Google+

Alto commissariato Onu: «Israele e Hamas stanno trasgredendo diritti umani»

luglio 23, 2014 Chiara Rizzo

Navy Pillay, Commissario per i diritti umani, lancia un duro monito ai due fronti della guerra: «Israele potrebbe aver commesso crimini di guerra e Hamas attacca i civili in modo indiscriminato»

L’Alto commissario Onu per i diritti umani Navy Pillay ha lanciato oggi pomeriggio un durissimo monito sia a Israele che Hamas: «Non rispettare la legge internazionale umanitaria e sui diritti umani potrebbe costituire crimine di guerra e contro l’umanità». Pillay ha sottolineato che «i civili non devono essere colpiti. È imperativo che Israele, Hamas e tutti i gruppi armati rispettino rigorosamente le norme della legge umanitaria internazionale e sui diritti umani».

«UCCISI 147 BAMBINI». Pillay ha fatto riferimento anche alla denuncia dell’Unicef presentata ieri sull’alto numero di minori vittime del conflitto: «In sedici giorni a Gaza sono stati uccisi 147 bambini» (121 minorenni ieri secondo l’Unicef, ma il bilancio complessivo in un giorno è già cresciuto a 657 morti palestinesi e 31 israeliani, ndr.). Ciò per Pillay «crea preoccupazione sul rispetto dei principi di distinzione, proporzionalità e precauzioni negli attacchi». Il monito dell’Alto commissariato Onu è andato a entrambe le forze in guerra: l’accusa è ad Israele «di aver commesso possibili crimini di guerra» ma anche ad Hamas di «attaccare i civili in modo indiscriminato».

KERRY A TEL AVIV. Mentre continuavano i bombardamenti su diverse città della Striscia di Gaza (Rishon Letzion, Rehovot, Ashdod e Ashkelon) oggi a Tel Aviv è arrivato il segretario di Stato Usa per incontrare il premier Benjamin Netanyahu: «C’è stato qualche passo avanti verso il cessate il fuoco, ma c’è ancora bisogno di lavoro» ha detto. Domani Kerry volerà di nuovo al Cairo, dove è previso l’arrivo anche del ministro degli Esteri britannico Philip Hammond, e spagnolo, Manuel Garcia-Margallo.

FATAH DALLA PARTE DI HAMAS. Intanto ieri sera si è tenuta una riunione congiunta delle autorità palestinesi Olp e Fatah a cui ha partecipato il presidente Abu Mazen: al termine del meeting la leadership palestinese ha deciso di sostenere tutte le richieste di Hamas. Per un cessate il fuoco si chiede cioè l’interruzione immediata e totale del blocco a Gaza e la riapertura del valico di Rafah con l’Egitto.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

L’abito non fa il monaco. Mai affermazione fu più vera, specie nel caso della concept Infiniti Prototype 9, presentata in occasione del Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, e forte di una linea ispirata alle monoposto degli Anni ’30 e ’40. L’aspetto, come accennato, non deve però trarre in inganno: il “cuore” è decisamente […]

L'articolo Infiniti Prototype 9: sotto mentite spoglie proviene da RED Live.

Il Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, rappresenta da sempre un evento speciale per la BMW. La Casa di Monaco è infatti solita stupire presentando delle concept che anticipano modelli pressoché pronti a entrare in produzione. Quest’anno tocca a una delle roadster più affascinanti mai realizzate, oltre che una delle vetture più “anziane” della […]

L'articolo BMW Z4 Concept: una linea da urlo proviene da RED Live.

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana