Google+

Anche la Germania è in crisi: debito pubblico a 2.166 miliardi e disoccupazione al 7,4 per cento

aprile 17, 2013 Redazione

Secondo i dati diffusi dalla Bundesbank e dalla Banca centrale europea, cinque milioni di tedeschi vivono con 450 euro al mese.

Anche la Germania è in crisi. Il debito pubblico tedesco ha infatti raggiunto nel 2012 quota 2.166 miliardi di euro, pari all’81,9 per cento dell’intero prodotto interno lordo. Lo ha reso noto la Bundesbank, specificando che l’aumento nel 2011 è stato dell’1,5 per cento. Sempre la Bundesbank, insieme all’altra importante banca che ha sede a Francoforte, la Banca centrale europea, ha fatto sapere che il patrimonio di una normale famiglia tedesca ammonta in media a 51.400 euro, contro i 173.500 di una famiglia italiana e i 182.700 di una spagnola. Tra le cause del divario c’è la scarsa propensione dei tedeschi a comprarsi una casa, anche se lo studio dei due istituti di credito non comprende importanti voci che compongono la ricchezza quali, per esempio, le assicurazioni della sicurezza sociale pubblica.

AUMENTA LA DISOCCUPAZIONE. Non è tutto. Come se non bastasse a certificare la durezza con cui la crisi ha colpito persino il paese più rigoroso e austero d’Europa, il governo di Berlino e della Cancelliera Angela Merkel dovranno fare i conti con la disoccupazione che, a marzo, è cresciuta di 13 mila unità. Il tasso di disoccupazione, infatti, è passato dal 7,3 al 7,4 per cento e ora i disoccupati tedeschi sono 2,935 milioni. Mentre il Ministero del Lavoro certifica che quasi 5 milioni di persone (di cui il 60 per cento donne) guadagnano appena 450 euro al mese. L’indice Zew, invece, elaborato da un istituto tedesco, ha registrato in aprile un netto calo della fiducia degli investitori tedeschi scendendo da 48,5 a 36,3 punti.

PARADISI FISCALI. Intanto, il quotidiano ItaliaOggi ricorda che anche ai tedeschi piace praticare l’arte del risparmio fiscale, quando si può. Tra le 200 mila società che hanno sede nel paradiso fiscale statunitense di Wilmington, nel Delaware, ci sono anche «una dozzina di grandi società tedesche, dalla Lufthansa alla Bmw, Adidas, E.On, Linde, Siemens, Volkswagen, Rwe, Thyssen, Henkel, Commerzbank e Deutsche Bank. E l’elenco è solo parziale». Altrettante se ne trovano a Panama, alle isole Cayman e alle British Virgins tra le quali Bayer, Basf, Deutsche Post, Allianz e Sap.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

3 Commenti

  1. francesco taddei scrive:

    l’università di berlino soffia studenti alla stanford e la germania sarebbe in crisi? ma mi faccia il piacere…

  2. ragnar scrive:

    Se questa si chiama crisi allora vorrei che l’Italia fosse in crisi come lo è la Germania.

  3. Giovanna Jacob scrive:

    Sfondate una porta aperta: l’ho sempre detto che anche la Germania è in crisi.
    Infatti, ormai fra dall’Oriente all’Occidente, tutti gli stati socialdemocratici welfaristici stanno male, e vince chi sta un po’ meno peggio. La Germania non sta bene: sta solo un po’ meno male degli altri in virtù di qualche buona riforma. Ma non si può stare bene con i debiti pubblici mostruosi accumulati da tutti gli stati avanzati, cina e Giappone compresi, Corea del sud non pervenuta. Quindi bisogna liberarsi definitivamente dall’ideologia diabolica secondo cui spendere all’infinito e indebitarsi all’infinito sfarebbe bene all’economia promuovendo la crescita. E’ una balla. Da oggi in poi bisogna cambiare radicalmente mentalità: tagliare la spesa pubblica e le tasse all’osso, mandare gli statali a cercarsi un lavoro vero. Una volta tagliata la spesa e le tasse all’osso una parte dei soldi dei contribuenti serviranno a ripagare gradualmente la spesa accumulata dai vecchi egoisti quando erano giovani. Ieri spendevano allegramente, scaricando sulle spalle di figli e nipoti i debiti.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

L’abito non fa il monaco. Mai affermazione fu più vera, specie nel caso della concept Infiniti Prototype 9, presentata in occasione del Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, e forte di una linea ispirata alle monoposto degli Anni ’30 e ’40. L’aspetto, come accennato, non deve però trarre in inganno: il “cuore” è decisamente […]

L'articolo Infiniti Prototype 9: sotto mentite spoglie proviene da RED Live.

Il Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, rappresenta da sempre un evento speciale per la BMW. La Casa di Monaco è infatti solita stupire presentando delle concept che anticipano modelli pressoché pronti a entrare in produzione. Quest’anno tocca a una delle roadster più affascinanti mai realizzate, oltre che una delle vetture più “anziane” della […]

L'articolo BMW Z4 Concept: una linea da urlo proviene da RED Live.

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana