Google+

Aereo malese scomparso, il luogo delle ricerche è sbagliato

maggio 29, 2014 Chiara Rizzo

Malgrado la comunicazione ufficiale del governo di Kuala Lumpur, nessun resto del boeing è mai stato recuperato. «Il punto della ricerca è sbagliato, i segnali catturati dai satelliti provenivano forse da navi»

I resti fotografati dal satellite australiano e mai rintracciati o recuperati

Lo scorso 24 marzo, dopo 16 giorni di intense ricerche che hanno letteralmente coinvolto mezzo se non tutto il mondo, il governo malese aveva ufficialmente annunciato che il Boeing 777 improvvisamente scomparso dai radar l’8 marzo era caduto certamente in un tratto dell’Oceano indiano a 200 miglia dalle coste australiane, trascinando negli abissi le 239 persone a bordo, la maggiorparte delle quali di nazionalità cinese. Oggi, due mesi dopo, quell’annuncio è di nuovo messo in discussione: l’aereo malese forse non è precipitato nell’Oceano indiano e le ricerche – il forse è d’obbligo – si sono svolte nell’area sbagliata.

I DATI SATELLITARI. La comunicazione del governo di marzo giunse dopo che il sistema satellitare della società Inmersat, che aveva partecipato alle ricerche, aveva fornito alcuni dati captati dai satelliti, alcuni “ping” (ovvero i piccoli segnali trasmessi dai radar di volo) del Boeing della Malaysian airlines poco prima di sparire nel nulla. Dopo che la compagnia aerea aveva informato via sms i parenti delle 239 vittime, il premier malese in prima persona, Mohd Najib Tun Razak, aveva tenuto una conferenza stampa davanti ai giornalisti di tutto il mondo in cui aveva spiegato che «oltre ogni ragionevole dubbio» i passeggeri erano morti in mare. Intorno al 20-23 marzo, inoltre, sia un satellite della marina militare australiana, sia un satellite francese avevano fotografato immagini di possibili resti dell’aereo alla deriva nell’oceano, che però non si era ancora riusciti a recuperare. Molti tra i parenti delle vittime cinesi però non hanno mai creduto all’annuncio del premier Razak, e anche in quei giorni hanno sostenuto che le ricerche si fossero svolte nella zona sbagliata.

«POSSIBILE ERRORE». I tentativi di recuperare i resti possibili dell’aereo fotografati dai satellite non si sono mai fermate, sino ad una settimana fa. Le operazioni di ricerca sono andate avanti semplicemente perché nessun resto materiale è stato ancora recuperato e i parenti delle vittime hanno ripetutamente chiesto al governo malese di avere almeno i dati dei “ping” intercettati dal satellite, per avere una prova della correttezza delle ricerche. Ora si apprende che ad agosto le operazioni di ricerca ripartiranno, utilizzando i droni messi a disposizione dalla marina militare statunitense, la U.S. Navy di stanza a Canberra, Australia, dove ha sede il Joint Agency Coordination Center che coordina le ricerche. È stata proprio una fonte della Joint Agency, il vice responsabile della divisione oceanografica Michael Dean a rivelare alla stampa internazionale che sono stati già scandagliati 850 km di fondale inutilmente e che gli ultimi “ping” captati dai satelliti probabilmente non proverrebbero dalla scatola nera del Boeing 777. Secondo Dean quei segnali potrebbero provenire anche da alcune navi, addirittura qualcuna di quelle impegnate nella ricerca. Al momento sulla dichiarazione a mettere un freno è stato un portavoce della U.S. Navy spiegando che si tratta di frasi «premature e basate su speculazioni».

 

 

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Nissan propone per il 2018 un restyling di X-Trail che rinnova senza rivoluzionare. Le forme vengono riviste e la lunghezza complessiva aumentata a vantaggio di un bagagliaio più grande. Propulsore e meccanica rimangano invariate. Andiamo a scoprirla

L'articolo Prova Nissan X-Trail 1.6 dCi 130 CVT 2WD Tekna proviene da RED Live.

Sulla breccia da 39 anni, la Classe G ha saputo resistere alle mode puntando su robustezza, affidabilità e su alcuni clienti... "importanti"

L'articolo Classe G, la storia “sporca” della off road Mercedes proviene da RED Live.

DNA OFFROAD Al Salone di Detroit 2018 la Casa della Stella ha presentato la Nuova Mercedes Classe G. Che non ha tagliato in modo brusco i ponti con il passato e – tranquilli –  non si è rammollita: a lei, le SUV moderne fanno davvero un baffo. Nel senso che la G continua ad essere […]

L'articolo Nuova Mercedes Classe G 2018: nel solco della tradizione proviene da RED Live.

Seppur presentato nel 2016, il sistema di trazione integrale della Focus RS è tutt’oggi una soluzione ingegneristica avanzata ed è raro trovarne una descrizione chiara e completa. Siete sicuri di avere capito come funziona? Leggete per scoprirlo!

L'articolo Magia elettronica! La trazione integrale della Ford Focus RS proviene da RED Live.

In attesa della prova ecco le prime informazioni sul test che ci vedrà a Valencia in sella alla nuova Ducati Panigale V4

L'articolo Ducati Panigale V4 in attesa della prova proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download