Google+

All’Onu le storie dei bimbi “incompatibili con la vita”

aprile 9, 2015 Benedetta Frigerio

Una dichiarazione internazionale sulla cura perinatale lanciata dalle famiglie: «I nostri figli sono dei pezzi di cielo in terra. Non abbandonateli più»

neonati-hL’11 marzo scorso alcune famiglie hanno parlato alle Nazioni Unite per ricordare «il valore indescrivibile» dei loro figli bollati dalla terminologia clinica con il termine “incompatibili con la vita”. La conferenza è servita a lanciare una dichiarazione sulla cura perinatale già sottoscritta da 320 medici e da diversi gruppi che si occupano di disabilità.

LA MORTE NON CAMBIA NULLA. Grace Sharp, irlandese, mamma della piccola Lilly Joy, ha spiegato: «Le parole hanno il potere di curare e di dare speranza alla vita di una persona, ma hanno anche il potere di distruggere tutte le speranze: questo significò per me la frase “incompatibile con la vita”». Ma la donna decise di proseguire la gravidanza comunque e così «Lilly morì fra le mie braccia circondata dal mio amore. I suoi ultimi attimi qui li ha passati con sua madre e suo padre che le dicevano quanto la amavano». E anche se per i medici non era vita, «quella è mia figlia e la morte non può cambiare questo fatto».
Sarah Nugent, irlandese, madre di Isabella, ricorda invece la piccola che è sopravvissuta 54 giorni dopo il parto: «Ogni singolo secondo passato con Isabella è stato speciale, ogni persona che ha potuto incontrarla e amarla ora la piange con me. Non posso descrivere l’impatto che ha avuto (…), tutto il mio cuore scoppiava d’amore per lei». C
he cosa ha significato per lei il pronostico “incompatibile con la vita”? «Nessun aiuto, nessuna speranza, nessun intervento medico».

ANCORA VIVI. Macarena Mata e Francisco Lanca, una coppia di sposi spagnoli hanno parlato di Nicolas e Fatima. Il primo, secondo di cinque figli, dichiarato incompatibile con la vita, oggi ha 9 anni: «Ci dissero che il bambino poteva nascere vivo e poi morire. Eravamo spaventatissimi, potete quindi immaginare la nostra felicità quando sentimmo il pianto del nostro figlio neonato Nicolas. Fu tale che quando il medico ci comunicò che era affetto dalla sindrome di Down rispondemmo immediatamente: “Grazie a Dio!”». Il piccolo subì poi un’operazione importante al cuore. Per questo quando a Fatima, la quartogenita, fu diagnosticata la stessa malattia, «non ci spaventava tanto la sindrome di Down, ma un’altra operazione al cuore». L’intervento chirurgico andò bene «e siamo così contenti che oggi abbiamo un’altra bambina. Ha un mese e sta bene (…) e la nostra vita è piena di divertimento, tenerezza e amore». Per questo «l’idea che i nostri figli fossero considerati “incompatibili con la vita” è semplicemente ridicola».

UN PEZZO DI CIELO. Monika Jaquier, svizzera e mamma di Anouk, affetta dalla trisomia 18: «Ti fanno sentire come se tuo figlio fosse un mostro o come se non fosse veramente un essere umano», ma «si sbagliavano. Tornò a casa con noi e visse con la sua famiglia per 33 giorni», senza «portare altro che amore e gioia. Ha portato un pezzo di paradiso in casa nostra». Anche per Derbhille Mcgill, proveniente dall’Irlanda del Nord, la figlia Clodagh fu «un pezzo di cielo fra noi», nonostante il pronostico nefasto pronunciato dal medico «mentre respirava fra le mie braccia». La piccola fu portata a casa perché «era “incompatibile con la vita” (…) ci lasciarono da soli, abbiamo dovuto provvedere a tutto noi, anche all’ossigeno».
Barbara Farlow, mamma di Annie nata con la trisomia 13, che però non morì a causa della malattia, ha ricordato: «Chiesi alla caposala se qualcuno avesse dato a mia figlia qualcosa di letale per farla morire: “La prego mi dica che non è successo”, ma lei abbassò gli occhi e rimase in silenzio». 

EPPURE SI MUOVEVA. Sarah Hynes, irlandese, madre di Séan, a cui fu diagnosticata la trisomia 18 ha raccontato: «Per il medico non era una bambino. Era una cosa “incompatibile con la vita”. Avevo sentito i battiti cardiaci ad ogni appuntamento, avevo sentito i suoi movimenti per settimane, avevo visto la mia pancia crescere di settimana in settimana. Come poteva questo medico dirmi che era “incompatibile con la vita”?». Quando il piccolo nacque era ancora vivo, ma «quando chiesi assistenza per dargli da mangiare mi dissero di provare da me “e se non prende il latte non fa niente”. Mi sentii completamente persa (…) volevo solo che i diritti umani primari di mio figlio fossero rispettati. Penso che loro e noi come genitori meritiamo di più». Ragion per cui «oggi lanciamo la “Dichiarazione di Ginevra sulla cura perinatale” intraprendendo una campagna globale affinché la frase “incompatibile con la vita” non sia più considerata una diagnosi medica».

NON È UNA DIAGNOSI. Tracy Harkin, mamma di Kathleen Rose, affetta dalla trisomia 13 e che oggi ha 8 anni, ha letto la dichiarazione: «Come medici e ricercatori dichiariamo che il termine “incompatibile con la vita” non è una diagnosi medica e non deve essere usato per descrivere i bambini non ancora nati, che possono avere una condizione di vita limitante. Riconosciamo che non esiste nessuna necessità medica di interrompere queste gravidanze in una madre che gode di buona salute. Sosteniamo pienamente lo sviluppo di servizi e di hospice perinatali per le famiglie a cui è stato comunicato che il loro figlio non ancora nato potrebbe non vivere a lungo nel grembo materno o dopo la nascita».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Il Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, rappresenta da sempre un evento speciale per la BMW. La Casa di Monaco è infatti solita stupire presentando delle concept che anticipano modelli pressoché pronti a entrare in produzione. Quest’anno tocca a una delle roadster più affascinanti mai realizzate, oltre che una delle vetture più “anziane” della […]

L'articolo BMW Z4 Concept: una linea da urlo proviene da RED Live.

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana