Google+

Al di là della flat tax, un significativo taglio fiscale «si può fare. Se lo si vuole»

luglio 1, 2017 Francesca Parodi

Per Capezzone «un ulteriore passo in avanti sarebbe un’apertura sempre più consistente alla competizione pubblico-privato nei servizi»

flat-tax-ansa

Daniele Capezzone, deputato di Direzione Italia, è da sempre un sostenitore della flat tax (un’imposta unica ad aliquota fissa che andrebbe a sostituire tutte le principali imposte del nostro sistema tributario), alla quale ha dedicato anche un’iniziativa pubblica di studio e una proposta avanzata nel 2007. Commentando a tempi.it la recente proposta dell’Istituto Bruno Leoni, presentata dall’ex presidente Nicola Rossi sul Sole 24 Ore, Capezzone sostiene che si tratti di un modello «convincente nella forma e nella sostanza. Ottima la semplicità dello schema, molto bene anche i tagli di spesa che rendono tutto più credibile. Ho solo una piccola remora, ma è un contributo del tutto positivo e migliorativo, relativa agli immobili: vorrei che la tutela della proprietà immobiliare fosse maggiore, vista la specificità italiana della proprietà immobiliare diffusa». Concorda anche con l’eliminazione dell’Imu, «dovremmo però stare attenti a quel che viene dopo, a non consentire tasse locali che ripropongano in altra veste guai analoghi».

LOTTA ALL’EVASIONE FISCALE. Capezzone riconosce che l’introduzione della flat tax comporterebbe anche un altro vantaggio: un aiuto nella lotta al fenomeno dell’evasione fiscale. «La prima misura anti-evasione è l’abbassamento delle tasse. Se tutti percepiscono che l’aliquota richiesta è ragionevole, questo è un poderoso incentivo a rispettare i propri doveri fiscali. Se invece la sensazione (e non solo la sensazione) è quella di una rapina…». Alla base però, sostiene Capezzone, è necessario mutare l’approccio che i cittadini tradizionalmente mostrano verso il fisco. «Io penso che si debba per prima cosa riguadagnare la consapevolezza che le tasse non sono un “atto unilaterale”, ma un pagamento che i cittadini fanno in cambio di alcuni servizi. Ci siamo abituati all’idea che le due cose siano scollegate. E invece nei paesi civili vale l’opposto: pago le tasse esattamente per avere alcuni servizi». Nella proposta dell’Ibl è prevista anche la ridefinizione delle modalità di finanziamento di alcuni servizi pubblici come sanità e istruzione: si mantiene la gratuità del servizio per la maggior parte dei cittadini, ma si imputa solo ai più abbienti il costo in termini assicurativi. Secondo Capezzone, «un ulteriore passo in avanti sarebbe un’apertura sempre più consistente alla competizione pubblico-privato».

TAGLIO CHOC. A quanti contestano che l’introduzione della flat tax andrebbe contro il principio della progressività previsto dalla Costituzione, Capezzone ribatte che «la progressività intesa com’è stato fatto finora è un disincentivo alla creazione di nuova ricchezza: il cittadino sa che più cresce e più sarà punito fiscalmente… Ciò detto, una progressività intesa in senso ragionevole si può realizzare in molti modi, non solo attraverso una differenziazione delle aliquote, e nella proposta Ibl c’è anche questa accortezza».
Come molti altri, Capezzone si augura che sia finalmente arrivato il momento di una rivoluzione nel fisco, ma aggiunge che se anche il sistema fiscale dovesse rimanere quello attuale, «nulla vieta di prevedere un taglio-choc di tasse e spesa». Ricorda che da tre anni, in tre successive leggi stabilità, lui, Raffaele Fitto e i colleghi di Direzione Italia hanno presentato («non era mai stato fatto prima») simultanei tagli di spesa e tasse per oltre 40 miliardi, con emendamenti tecnicamente ammessi perché – appunto – coperti. «Poi Renzi ha detto politicamente no. Ma abbiamo dimostrato che, volendo, un taglio fiscale di quella dimensione, l’unico che può innescare una crescita sostenuta, si può fare. Se lo si vuole».

Foto Ansa

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Piccole, economiche ma capaci di grandi cose, le nuove moto dedicate ai patentati A2 possono piacere anche al motociclista navigato. Abbiamo confrontato tre naked di questa categoria.

L'articolo Confronto: KTM 390 Duke, Honda CB 500 F e BMW G 310 R proviene da RED Live.

Piccole ma capaci di grandi cose, le nuove moto dedicate ai patentati A2 possono piacere anche al motociclista navigato. Qui la prova della BMW G 310 R.

L'articolo BMW G 310 R proviene da RED Live.

In Svezia ci hanno preso gusto. Dopo aver fatto registrare il nuovo record sullo 0-400-0 km/h, strappato alla Bugatti Chiron, il costruttore nordico si è spinto oltre, conquistando con la hypercar Koenigsegg Agera RS il primato di vettura di serie più veloce del pianeta con 468 km/h. La Hennessey Venom GT si “ferma” a 435 km/h Nel […]

L'articolo Koenigsegg Agera RS è l’auto più veloce del mondo proviene da RED Live.

Grazie alla collaborazione di Garage Italia Custom Volkswagen propone due serie speciali della T-Roc. Chiamate Black e Cyber, saranno realizzate in 50 esemplari ciascuna e vendute attraverso Amazon

L'articolo Black e Cyber, la Volkswagen T-Roc di Lapo proviene da RED Live.

Le vetture elettriche sono considerate il futuro dell’automobile, ma non hanno ancora riscosso il successo auspicato. Ecco i migliori modelli a zero emissioni, suddivisi per fasce di prezzo.

L'articolo Le migliori auto elettriche proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download