Google+

Anche i premi nobel hanno il problema della prima casa

giugno 27, 2012 Leone Grotti

La casa a Rangoon dove il premio nobel per la Pace Aung San Suu Kyi, leader del movimento democratico birmano, ha passato i suoi 15 anni di arresti domiciliari ora è contesa in tribunale dal fratello.

Quando un regime confina agli arresti domiciliari una persona e la costringe a non uscire di casa per 15 anni, lo fa per togliersi di torno un avversario scomodo. E alla gente comune viene subito in mente il dramma del recluso, il rispetto dei diritti umani, la lotta per la democrazia, la resistenza. Nessuno pensa mai all’immobile, alla casa dove la persona viene rinchiusa. Sbagliando, perché a volte anche una dimora può rappresentare un problema. Aung San Suu Kyi, donna coraggiosa, premio nobel per la Pace, fondatrice e leader della Lega nazionale per la democrazia, icona della lotta al regime, che ha vinto le elezioni democratiche del 1990 in Myanmar e che per questo è stata confinata agli arresti domiciliari, ha abitato per tutti i 15 anni, e oltre, a Rangoon, in via dell’università 54, nella casa di famiglia. Ma di chi è la casa dove ha risieduto per così tanto tempo? Sua, forse.

Già, forse, perché il fratello di Aung San Suu Kyi, Aung San U, che vive negli Stati Uniti dal 1973, ha portato in tribunale la sorella per rivendicare i suoi diritti su quella casa, di cui vuole possedere il 50 per cento. Come si dice, fratelli coltelli. La battaglia giudiziaria per la bellissima villa coloniale, proprietà del padre Aung San, eroe dell’indipendenza birmana morto nel 1947, va avanti da 12 anni e ora il Tribunale l’ha data vinta al fratello. Ma l’avvocato del premio nobel assicura che ricorrerà in appello.

Ma sarà solo un problema di proprietà immobiliare? I birmani sostengono di no. Nel 1988 tutti puntavano su Aung San U, sperando che diventasse la figura di riferimento per la battaglia birmana a favore della democrazia. Al contrario della sorella, però, si dice che il fratello non avesse un briciolo di carisma. Dopo che nel 1988 la madre dei fratelli, Khin Kyi, morì assistita dalla figlia, la residenza della casa fu assegnata a Suu Kyi. Proprio in quell’anno il fratello si proclamava direttore di una oscura organizzazione chiamata Fronte della Birmania libera. E mentre la reputazione della sorella cresceva nel movimento democratico, lui metteva in guardia contro i «profeti falsi e irresponsabili che giocano sulle emozioni degli indisciplinati». Non solo, si dice che sia stato il regime a convincere il fratello a intentare la causa nel 2000, quando Suu Kyi era agli arresti domiciliari, in cambio di alcuni privilegi.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line è una suv compatta per chi va sempre di corsa ma non per questo manca di praticità. Si parte da 46.000 euro.

L'articolo Prova Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line proviene da RED Live.

Mentre tutti sono sotto l’ombrellone, la Casa varesina presenta le ultime due moto che mancavano all’appello dell’Euro4: le F3 (675 e 800) e la Dragster 800 RR. E con l’occasione…

L'articolo MV Agusta F3 e Dragster 800 RR Euro4 proviene da RED Live.

La fame del colosso indiano Bajaj sembra non avere fine: dopo aver conquistato il 49% del Gruppo KTM, ora punta a un noto Marchio inglese. Nasce così la partnership (commerciale) Triumph e Bajaj

L'articolo Triumph e Bajaj, insieme per le piccole proviene da RED Live.

Black Jack, come il gioco d’azzardo che coinvolge banco e giocatori. In questo caso, però, il ruolo del casinò viene interpretato dalla Opel e l’oggetto del desiderio non è il classico “21”, bensì la city car Adam in edizione speciale. L’inedito allestimento Black Jack, che esalta l’inclinazione alla personalizzazione tipica dell’utilitaria tedesca, porta in dote […]

L'articolo Opel Adam Black Jack: scommessa vinta proviene da RED Live.

Dopo il successo ottenuto con la 300, Beta allarga ulteriormente la gamma delle enduro “facili”: ora è il momento della Beta XTrainer 250, moto facile per alcune soluzioni ma comunque capace di grandi cose

L'articolo Beta Xtrainer 250 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana