Google+

Aiutare i siriani a restare in Siria partendo dai bambini

maggio 20, 2016 Elisabetta Longo

La campagna “Non lasciamoli soli” di Ai.Bi. sostiene le famiglie siriane distribuendo pacchi alimentari e costruendo luoghi sicuri per i bambini dove giocare

siria-pacco-cibo-aibi

Era il 2013, e Marco Griffini, presidente Ai.Bi. (Amici dei bambini), si trovava a Lampedusa, in un centro di prima accoglienza. Tra i tanti profughi smarriti c’era un bambino, siriano, che gli disse: «Io non vorrei essere qui. Ho quasi rischiato di morire sul gommone. Vorrei essere in Siria. Ma tu sai quanto è bella la Siria?». A questa domanda Griffini ha voluto rispondere direttamente con le attività della sua associazione, che ha come fine principale quello della protezione dei minori, e dal 2013 Ai.Bi. è entrata nella Siria devastata dalla guerra, grazie alla cooperazione con partner sul luogo.

NON LASCIAMOLI SOLI. A distanza di tre anni, è partita una campagna di sensibilizzazione chiamata Non lasciamoli soli, presentata il 19 maggio a Milano, alla presenza di vari esponenti politici del Consiglio regionale della Lombardia. «La nostra è una campagna di sostegno a distanza», sottolinea Griffini, «perché un bambino che si sente aiutato da una famiglia lontana è un bambino che non perde la speranza. Anche quando una famiglia propria magari non ce l’ha più».

AIUTI ALIMENTARI. Finora Ai.Bi. ha fornito generi alimentari a 23.800 persone, in varie modalità, come spiega Andrea Moroni, responsabile per l’associazione del territorio siriano: «Abbiamo costruito un forno, con il quale riusciamo a produrre pane fresco ogni giorno. Un simbolo di normalità, in una quotidianità disastrata. Forniamo alle famiglie pacchi alimentari “ready to eat”, cioè contenenti cibi pronti da consumare, e in futuro vorremmo donare voucher da spendere al mercato. Per far ripartire l’economia locale».

EX JUGOSLAVIA. Quando si parla di emergenze umanitarie i bambini meritano attenzioni particolari, anche in tema alimentare, ricorda Griffini: «Ai.Bi. opera dal 1986. Sono stati tanti i conflitti ai quali purtroppo abbiamo dovuto assistere. Ricordo in particolare quello dell’ex Jugoslavia, in cui l’Italia aveva dato prova di grande sensibilità. Ma nessuno aveva pensato che i bambini avessero esigenze alimentari diverse e sarebbe stato necessario inviare anche omogeneizzati, oltre ad alimenti a lunga conservazione».

GIOCARE SOTTOTERRA. I bambini hanno anche bisogno di giocare per restare bambini. Per questo Ai.Bi. ha costruito una ludoteca sotterranea, spiega Moroni: «È stata bombardata già due volte, ma ha retto. I bambini hanno bisogno di un luogo sicuro in cui restare, all’esterno è troppo pericoloso, vista la massiccia presenza di mine anti uomo». Simbolo della campagna di Ai.Bi. è un bambino che sorride, stringendo a sé la scatola di cartone che contiene i viveri di prima necessità donati quotidianamente dall’associazione.

AIUTARLI A RESTARE. Racconta Laura Tangherlini, giornalista di RaiNews24, presente alla conferenza stampa: «Ci sono bambini abbandonati nei campi profughi che addirittura quel cartone lo mangiano, in preda ai morsi della fame più disperati. Ho vissuto tanti anni in Siria, non è più il Paese ricco di bellezza che ho visto. Ogni giorno ci sono nuovi atroci conflitti, e Aleppo è la zona più colpita. Solo il 2 per cento dei siriani che hanno perso tutto cercano di venire in Europa. È gente fortemente attaccata alla propria terra, per questo la campagna dell’Ai.Bi. è giusta, perché quei bambini devono poter crescere nei luoghi dove sono nati».

Foto Facebook


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Banco alimentare

Tempi Motori – a cura di Red Live

Tutto quello che c'è da sapere sull'auto formato business, dalle motorizzazioni che vanno di più agli optional irrunciabili, passando per carrozzerie e colori

L'articolo Auto aziendale, come scegliere quella giusta? proviene da RED Live.

Il model year 2019 della roadster jap aggiunge 24 cv al 2 litri benzina e una serie di novità nella sicurezza. Per una roadster ancora più "jinba ittai"

L'articolo Mazda MX-5 2019, più cavalli e sicurezza proviene da RED Live.

Lanciata dal marchio inglese Oxford la linea Mint, dal caratteristico profumo di menta, comprende prodotti per la pulizia e la manutenzione dei veicoli a due ruote

L'articolo Gamma Oxford Mint Cleaning proviene da RED Live.

215 cv, 10 kg in meno e il debutto delle alette aerodinamiche. Questa versione speciale della RSV4 RF allestita con pezzi di Aprilia Racing di carne al fuoco ne mette davvero tanta. E noi ce la siamo gustata dal primo all’ultimo boccone. Al Mugello, dove le ali servono davvero.

L'articolo Prova Aprilia RSV4 RF FW 2018 proviene da RED Live.

Diventate capienti come le familiari grandi di qualche anno fa, le SW medie stanno vivendo una seconda giovinezza. Così come la Peugeot 308 SW GT Line, che ora si aggiorna nella tecnologia e diventa ancora più “connessa”. Schermo generoso e Mirror Screen La succosa novità della Peugeot 308 SW GT Line è la presenza di […]

L'articolo Peugeot 308 SW GT Line, <BR> adesso “parla” con lo smartphone proviene da RED Live.