Google+

Anche i premi nobel hanno il problema della prima casa

giugno 27, 2012 Leone Grotti

La casa a Rangoon dove il premio nobel per la Pace Aung San Suu Kyi, leader del movimento democratico birmano, ha passato i suoi 15 anni di arresti domiciliari ora è contesa in tribunale dal fratello.

Quando un regime confina agli arresti domiciliari una persona e la costringe a non uscire di casa per 15 anni, lo fa per togliersi di torno un avversario scomodo. E alla gente comune viene subito in mente il dramma del recluso, il rispetto dei diritti umani, la lotta per la democrazia, la resistenza. Nessuno pensa mai all’immobile, alla casa dove la persona viene rinchiusa. Sbagliando, perché a volte anche una dimora può rappresentare un problema. Aung San Suu Kyi, donna coraggiosa, premio nobel per la Pace, fondatrice e leader della Lega nazionale per la democrazia, icona della lotta al regime, che ha vinto le elezioni democratiche del 1990 in Myanmar e che per questo è stata confinata agli arresti domiciliari, ha abitato per tutti i 15 anni, e oltre, a Rangoon, in via dell’università 54, nella casa di famiglia. Ma di chi è la casa dove ha risieduto per così tanto tempo? Sua, forse.

Già, forse, perché il fratello di Aung San Suu Kyi, Aung San U, che vive negli Stati Uniti dal 1973, ha portato in tribunale la sorella per rivendicare i suoi diritti su quella casa, di cui vuole possedere il 50 per cento. Come si dice, fratelli coltelli. La battaglia giudiziaria per la bellissima villa coloniale, proprietà del padre Aung San, eroe dell’indipendenza birmana morto nel 1947, va avanti da 12 anni e ora il Tribunale l’ha data vinta al fratello. Ma l’avvocato del premio nobel assicura che ricorrerà in appello.

Ma sarà solo un problema di proprietà immobiliare? I birmani sostengono di no. Nel 1988 tutti puntavano su Aung San U, sperando che diventasse la figura di riferimento per la battaglia birmana a favore della democrazia. Al contrario della sorella, però, si dice che il fratello non avesse un briciolo di carisma. Dopo che nel 1988 la madre dei fratelli, Khin Kyi, morì assistita dalla figlia, la residenza della casa fu assegnata a Suu Kyi. Proprio in quell’anno il fratello si proclamava direttore di una oscura organizzazione chiamata Fronte della Birmania libera. E mentre la reputazione della sorella cresceva nel movimento democratico, lui metteva in guardia contro i «profeti falsi e irresponsabili che giocano sulle emozioni degli indisciplinati». Non solo, si dice che sia stato il regime a convincere il fratello a intentare la causa nel 2000, quando Suu Kyi era agli arresti domiciliari, in cambio di alcuni privilegi.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

La coupé dei quattro anelli festeggia il compleanno con un restyling lieve, che porta in dote più potenza e una dotazione arricchita

L'articolo Audi TT 2018, il restyling per i 20 anni proviene da RED Live.

La Renault Scenic porta al debutto la nuova motorizzazione 1.3 Tce in configurazione da 140 e 160 cv. Un quattro cilindri Tutbo benzina molto evoluto che vuole fare le scarpe al Diesel

L'articolo Prova Renault Scenic 1.3 TCe 140 e 160 cv proviene da RED Live.

Assieme ad ABS ed ESP, il sistema di controllo elettronico della trazione è un cardine dei sistemi di sicurezza montati sulla vostra auto. Nel caso non lo sappiate, è un dispositivo elettronico in grado di rendervi le cose più semplici quando la strada è scivolosa. Scopriamolo assieme

L'articolo ASR, cos’è e come funziona il controllo di trazione delle auto proviene da RED Live.

400 cv, 855 kg e 2G di accelerazione laterale. La prima Dallara omologata per circolare su strada vanta prestazioni da capogiro. Disponibile in configurazione barchetta, targa o coupé scatta da 0 a 100 km/h in 3,25 secondi. E noi ci abbiamo fatto un giro

L'articolo Dallara Stradale, siamo saliti sulla barchetta dei record proviene da RED Live.

Nata anche da un'imbeccata di Stefano Accorsi, questa 308 al Nandrolone trasferisce su strada il meglio della versione Cup

L'articolo Peugeot 308 by Arduini Corse, one off su base GTi proviene da RED Live.