Google+

Altro che pace. In Siria i terroristi islamici mettono su famiglia (e sposano donne che vengono dall’Europa)

febbraio 8, 2014 Rodolfo Casadei

Sono tante le donne musulmane che vivono in Europa ma desiderano trasferirsi in Siria e sposarsi in forma permanente con combattenti del jihad

Volontari jihadisti dall’Europa e dal mondo arabo sempre più giovani, addirittura adolescenti, e mogli vere e proprie per i combattenti qaedisti sul terreno. La guerra civile che da quasi tre anni infuria in Siria assume connotati sempre più preoccupanti man mano che la situazione si incancrenisce, e i negoziati di Ginevra sembrano lontani da sbocchi positivi.

L’anno scorso aveva scosso le cronache la notizia che in Siria era largamente praticato il jihad al nikah, prontamente ribattezzato “jihad sessuale”: “matrimoni” temporanei fra combattenti ribelli islamisti radicali e donne provenienti perlopiù dalla Tunisia. Si tratta di un antico istituto giuridico che permetteva un tempo ai combattenti musulmani di avere rapporti sessuali con donne vedove o divorziate senza che gli uni e le altre potessero essere accusati di adulterio o prostituzione. Sull’entità reale del fenomeno si erano scatenate forti polemiche.

Ora, invece, dal Regno Unito arriva la notizia che sono sempre più numerose le donne, in genere musulmane dell’immigrazione, che desiderano trasferirsi in Siria e sposarsi in forma permanente con combattenti del jihad. Ne hanno dato notizia The Times e il Daily Telegraph, raccontando di un blogger jihadista di lingua inglese al quale si rivolgono le aspiranti spose in cerca di veri credenti impegnati nel campo di battaglia siriano. Il fenomeno sarebbe incoraggiato dalla formazione qaedista Stato islamico in Iraq e in Siria (Isis), perché essa non è tanto interessata ad abbattere il regime di Bashar al Assad quanto a occupare territori nei quali fondare un califfato e governare in nome di un’interpretazione rigorista della sharia.
Per questo è necessaria la diffusione di famiglie di veri credenti. Alcuni combattenti di Isis hanno trasferito in Siria, nella provincia di Raqqa da loro in gran parte controllata, le famiglie che già avevano fondato nei paesi di provenienza, altri attendono impazienti di sposarsi con donne che credano nella causa.

Minorenni in battaglia
Sul fronte dei volontari jihadisti dall’Europa, ha fatto molta sensazione la notizia di due adolescenti di Tolosa, un 15enne e un 16enne, che sono partiti per unirsi al jihad in Siria acquistando un biglietto aereo per la Turchia. Traumatizzati dal soggiorno in territorio siriano, sono tornati in Francia con l’assistenza delle autorità turche. Secondo varie inchieste e secondo dichiarazioni ufficiali del presidente François Hollande, con 700 unità la Francia è il paese europeo col più grosso contingente di jihadisti in Siria.
Si tratta quasi sempre di immigrati o figli di immigrati dal Nordafrica, ma si danno anche casi di giovani convertiti francesi, come i fratellastri Nicolas e Jean-Marie, 30 e 22 anni, anch’essi di Tolosa, che sono caduti: il secondo in una battaglia ad Aleppo lo scorso agosto, e il primo in un attentato suicida a Homs in dicembre.

In tutto i cittadini o residenti europei che in questi quasi tre anni hanno preso parte al jihad in Siria sarebbero duemila. I contingenti più numerosi sarebbero, dopo quello francese, quelli del Regno Unito, del Belgio e della Germania. In rapporto alla popolazione, il paese con la maggiore presenza di jihadisti in Siria è il Belgio (sarebbero 2,7 ogni 100 mila abitanti). Il fenomeno è stato al centro di varie riunioni dei ministri degli Interni dell’Unione Europea. All’ultima, svoltasi nel dicembre scorso, erano presenti i ministri o i loro rappresentanti di Francia, Belgio, Regno Unito, Germania, Olanda, Spagna, Italia, Svezia e Danimarca.
Sono stati stanziati 20 milioni di euro per la creazione di una centrale per la raccolta e la condivisione delle informazioni di tutti i 28 paesi dell’Unione Europea in tema di contrasto al terrorismo. Il commissario alle questioni interne Cecilia Malström ha proposto la creazione di un non meglio precisato programma di rieducazione dei membri di gruppi estremisti.

I reclutatori
Il reclutamento di volontari giovanissimi prosegue alacre nei paesi arabi, dai quali proviene la maggior parte dei combattenti stranieri arrivati in Siria. In Tunisia, dove il tasso di abbandono scolastico è aumentato molto dopo la caduta del regime di Ben Alì, gruppi di reclutatori si recano nei villaggi più poveri in cerca di volontari fra gli ex studenti. «Si sono presentati fuori della scuola del paese, non li conoscevamo», racconta un 18enne di Grawla, nel governatorato di Monastir, all’inviato di Le Monde. «Erano cinque in auto più un altro in moto. Proponevano 2.000 dinari (900 euro circa; lo stipendio mensile medio tunisino è 550 dinari, ndr) per andare a fare il jihad in Siria».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

2 Commenti

  1. Pierpaolo scrive:

    In forma permanente …
    Fino al ripudio.

  2. luca scrive:

    lol
    tutti i terroristi ora verranno a prendersi le “nostre donne”… e se vede che i terroristi c’hanno qualcosa che voi non avete se quelle ce vanno lopl

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Il Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, rappresenta da sempre un evento speciale per la BMW. La Casa di Monaco è infatti solita stupire presentando delle concept che anticipano modelli pressoché pronti a entrare in produzione. Quest’anno tocca a una delle roadster più affascinanti mai realizzate, oltre che una delle vetture più “anziane” della […]

L'articolo BMW Z4 Concept: una linea da urlo proviene da RED Live.

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana