Google+

Al Bano chiede la dichiarazione di morte per Ylenia Carrisi

gennaio 21, 2013 Chiara Rizzo

Sta per chiudersi la vicenda della figlia di Al Bano e Romina. Tra sei mesi, a meno di nuove testimonianze fondate, il decreto del tribunale di Brindisi concluderà le ricerche. Era scomparsa il 6 gennaio ’94

Giungerà presto a conclusione la vicenda di Ylenia Carrisi, figlia di Al Bano e Romina Power: sui giornali il tribunale di Brindisi ha fatto pubblicare l’avviso del decreto di morte. A meno che nei prossimi sei mesi qualcuno non dia notizie provate, la donna (oggi avrebbe 43 anni) sarà dichiarata morta. Si è cioè avviata in queste ore la procedura giudiziaria per cui, su richiesta di uno dei parenti, si può dichiarare il decesso di qualcuno scomparso, anche senza che il suo corpo sia mai ritrovato.
Ylenia è sparita nel nulla il 6 gennaio del 1994 a New Orleans in Louisiana, dove si trovava nel corso di un giro del mondo che la ragazza stava facendo da sola. La sua drammatica scomparsa è stata anche la principale causa che ha portato al divorzio tra i genitori cantanti: tutt’oggi la madre di Ylenia, Romina, si dichiara convinta che la figlia sia viva, il padre invece da molti anni è rassegnato alla morte, come ha raccontato nella sua biografia del 2006. È stato proprio Al Bano a presentare al tribunale la richiesa per la dichiarazione di morte.

UNA VICENDA COMPLESSA. Quello di Ylenia Carrisi è stato per anni un giallo seguito in tutto il mondo. Ylenia, nel ’94 a solo 24 anni, aveva deciso di prendere un anno sabatico dal King’s College di Londra, che frequentava, e aveva venduto tutto ciò che possedeva per realizzare il sogno di fare un giro del mondo in solitaria, zaino in spalla. Partita dal Sudamerica, aveva poi raggiunto New Orleans durante le feste di Natale.
La sua ultima telefonata risale al pomeriggio dell’1 gennaio ’94, quando ha chiamato i genitori per gli auguri e per dire che stava bene. È sparita un giorno prima che la raggiungesse il fratello Yari. La ragazza è stata vista viva per l’ultima volta, con certezza, dalla proprietaria dell’albergo Le Dale, dove allaggiava con Alexander Masakela, un sassofonista di colore ultracinquantenne. Il 27 gennaio è stato arrestato Masakela, e nelle sue tasche sono stati trovati il passaporto e i traveller’s cheque della ragazza, ma qualche giorno dopo il musicista è stato liberato per mancanza di prove.
Durante le indagini, Antohony Cordova, guardiano dell’acquario comunale, ha dichiarato di aver visto una donna uguale ad Ylenia gettarsi nel Missisipi: 145 chilometri di fiume sono stati setacciati nell’immediato, inutilmente. Queste sono le ultime due piste investigative più serie. Da allora in poi, negli anni, si sono susseguite solo le segnalazioni di mitomani, che via via hanno dato Ylenia per chiusa in un convento ortodosso della Louisiana, o incinta nascosta in Messico, e persino in incognito a Cellino San Marco (Br), dove vivevano i genitori.
Nel 1999, Al Bano e Romina si sono separati. Nel 2006 il cantante ha dichiarato nel suo libro, di essersi convinto delle parole di Cordova. La causa della scomparsa sarebbe la droga: «Già una volta, sotto l’effetto di stupefacenti – ha scritto Al Bano – Ylenia era entrata nel Mississippi, rischiando la vita. Ho nutrito per anni la speranza, ma oggi so che se n’è andata tra le acque di quel fiume». Romina ha invece continuato a cercare la figlia, partecipando a trasmissioni tv in tutto il mondo sullo stile del nostro Chi l’ha visto? (l’ultima in Germania nel 2011, durante la quale aveva accusato pesantemente il marito: «Ylenia non lo sopportava, voleva scappare». «Romina ha iniziato Ylenia alla droga» è stata la replica immediata).

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

Nel bel mezzo di Agosto, la Casa di Iwata lancia un criptico video teaser che anticipa quanto verrà svelato il 6 settembre alle 17:00: la Yamaha T7

L'articolo Yamaha T7, il video teaser proviene da RED Live.

Si chiama Nolan N90-2 ed è l’apribile entry level di Nolan. Adatto sia all’utilizzo in città sia per un lungo viaggio, costa 269,99 euro

L'articolo Nolan N90-2, apribile entry level proviene da RED Live.

I fiori mai sbocciati dell’automobilismo mondiale No, loro non ce l’hanno fatta. Non sono riuscite ad arrivare in produzione, perse nei meandri delle logiche commerciali, del marketing, degli eventi globali o, semplicemente, dell’indecisione dei costruttori. Sono quelle centinaia di concept car – o prototipi che dir si voglia – realizzati in piccolissimi numeri, quando non […]

L'articolo Le auto che non sono mai nate proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana