Google+

Altro che bavaglio. Per impedire l’abuso delle intercettazioni ci vuole la supercensura

novembre 8, 2012 Luigi Amicone

Non ci vuole una “legge bavaglio”. Ci vuole di più. Ci vuole una legge che sancisca la generale segretezza del fascicolo degli atti di indagine fino al momento del dibattimento.

«Oggi l’unico momento di visibilità del modo in cui viene realmente esercitato il potere sono rimaste le intercettazioni; solo le macchine (le microspie) ci consentono di ascoltare in diretta la vera e autentica voce del potere. Le intercettazioni sono rimaste l’ultimo tallone di Achille di un potere che nel tempo ha sempre più circondato di segreto il proprio operato». Se queste cose fossero state scritte a Pechino sarebbero cose comprensibili a tutti. Il fatto è che sono state scritte da un procuratore generale (Roberto Scarpinato) in Italia. E vengono quotidianamente applicate (come insegna il quotidiano di Antonio Padellaro che adesso pare diventato la fonte oltre che la foce delle procure) nel paese in cui l’articolo 15 della Costituzione proclama che «la libertà e la segretezza della corrispondenza e di ogni altra forma di comunicazione sono inviolabili».

Non solo non sta scritto da nessuna parte che c’è un diritto di informazione che prevale sulla Costituzione e che la funzione del magistrato (che è un funzionario di un certo e non poco potere) è quella di controllare gli altri poteri e sputtanarli sui giornali. Ma sta scritto che la funzione del magistrato è amministrare le leggi (Costituzione) e che l’articolo 15 può essere sospeso «con decreto motivato quando vi sono gravi indizi di reato e l’intercettazione è assolutamente indispensabile ai fini della prosecuzione delle indagini» (art. 267 Cpp).

Fuori di qui non ci vuole una “legge bavaglio”. Ci vuole di più. Ci vuole una legge alla spagnola che né Zapatero né Rajoy si sono mai sognati di abolire. Una Ley de Enjuiciamiento Criminal, che sancisca la generale segretezza del fascicolo degli atti di indagine fino al momento del dibattimento.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

2 Commenti

  1. gianni scrive:

    Dove la cosa incredibile è che bisogna pure spiegarlo…

  2. francesco taddei scrive:

    la fnsi grida allo scandalo perchè rifiuta qualsiasi tipo di responsabilità verso gli altri.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line è una suv compatta per chi va sempre di corsa ma non per questo manca di praticità. Si parte da 46.000 euro.

L'articolo Prova Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line proviene da RED Live.

Mentre tutti sono sotto l’ombrellone, la Casa varesina presenta le ultime due moto che mancavano all’appello dell’Euro4: le F3 (675 e 800) e la Dragster 800 RR. E con l’occasione…

L'articolo MV Agusta F3 e Dragster 800 RR Euro4 proviene da RED Live.

La fame del colosso indiano Bajaj sembra non avere fine: dopo aver conquistato il 49% del Gruppo KTM, ora punta a un noto Marchio inglese. Nasce così la partnership (commerciale) Triumph e Bajaj

L'articolo Triumph e Bajaj, insieme per le piccole proviene da RED Live.

Black Jack, come il gioco d’azzardo che coinvolge banco e giocatori. In questo caso, però, il ruolo del casinò viene interpretato dalla Opel e l’oggetto del desiderio non è il classico “21”, bensì la city car Adam in edizione speciale. L’inedito allestimento Black Jack, che esalta l’inclinazione alla personalizzazione tipica dell’utilitaria tedesca, porta in dote […]

L'articolo Opel Adam Black Jack: scommessa vinta proviene da RED Live.

Dopo il successo ottenuto con la 300, Beta allarga ulteriormente la gamma delle enduro “facili”: ora è il momento della Beta XTrainer 250, moto facile per alcune soluzioni ma comunque capace di grandi cose

L'articolo Beta Xtrainer 250 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana