Google+

Amicone: Se il Cav giocasse la carta della fiducia scoprirebbe la nullità altrui

novembre 9, 2011 Luigi Amicone

Oggi sul Foglio girotondo di opinioni sulla situazione politica italiana. Tra gli altri interviene anche il direttore di Tempi, Luigi Amicone: «La verità è che Silvio Berlusconi è un piccolo grande Churchill ubriaco e, domani, avesse l’opportunità di calare le carte in tavola, sarà (sarebbe) sobrio per andare avanti fino al 2013». Leggi anche gli altri articoli: Ferrara, Bechis, la tattica di Udc e Pd

Oggi sul Foglio girotondo di opinioni sulla situazione politica italiana (“Sfarinarsi piano o combattere l’ultima grande battaglia?”). Tra gli altri interviene anche il direttore di Tempi, Luigi Amicone: «La verità è che Silvio Berlusconi è un piccolo grande Churchill ubriaco e, domani, avesse l’opportunità di calare le carte in tavola, sarà (sarebbe) sobrio per andare avanti fino al 2013». (Qui potete scaricare e leggere l’articolo in formato pdf, di seguito in pagina il testo integrale).

Intanto c’è da registrare quale sarà la tattica dell’opposizione. Come racconta la Stampa, Pd e Udc potrebbero tentara la carte dell’astensione oggi sul voto del rendiconto: «l’obiettivo per la giornata di oggi non è ancora far cadere il governo ma “tenerlo basso” ad una quota (311-312 sì), che lo indebolirebbe e ne renderebbe quasi ineluttabile la fine alla successiva votazione, quasi certamente una mozione di sfiducia presentata dalle opposizioni». Stessa ipotesi l’avanza il retroscenista dell’Unità, Marcella Ciarnelli, che si chiede anche che fine abbia fatto il testo del maxiemendamento. Il Quirinale, intanto, attende lo schiarsi della situazione.

Solo due ultime segnalazioni che riguardano i due giornalisti che ieri hanno annunciato le dimissioni di Berlusconi. Franco Bechis racconta la sua pazza giornata su Libero. Giuliano Ferrara torna sul Foglio a invocare le elezioni sotto la neve.

Ecco l’articolo di Amicone apparso oggi sul Foglio:
Se consideriamo con le spalle al muro il panorama della crisi italiana (che è una partita finanziaria di calcio franco-tedesco e marcatori nel New York e Financial Times) la verità è che Silvio Berlusconi è un piccolo grande Churchill ubriaco e, domani, avesse l’opportunità di calare le carte in tavola, sarà (sarebbe) sobrio per andare avanti fino al 2013.
Tutti gli altri, a partire dai giornaloni che hanno rappresentato l’assedio finale e che hanno giocato tutte le carte false possibili e le disinformazioni immaginabili, sono la signora alternativa sulla carta, ma brutta, politicamente così brutta, che ciascuno può sfidare l’immaginazione di ciascun altro a dire in cuor suo, mettendosi una mano sulla coscienza e l’altra sul portafoglio, se il trio Bersani-Di Pietro-Casini, piuttosto che un Monti e un resto del mondo di technicality Ue, può fare un governo all’altezza della situazione piuttosto che un governo da considerarsi famoso nel senso del famoso pisano o marchigiano all’uscio.
Ovvero un fantasioso governo di oligarchi, patrimoniali e prelievi forzosi da far preferire i morti in casa piuttosto che la morte di ogni ripresa e consumo. Dunque, mi pare chiaro che se il presidente del Consiglio non ha più una maggioranza parlamentare (e non ce l’ha), non ha che due carte in mano: la prima è quella che gli consiglierebbe, preso atto che non può rischiare di finire la sua cavalcata politica sotto la sfiducia di una Gabriella Carlucci (e neanche di un Pisanu), di salire al Quirinale e rassegnare le dimissioni. Oggi stesso. La seconda è quella che ha l’unico genio (e non è poco) di scavallare il suo stesso partito e di costringere l’intero Parlamento a fiduciare il governo o a sfiduciare se stesso sotto l’esposizione della lettera Ue e delle relative, consequenziali, misure urgenti.
Per intenderci, quelle che sono finite in maxiemendamento invece che in decreto legge, magari rimpolpate da quant’altro, tipo fondo in cui convogliare parte cospicua del patrimonio immobiliare statale a garanzia dei 300 miliardi di Bot e Cct in scadenza nel primo trimestre 2012. Sebbene in alternativa alla prima, anche questa seconda carta dovrebbe essere giocata subito. Se non oggi, domani, massimo 48 ore, Silvio dovrebbe presentarsi in Parlamento e chiedere fiducia sui provvedimenti in margine alla lettera Ue in nome del popolo italiano.
A dire il vero una teorica terza carta l’avrebbe, a scorno magari del Messaggero di Caltagirone, il nostro Cavaliere, una carta jolly che potrebbe addirittura prendere la forma di una letterina breve breve, tipo: “Gentile onorevole e segretario Udc Pier Ferdinando Casini, tu dici che l’unico ostacolo sono io, Silvio Berlusconi, mentre tu, serenamente e responsabilmente, hai dichiarato al Corriere della Sera che se proprio te lo chiedessero, non esiteresti a sacrificarti per il bene della Nazione e ad assumere la presidenza di un governo, non di ribaltone, ci mancherebbe, ma di larghe intese. Bene, io Silvio Berlusconi faccio un passo indietro e sai cosa ti dico? Eccoti le chiavi di Palazzo Chigi, prego, accomodati, noi del Pdl ci stiamo e ti diamo pure il mandato di interloquire per larga intesa con Bersani e Di Pietro, vai pure, fa’ il tuo giro di consultazioni, primarie, comitati popolari, redazioni dei giornali, indignados, gnomi della finanza, e chissà, magari finisce che per Natale dell’anno prossimo un governicchio lo spuntiamo”.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Dopo quattro anni, la SUV americana si rinnova a Detroit. E lo fa con un look rivisto, tanta tecnologia e nuovi angeli custodi elettronici. Top di gamma la specialistica Trailhawk

L'articolo Jeep Cherokee 2018, il restyling debutta a Detroit proviene da RED Live.

Con un look esclusivo e sospensioni più raffinate la Yamaha MT-09 SP va a porsi al vertice della gamma della hyper naked tricilindrica di Iwata. Il suo prezzo è di 10.190 euro f.c.

L'articolo Prova Yamaha MT-09 SP proviene da RED Live.

Nissan propone per il 2018 un restyling di X-Trail che rinnova senza rivoluzionare. Le forme vengono riviste e la lunghezza complessiva aumentata a vantaggio di un bagagliaio più grande. Propulsore e meccanica rimangano invariate. Andiamo a scoprirla

L'articolo Prova Nissan X-Trail 1.6 dCi 130 CVT 2WD Tekna proviene da RED Live.

Sulla breccia da 39 anni, la Classe G ha saputo resistere alle mode puntando su robustezza, affidabilità e su alcuni clienti... "importanti"

L'articolo Classe G, la storia “sporca” della off road Mercedes proviene da RED Live.

DNA OFFROAD Al Salone di Detroit 2018 la Casa della Stella ha presentato la Nuova Mercedes Classe G. Che non ha tagliato in modo brusco i ponti con il passato e – tranquilli –  non si è rammollita: a lei, le SUV moderne fanno davvero un baffo. Nel senso che la G continua ad essere […]

L'articolo Nuova Mercedes Classe G 2018: nel solco della tradizione proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download