Google+

Alla Francia servono «decine di miliardi per rendere sicuri gli impianti nucleari»

gennaio 4, 2012 Leone Grotti

È il risultato del rapporto realizzato dall’Autorità per la sicurezza nucleare francese e diffuso ieri. Secondo il presidente del Asn, André-Claude Lacoste, ci vorranno investimenti «enormi», dell’ordine di decine di miliardi, per mettere in sicurezza tutti i reattori francesi

«L’autorità per la sicurezza nucleare (Asn) ritiene che gli impianti esaminati presentino un livello di sicurezza sufficiente per cui non chiediamo la chiusura immediata di nessuna centrale. Allo stesso tempo, però, pensiamo che sia necessario aumentare il prima possibile la sicurezza degli impianti già esistenti, nello specifico la loro solidità in caso di situazioni estreme, come i disastri naturali, e in caso di perdita dell’alimentazione». È una doccia fredda per la Francia il rapporto che l’Autorità per la sicurezza nucleare francese ha presentato ieri sulle centrali nucleari d’oltralpe. Il rapporto era stato richiesto proprio dai francesi, che in seguito ai fatti di Fukushima, volevano essere certi della sicurezza dei propri reattori. Ma, come si capisce dalle parole dette a Le Monde dal presidente del Asn, André-Claude Lacoste, le centrali francesi hanno bisogno di diversi ritocchi e si parla di decine di miliardi di euro. Un tema scottante, difficile da sottovalutare, soprattutto dopo gli incidenti di Fukushima e vista l’importanza che il nucleare ha in Francia, che ricava il 75% del suo fabbisogno elettrico proprio dallo sfruttamento dell’atomo.

«Noi abbiamo prescritto un certo numero di misure, insieme alle sanzioni nel caso le prescrizioni non vengano applicate, un nocciolo duro dal punto di vista materiale e organizzativo», continua Lacoste. Le misure vanno da un centro di gestione della crisi delle strutture a un sistema a diesel di ultima generazione che alimenti i reattori in caso di emergenza, fino ad una “squadra di pronto intervento nucleare” che possa intervenire in meno di 24 ore per ogni evenienza. Dovranno anche essere messe in sicurezza le acque sotterranee che si trovano nei pressi delle centrali, perché non vengano contaminate in caso di fuoriuscita radioattiva. «Noi chiediamo» prosegue Lacoste «un investimento enorme», dell’ordine di decine di miliardi e «non si può pensare che queste misure vengano realizzate prima del 2018».

Davanti alle dichiarazioni del ministro dell’Ecologia francese, che ha detto che la centrale di Fesseneheim, in Alsazia, l’impianto più vecchio di Francia con i suoi 34 anni, potrebbe essere chiusa, viene subito da pensare che sia stata proprio l’Asn a richiedere il blocco delle attività. «Non è così» afferma Lacoste, «durante la visita al reattore 1 di Fessenheim abbiamo stilato 40 misure per il miglioramento del radiatore, richiedendo la creazione di un’ultima fonte d’acqua fredda. Non abbiamo imposto come si debba provvedere. Ora, [la Francia] può decidere di chiudere il reattore, può prendere le decisioni che vuole. La responsabilità è sua. Noi però non abbiamo richiesto la sua chiusura». E a un’ulteriore domanda sui tempi che serviranno per applicare queste misure, il presidente del Asn ha risposto: «Non sono cose che si fanno in due giorni, nel frattempo si possono prendere misure provvisorie. Del resto, lo scopo è uno: se c’è il nucleare, deve essere sicuro».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

4 metri e sessantuno, tanto spazio interno, trazione integrale e un comfort degno di un’auto executive. Con queste premesse il Traveller 4x4 Dangel si presta a essere una valida alle auto? Lo abbiamo guidato una settimana per capirlo

L'articolo Prova Peugeot Traveller 4×4 Dangel proviene da RED Live.

A Mandello del Lario sono attesi migliaia di appassionati del marchio, per un lungo weekend a base di divertimento, test e grandi anteprime

L'articolo Moto Guzzi Open House, 7-9 settembre 2018 proviene da RED Live.

Dettagli scuri e connettività Android Auto ed Apple CarPlay per la piccola del Leone un po' speciale

L'articolo Peugeot 208 Black Line, edizione limitata in salsa dark proviene da RED Live.

Grazie a lei il vostro smartphone dispensa preziosi consigli sulla pressione e non solo. Per girare in pista al massimo delle vostre potenzialità

L'articolo Michelin Track Connect, l’app che parla con i pneumatici proviene da RED Live.

Guida esaltante e linea originale. Se il look può dividere, la dinamica della Honda Civic 1.5 Turbo VTEC Prestige CVT mette d'accordo tutti. I pacchetti meccanico ed elettronico funzionano a meraviglia e il prezzo è invitante…

L'articolo Prova Honda Civic 1.5 Turbo VTEC Prestige CVT proviene da RED Live.