven Bradbury, il pattinatore che vinceva perché gli altri cadevano. Un personaggio da Gialappa’s (ma non solo)

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Renault Scenic porta al debutto la nuova motorizzazione 1.3 Tce in configurazione da 140 e 160 cv. Un quattro cilindri Tutbo benzina molto evoluto che vuole fare le scarpe al Diesel

L'articolo Prova Renault Scenic 1.3 TCe 140 e 160 cv proviene da RED Live.

Assieme ad ABS ed ESP, il sistema di controllo elettronico della trazione è un cardine dei sistemi di sicurezza montati sulla vostra auto. Nel caso non lo sappiate, è un dispositivo elettronico in grado di rendervi le cose più semplici quando la strada è scivolosa. Scopriamolo assieme

L'articolo ASR, cos’è e come funziona il controllo di trazione delle auto proviene da RED Live.

400 cv, 855 kg e 2G di accelerazione laterale. La prima Dallara omologata per circolare su strada vanta prestazioni da capogiro. Disponibile in configurazione barchetta, targa o coupé scatta da 0 a 100 km/h in 3,25 secondi. E noi ci abbiamo fatto un giro

L'articolo Dallara Stradale, siamo saliti sulla barchetta dei record proviene da RED Live.

Nata anche da un'imbeccata di Stefano Accorsi, questa 308 al Nandrolone trasferisce su strada il meglio della versione Cup

L'articolo Peugeot 308 by Arduini Corse, one off su base GTi proviene da RED Live.

In 100.000 hanno raggiunto Praga da tutto il mondo per celebrare i 115 anni di un marchio più arzillo che mai. Una buona occasione per parlare del futuro di Harley-Davidson (che sarà anche elettrico) ma non solo

L'articolo Harley-Davidson, 115 di questi anni proviene da RED Live.