Google+

Aereo malese scomparso, il luogo delle ricerche è sbagliato

maggio 29, 2014 Chiara Rizzo

Malgrado la comunicazione ufficiale del governo di Kuala Lumpur, nessun resto del boeing è mai stato recuperato. «Il punto della ricerca è sbagliato, i segnali catturati dai satelliti provenivano forse da navi»

I resti fotografati dal satellite australiano e mai rintracciati o recuperati

Lo scorso 24 marzo, dopo 16 giorni di intense ricerche che hanno letteralmente coinvolto mezzo se non tutto il mondo, il governo malese aveva ufficialmente annunciato che il Boeing 777 improvvisamente scomparso dai radar l’8 marzo era caduto certamente in un tratto dell’Oceano indiano a 200 miglia dalle coste australiane, trascinando negli abissi le 239 persone a bordo, la maggiorparte delle quali di nazionalità cinese. Oggi, due mesi dopo, quell’annuncio è di nuovo messo in discussione: l’aereo malese forse non è precipitato nell’Oceano indiano e le ricerche – il forse è d’obbligo – si sono svolte nell’area sbagliata.

I DATI SATELLITARI. La comunicazione del governo di marzo giunse dopo che il sistema satellitare della società Inmersat, che aveva partecipato alle ricerche, aveva fornito alcuni dati captati dai satelliti, alcuni “ping” (ovvero i piccoli segnali trasmessi dai radar di volo) del Boeing della Malaysian airlines poco prima di sparire nel nulla. Dopo che la compagnia aerea aveva informato via sms i parenti delle 239 vittime, il premier malese in prima persona, Mohd Najib Tun Razak, aveva tenuto una conferenza stampa davanti ai giornalisti di tutto il mondo in cui aveva spiegato che «oltre ogni ragionevole dubbio» i passeggeri erano morti in mare. Intorno al 20-23 marzo, inoltre, sia un satellite della marina militare australiana, sia un satellite francese avevano fotografato immagini di possibili resti dell’aereo alla deriva nell’oceano, che però non si era ancora riusciti a recuperare. Molti tra i parenti delle vittime cinesi però non hanno mai creduto all’annuncio del premier Razak, e anche in quei giorni hanno sostenuto che le ricerche si fossero svolte nella zona sbagliata.

«POSSIBILE ERRORE». I tentativi di recuperare i resti possibili dell’aereo fotografati dai satellite non si sono mai fermate, sino ad una settimana fa. Le operazioni di ricerca sono andate avanti semplicemente perché nessun resto materiale è stato ancora recuperato e i parenti delle vittime hanno ripetutamente chiesto al governo malese di avere almeno i dati dei “ping” intercettati dal satellite, per avere una prova della correttezza delle ricerche. Ora si apprende che ad agosto le operazioni di ricerca ripartiranno, utilizzando i droni messi a disposizione dalla marina militare statunitense, la U.S. Navy di stanza a Canberra, Australia, dove ha sede il Joint Agency Coordination Center che coordina le ricerche. È stata proprio una fonte della Joint Agency, il vice responsabile della divisione oceanografica Michael Dean a rivelare alla stampa internazionale che sono stati già scandagliati 850 km di fondale inutilmente e che gli ultimi “ping” captati dai satelliti probabilmente non proverrebbero dalla scatola nera del Boeing 777. Secondo Dean quei segnali potrebbero provenire anche da alcune navi, addirittura qualcuna di quelle impegnate nella ricerca. Al momento sulla dichiarazione a mettere un freno è stato un portavoce della U.S. Navy spiegando che si tratta di frasi «premature e basate su speculazioni».

 

 

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

Assieme ad ABS ed ESP, il sistema di controllo elettronico della trazione è un cardine dei sistemi di sicurezza montati sulla vostra auto. Nel caso non lo sappiate, è un dispositivo elettronico in grado di rendervi le cose più semplici quando la strada è scivolosa. Scopriamolo assieme

L'articolo ASR, cos’è e come funziona il controllo di trazione delle auto proviene da RED Live.

400 cv, 855 kg e 2G di accelerazione laterale. La prima Dallara omologata per circolare su strada vanta prestazioni da capogiro. Disponibile in configurazione barchetta, targa o coupé scatta da 0 a 100 km/h in 3,25 secondi. E noi ci abbiamo fatto un giro

L'articolo Dallara Stradale, siamo saliti sulla barchetta dei record proviene da RED Live.

Nata anche da un'imbeccata di Stefano Accorsi, questa 308 al Nandrolone trasferisce su strada il meglio della versione Cup

L'articolo Peugeot 308 by Arduini Corse, one off su base GTi proviene da RED Live.

In 100.000 hanno raggiunto Praga da tutto il mondo per celebrare i 115 anni di un marchio più arzillo che mai. Una buona occasione per parlare del futuro di Harley-Davidson (che sarà anche elettrico) ma non solo

L'articolo Harley-Davidson, 115 di questi anni proviene da RED Live.

Arriva una serie speciale frutto della collaborazione con la rivista femminile Elle. Materiali e colori inediti si accompagnano a un rinforzo di tecnologia a bordo. Prezzi a partire da 13.250 euro

L'articolo Citroën C1 Elle Special Edition proviene da RED Live.