Google+

Ahmadinejad a New York con un seguito di 140 persone. Critiche: «Cosa fanno, un picnic?»

settembre 26, 2012 Leone Grotti

Ahamdinejad si è portato dietro 140 persone per l’Assemblea nazionale dell’Onu. Alloggiano a New York in un hotel costoso. In patria protestano e spunta la vignetta satirica.

C’è grande attesa per il discorso che il presidente iraniano Mahmoud Ahmadinejad terrà oggi all’Assemblea generale dell’Onu. L’anno scorso, mentre il presidente dal palco negava l’Olocausto, le delegazioni europee e quella degli Stati Uniti lasciavano la sala come forma di protesta. Quest’anno le critiche sono arrivate ancora prima del suo discorso da alcuni membri del Parlamento iraniano, che l’hanno accusato di essere a New York «per un picnic».

A NEW YORK IN 140. Ahmadinejad, infatti, è arrivato a New York con un entourage di ben 140 persone, tra cui alcuni familiari, che alloggeranno nel lussuoso Warwick hotel. Non stupisce che in patria si siano levate molte proteste soprattutto se si pensa al difficile momento economico che attraversa il paese a causa delle sanzioni Usa e Ue. Nel paese dominato dal regime degli Ayatollah è diventato inaccessibile alla maggior parte delle persone, ad esempio, il pollo tanto che il governo ha proibito di mostrare in televisione film dove la gente mangia carne bianca. Di recente, il presidente ha anche accusato l’Occidente di «impedire alle nuvole» di arrivare sull’Iran, causando così quella siccità che sembra ormai imminente nella Repubblica islamica.

AHMADINEJAD LOVES NEW YORK. Diversi parlamentari iraniani si sono chiesti a che cosa serve che a New York all’Onu si rechino 140 persone, da qui la battuta: «La maggior parte di loro sono andati a fare un picnic». E dire che il presidente ne aveva invitati 160 ma venti sono stati ritenuti di troppo. Per questo motivo il famoso fumettista iraniano Touka Neyestani ha pubblicato sul sito dell’International Campaign for Human Right in Iran una vignetta (nella foto) che mostra Ahmdinejad, accerchiato da una montagna di valige, che indossa la maglietta “I love New York”. L’Assemblea generale dell’Onu, effettivamente, sembra essere considerata dal presidente iraniano come un ottimo momento per fare propaganda, farsi pubblicità e magari un bel picnic a Central Park. E siccome quest’anno termina il suo secondo mandato, e non potrà ricandidarsi per un terzo, meglio godersi l’ultimo viaggio in buona compagnia.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Il tempo purtroppo passa per tutti e man mano che l’età avanza la nostra cara patente B richiede revisioni più frequenti. Scopriamo assieme passo a passo la procedura da seguire

L'articolo Come rinnovare la patente B proviene da RED Live.

Dopo quattro anni, la SUV americana si rinnova a Detroit. E lo fa con un look rivisto, tanta tecnologia e nuovi angeli custodi elettronici. Top di gamma la specialistica Trailhawk

L'articolo Jeep Cherokee 2018, il restyling debutta a Detroit proviene da RED Live.

Con un look esclusivo e sospensioni più raffinate la Yamaha MT-09 SP va a porsi al vertice della gamma della hyper naked tricilindrica di Iwata. Il suo prezzo è di 10.190 euro f.c.

L'articolo Prova Yamaha MT-09 SP proviene da RED Live.

Nissan propone per il 2018 un restyling di X-Trail che rinnova senza rivoluzionare. Le forme vengono riviste e la lunghezza complessiva aumentata a vantaggio di un bagagliaio più grande. Propulsore e meccanica rimangano invariate. Andiamo a scoprirla

L'articolo Prova Nissan X-Trail 1.6 dCi 130 CVT 2WD Tekna proviene da RED Live.

Sulla breccia da 39 anni, la Classe G ha saputo resistere alle mode puntando su robustezza, affidabilità e su alcuni clienti... "importanti"

L'articolo Classe G, la storia “sporca” della off road Mercedes proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download