Google+

Serve un segno di pacificazione. Serve un’amnistia terapeutica. Serve oggi quel coraggio che ebbe Togliatti

giugno 27, 2013 Stefano Filippi

Non prima la riforma della giustizia e poi l’amnistia, ma il contrario. Siamo come nell’Italia del ’45 e come allora serve un provvedimento di clemenza. Per ricominciare, dopo anni di “guerra civile”

Riportiamo il testo del blog di Stefano Filippi, apparso sul sito de ilgiornale.it

Ora ci vuole un’amnistia. Un atto di clemenza adottato dallo Stato come segno della “pacificazione” tra le forze politiche che sostengono il governo Letta. Non dovrebbe trattarsi di un semplice “salvacondotto giudiziario” per Silvio Berlusconi, anche se il Cavaliere non dovrebbe essere escluso dal provvedimento. Una decisione che dovrebbe essere propedeutica alla riforma complessiva del nostro sistema giudiziario e possa anche disinnescare l’emergenza carceraria che pure affligge cronicamente l’Italia: da questo punto di vista concordo con il ministro Mario Mauro che al Corriere della Sera ha detto “non prima la riforma e poi l’amnistia”, ma il contrario.

Molti, di questi tempi, paragonano il momento attuale al ’45-46, quando l’Italia trovò la forza di rialzarsi dalle macerie belliche grazie all’unità di intenti delle maggiori forze politiche dell’epoca, quelle espresse da cattolici, socialisti, azionisti, comunisti. Palmiro Togliatti fu ministro di Grazia e giustizia nel primo governo De Gasperi nell’immediato dopoguerra. E da guardasigilli il Migliore proclamò un’amnistia che contribuì a sanare molte ferite (naturalmente non tutte) lasciate non solo dal conflitto mondiale ma soprattutto dalla guerra civile partigiana. Non italiani contro tedeschi, austriaci o americani, ma italiani contro italiani. Anche noi siamo reduci (molti la stanno combattendo ancora) una guerra civile. Abbiamo un Paese che crolla a pezzi, una Costituzione da riscrivere e tre partiti di diversa tradizione politica che tentano di collaborare per consentire all’Italia di risollevarsi.

Nel ’45 c’era bisogno di chiudere un capitolo di storia senza più ricorrere alla ghigliottina rivoluzionaria, alle repressioni fasciste, alle esecuzioni sommarie della guerra civile. Di affidare agli storici, e non più ai magistrati (tanto più se politicizzati o inchiodati a un pregiudizio), il compito di ricercare le responsabilità. Questo bisogno è urgente anche oggi, un’epoca che presenta analogie con il dopoguerra. E come allora sono convinto sia necessario un provvedimento di clemenza generalizzato. Un’amnistia “terapeutica” come ha scritto il giudice di sorveglianza del tribunale di Milano Guido Brambilla (qui il suo articolo).

Alcuni parlamentari di diversi schieramenti, come il senatore Manconi del Pd, il senatore Compagna del Pdl, il deputato Gozi del Pd hanno presentato disegni di legge sull’amnistia. I radicali stanno lanciando una nuova campagna referendaria che prevede anche sei quesiti sulla giustizia: responsabilità civile dei magistrati (due quesiti), separazione delle carriere, incarichi extragiudiziari, revisione della custodia cautelare, abolizione dell’ergastolo. Amnistia e riforma della giustizia sono temi trasversali, che non andrebbero liquidati come un colpo di spugna “ad personam” per Berlusconi, né come una punizione delle toghe, né come un via libera alla delinquenza: basterebbe evitare la cella ai detenuti in attesa di giudizio (che non hanno sul groppone nemmeno una condanna in primo grado e quindi nessuna pena da scontare) e i veri criminali avrebbero tutto lo spazio carcerario che si meritano. Ma oggi chi ha il coraggio che ebbe il Migliore nel 1945?

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

2 Commenti

  1. candido scrive:

    La logica è stringente, quando Silvio è sulla cresta dell’ onda fa quello che vuole, le leggi su misura per bloccare i processi, favorire le proprie aziende, comprare parlamentari avversari, usare i media di proprietà per colpire gli avversari. Quando si trova in difficoltà come adesso, con alcuni processi che non è riuscito a fermare e che gli stanno portando guai, e altri che incombono, allora parla di pacificazione e perfino l’ odiato Togliatti, simbolo fino a ieri del Male Assoluto, diventa l’ esempio da seguire.
    Cosa non fa fare la disperazione!

  2. VITTORIO scrive:

    Ogni volta che si parla di amnistia viene sempre associato il nome berlusconi .e come se tutti coloro che ne gioverebbero abbiano lo stesso e odiato cognome berlusconi- se non esistesse probabilmente sarebbe gia approvata e un po come le scritte appese in alcuni esercizi- per colpa di qualcuno non si fa credito a nessuno

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana