Google+

Altro che bavaglio. Per impedire l’abuso delle intercettazioni ci vuole la supercensura

novembre 8, 2012 Luigi Amicone

Non ci vuole una “legge bavaglio”. Ci vuole di più. Ci vuole una legge che sancisca la generale segretezza del fascicolo degli atti di indagine fino al momento del dibattimento.

«Oggi l’unico momento di visibilità del modo in cui viene realmente esercitato il potere sono rimaste le intercettazioni; solo le macchine (le microspie) ci consentono di ascoltare in diretta la vera e autentica voce del potere. Le intercettazioni sono rimaste l’ultimo tallone di Achille di un potere che nel tempo ha sempre più circondato di segreto il proprio operato». Se queste cose fossero state scritte a Pechino sarebbero cose comprensibili a tutti. Il fatto è che sono state scritte da un procuratore generale (Roberto Scarpinato) in Italia. E vengono quotidianamente applicate (come insegna il quotidiano di Antonio Padellaro che adesso pare diventato la fonte oltre che la foce delle procure) nel paese in cui l’articolo 15 della Costituzione proclama che «la libertà e la segretezza della corrispondenza e di ogni altra forma di comunicazione sono inviolabili».

Non solo non sta scritto da nessuna parte che c’è un diritto di informazione che prevale sulla Costituzione e che la funzione del magistrato (che è un funzionario di un certo e non poco potere) è quella di controllare gli altri poteri e sputtanarli sui giornali. Ma sta scritto che la funzione del magistrato è amministrare le leggi (Costituzione) e che l’articolo 15 può essere sospeso «con decreto motivato quando vi sono gravi indizi di reato e l’intercettazione è assolutamente indispensabile ai fini della prosecuzione delle indagini» (art. 267 Cpp).

Fuori di qui non ci vuole una “legge bavaglio”. Ci vuole di più. Ci vuole una legge alla spagnola che né Zapatero né Rajoy si sono mai sognati di abolire. Una Ley de Enjuiciamiento Criminal, che sancisca la generale segretezza del fascicolo degli atti di indagine fino al momento del dibattimento.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

2 Commenti

  1. gianni says:

    Dove la cosa incredibile è che bisogna pure spiegarlo…

  2. francesco taddei says:

    la fnsi grida allo scandalo perchè rifiuta qualsiasi tipo di responsabilità verso gli altri.

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download

Tempi Motori – a cura di Red Live

Rialzata, “rinforzata” nel look ma con lo stesso grande comfort di ogni Classe E, la All Terrain entra di forza nel segmento delle Statio Wagon rialzate. Offre tanto spazio e un comfort sontuoso, ma la sua attitudine off road è reale

L'articolo Prova Mercedes E 220 CDi All Terrain proviene da RED Live.

Potenza esagerata, guidabilità di alto livello e un motore capace di stupire per gestibilità ed erogazione. La Panigale V4 apre una nuova era in casa Ducati e lo fa non solo per le prestazioni ma anche per come le “serve” al pilota. Non è solo l’ultima supersportiva Ducati è un cambio di filosofia, che potrebbe piacere a molti

L'articolo Prova Ducati Panigale V4 S proviene da RED Live.

Rifatta da cima a fondo la crossover Subaru ha aumentato le sue capacità off road, migliorando al contempo il comportamento su strada. Più efficace e comoda migliora anche nella qualità percepita degli interni. Solo benzina per i motori Boxer che continuano ad avere un po’ di sete.

L'articolo Prova Subaru XV 2018 proviene da RED Live.

Prodotta in soli 150 esemplari, l'iconica fuoristrada inglese si può ordinare ad un prezzo di partenza di circa 170.000 euro

L'articolo Land Rover Defender Works V8: 405 cv per festeggiare i 70 anni proviene da RED Live.

Il tempo purtroppo passa per tutti e man mano che l’età avanza la nostra cara patente B richiede revisioni più frequenti. Scopriamo assieme passo a passo la procedura da seguire

L'articolo Come rinnovare la patente B proviene da RED Live.

Pasqua in Armenia - iStoria Viaggi