Google+

Altro che sconosciuti e vip di serie B, le nuove star della tv sono assassini e mafiosi

marzo 20, 2012 Paola D'Antuono

In Cina 40 milioni di telespettatori hanno seguito “Interviste prima dell’esecuzione”, un reality show in cui i condannati alla pena di morte si raccontano poche ore prima dell’esecuzione. Lo sdegno occidentale ha fatto chiudere il programma, ma anche in Usa il cattivo gusto regna sovrano con la seconda stagione di Mob Wives, lo show dedicato alle mogli dei mafiosi.

Soltanto lo sdegno dei media occidentali è riuscito a fermare il reality show cinese, Interviste prima dell’esecuzione. In onda il sabato in prima serata con ascolti record, 40 milioni di telespettatori, il programma tanto semplice quanto controverso vedeva la giornalista Ding Yu, conosciuta con l’appellativo di Bella tra le Bestie, intervistare alcuni condannati a morte a poche ore dall’esecuzione. Assassini, strupratori, rapinatori, serial killer, corrotti (ma nessun prigioniero politico) che davanti alle telecamere avevano la possibilità di dire la loro per l’ultima volta. C’è chi piange, chi si dispera, chi rimane lucido e impassibile davanti agli occhi privi di emozione della giornalista e ai parenti disperati che salutano dall’altra parte del vetro. Impossibile pensare come le autorità cinesi abbiano dato il benestare per un’operazione televisiva di questo genere, in un paese in cui i capi d’imputazione che prevedono la pena di morte sono 55 e dove non esistono stime reali delle esecuzioni annuali. Secondo fonti ufficiali il governo cinese avrebbe appoggiato l’iniziativa convinto che le dichiarazioni dei condannati agissero in qualche modo da “deterrente” per i potenziali assassini. Per fortuna il reality ha avuto vita breve e dopo la messa in onda in Inghilterra del documentario della Bbc Dead Man Talking, i produttori cinesi hanno deciso che era il caso di terminare l’esperimento televisivo.

Curioso constatare quanto il format reality nel tempo abbia subito mutazioni quasi genetiche. In principio fu il Grande Fratello a invadere le tv di mezzo mondo, scandalizzando buona parte del pubblico e della critica che urlava all’eccessivo voyerismo e alla crudeltà di un esperimento da cavie umane sotto gli occhi delle telecamere. Ma a vederli oggi, questi programmi nati non più tardi di quindicennio fa, che vantano un assoluto predominio nei palinsesti delle più importanti emittenti televisive del pianeta, le critiche passate fanno quasi ridere. Ormai da tempo anche le emittenti minori e le web tv hanno deciso di investire nei reality show e mentre L’isola dei famosi e il Gf vanno in onda da un tempo che semra infinito e accennano evidenti segni di stanchezza, la concorrenza si fa avanti a colpi di scelte controverse. È di questi giorni la notizia che la seconda serie di Mob Wives si farà. Lo show, in italiano “Mogli di gangster”, racconta la vita quotidiana di mogli, compagne, amanti, sorelle e figlie dei boss italoamericani della malavita made in Usa. La prima serie, ambientata nel quartiere newyorkese di Staten Island, è andata in onda lo scorso anno, entusiasmando così tanto il pubblico da spingere la rete a mettere in cantiere la seconda serie. Quest’anno Mob Wives sarà ambientata a Chicago, terra di Al Capone e di famiglie mafiose di tutto rispetto,e seguirà le vicende delle donne dei boss che davanti alle telecamere litigheranno, piangeranno e parleranno degli affari più o meno legali dei mariti. Cade così anche l’ultimo comma della legge d’onore della mafia, omertà sempre, e cade davanti al fascino delle telecamere e del successo di programmi come questi, che promettono di trasformare una persona comune in una star nel giro di qualche giorno. Ma se poi si finisse in gattabuia?

Twitter: @paoladant

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Nissan propone per il 2018 un restyling di X-Trail che rinnova senza rivoluzionare. Le forme vengono riviste e la lunghezza complessiva aumentata a vantaggio di un bagagliaio più grande. Propulsore e meccanica rimangano invariate. Andiamo a scoprirla

L'articolo Prova Nissan X-Trail 1.6 dCi 130 CVT 2WD Tekna proviene da RED Live.

Sulla breccia da 39 anni, la Classe G ha saputo resistere alle mode puntando su robustezza, affidabilità e su alcuni clienti... "importanti"

L'articolo Classe G, la storia “sporca” della off road Mercedes proviene da RED Live.

DNA OFFROAD Al Salone di Detroit 2018 la Casa della Stella ha presentato la Nuova Mercedes Classe G. Che non ha tagliato in modo brusco i ponti con il passato e – tranquilli –  non si è rammollita: a lei, le SUV moderne fanno davvero un baffo. Nel senso che la G continua ad essere […]

L'articolo Nuova Mercedes Classe G 2018: nel solco della tradizione proviene da RED Live.

Seppur presentato nel 2016, il sistema di trazione integrale della Focus RS è tutt’oggi una soluzione ingegneristica avanzata ed è raro trovarne una descrizione chiara e completa. Siete sicuri di avere capito come funziona? Leggete per scoprirlo!

L'articolo Magia elettronica! La trazione integrale della Ford Focus RS proviene da RED Live.

In attesa della prova ecco le prime informazioni sul test che ci vedrà a Valencia in sella alla nuova Ducati Panigale V4

L'articolo Ducati Panigale V4 in attesa della prova proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download