Google+

Alitalia e il pasticcio del referendum. «Comprarla oggi è un suicidio»

aprile 27, 2017 Francesca Parodi

La drammatica conseguenza è la delegittimazione dei sindacati e la difficoltà di trovare una nuova governance, dice Senn, professore della Bocconi

alitalia-ansa

La scelta di indire un referendum sul preaccordo di Alitalia viene definita da Lanfranco Senn, professore di Economia regionale all’Università Bocconi, «un grave errore»: l’accordo era stato firmato dai sindacati e dai vertici aziendali «senza prima verificare che ci fosse il consenso dei lavoratori. Per timore che i dipendenti lo avrebbero poi contestato, si è corsi ai ripari. Ma questa verifica andava fatta, sotto una forma differente, prima di firmare l’accordo». La drammatica conseguenza è che «i lavoratori, di fatto, hanno delegittimato i sindacati. Ciò significa che un futuro ipotetico acquirente di Alitalia si troverebbe nel dubbio su chi sia il suo interlocutore: i sindacati, i dipendenti che si riuniscono in maniera indipendente o Ethiad?».

CHI LA COMPRA? Secondo Senn, il referendum è stato nefasto perché ha bocciato «un piano industriale che era un tentativo ragionevole per motivare nuovamente sia i vertici della compagnia sia le banche a finanziare Alitalia: diminuiva l’occupazione, riduceva i costi del lavoro e apriva ai voli intercontinentali, andando oltre la scelta “estremista” delle tratte a breve raggio, stabilita con Etihad». Ma soprattutto «ha bruciato ogni possibilità di governance, di trovare cioè qualcun altro disposto a farsi carico della compagnia. Allo stato attuale, nessuno è disposto a comprare Alitalia, una società destinata a fallire».

PERSONALE DI VOLO. Senn fa notare che chi ha votato No al referendum (i voti contrari erano il 67 per cento) è stato sostanzialmente il personale di volo, cioè i piloti e le hostess. «Si è trattato da parte loro di una mossa da gioco d’azzardo: hanno scommesso che possa subentrare come acquirente di Alitalia la compagnia tedesca Lufthansa. Questa infatti già in passato aveva acquistato Air Berlin da Etiahd, salvandola dal fallimento. Più precisamente però, in qual caso ad essere salvati erano stati proprio gli operatori di volo, perché, per il personale di terra, Lufthansa aveva mantenuto il proprio organico».

NO AL SALVATAGGIO. Questa vicenda mette in luce quindi l’esistenza di «una spaccatura all’interno dei lavoratori, che la dice lunga sul clima di questo paese: ognuno bada ai propri particolari interessi, senza pensare all’interesse generale. Oppure si spera sempre in un deus ex machina che intervenga e salvi la situazione». Secondo Senn però, «il ministro Calenda ha fatto benissimo a dichiarare che lo Stato non interverrà con fondi pubblici, perché se anche questa volta il governo avesse acconsentito ad effettuare una ricapitalizzazione, il ricatto dei lavoratori sarebbe diventato permanente».
Senn vede il futuro di Alitalia «molto buio. L’ipotesi più auspicabile è che si faccia avanti Lufthansa, ma proporrà una soluzione simile a quella di Air Berlin, salvando quindi solo una parte di personale. Non vedo altri acquirenti possibili, comprare Alitalia è un suicidio».

Foto Ansa

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

“Più potenza, meno pressione” è il claim con cui i progettisti Northwave raccontano le nuove Ghost XC, scarpe dedicate all’off-road. Riprendono le principali innovazioni lanciate lo scorso anno con le sorelle stradali Extreme RR (leggi la nostra prova), caratterizzate dalla tecnologia XFrame® studiata per eliminare il problema dei punti di pressione sulla tomaia. CALZATA ADERENTE […]

L'articolo Northwave Ghost XC, il futuro off-road proviene da RED Live.

Gli strani casi della vita. La Lotus meno apprezzata dell’epoca moderna è anche la sportiva di Hethel più potente mai realizzata. La Evora, coupé 2+2 caratterizzata dalla scocca in alluminio e dalla collocazione centrale del motore, in vista del Salone di Francoforte beneficia dello step più spinto di sempre del V6 3.5 Supercharged: ben 436 […]

L'articolo Lotus Evora GT430: prima in tutto proviene da RED Live.

A ricreare l’atmosfera della Ville Lumière c’erano la voce inconfondibile di Edith Piaf, i vol-au-vent e il bistrot al 10 di Corso Como. Ma soprattutto lei, La Parisienne. Una versione esclusiva di Twingo che riprende, nella particolarità dei motivi scozzesi sulle fiancate, uno dei successi di Renault degli anni ’60, la R4 Parisienne. Ispirazione vintage […]

L'articolo Renault Twingo La Parisienne proviene da RED Live.

Giunge alla terza generazione una delle compatte sportive più apprezzate dai puristi della guida oltre che una delle “piccole pesti” più pepate in circolazione. La Suzuki Swift Sport, sinora proposta esclusivamente con un propulsore 1.6 16V aspirato da 125 o 136 cv, si appresta a cambiare cuore, optando per un’unità sovralimentata di derivazione Vitara S. […]

L'articolo Suzuki Swift Sport: piuma col turbo proviene da RED Live.

Prodotto da Peugeot e allestito dal celebre preparatore francese il Partner Dangel porta all’estremo il concetto di auto tuttofare. L’abbiamo messa alla prova nel cimento più duro la vacanza con famiglia.

L'articolo Prova Peugeot Partner Tepee Dangel, l’Ultra Utility Vehicle proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana