Google+

Aereo malese abbattuto, Mosca: «Accanto al boeing viaggiava un caccia ucraino»

luglio 21, 2014 Chiara Rizzo

Mentre gli ispettori olandesi giungono a Donetsk, la Russia dà una nuova versione sull’abbattimento del volo di linea cui sono morte 298 persone

Proprio nel giorno in cui arrivano in Ucraina gli ispettori olandesi, il ministro della Difesa russo ha reso nota la versione ufficiale di Mosca sulle cause dell’abbattimento del Boeing 777 malese al confine tra Ucraina e Russia. Si tratterebbe, se vera, di un’ipotesi che ricorda molto il caso italiano di Ustica: secondo la Russia infatti «Non abbiamo rilevato la presenza di nessun missile. Ma a 4, 5 chilometri dal Boeing 777 c’era un caccia ucraino SU-25. Ora Kiev deve spiegare cosa ci faceva lì all’interno di un corridoio per aerei civili». L’ipotesi del caccia militare ucraino, nascosto dal Boeing, era stata avanzata anche dai filorussi della “Repubblica popolare di Lugansk”: «Testimoni riferiscono di aver visto il Boeing 777 colpito dalle mitragliatrici di un caccia Su-25 ucraino, e poco dopo il jet spaccarsi in due in aria e precipitare sul territorio della Repubblica di Donetsk».

I SERVIZI USA. I servizi segreti statunitensi avevano nei giorni scorsi accusato esplicitamente i miliziani filorussi di essere responsabili dell’abbattimento causato da un missile. È possibile che dopo la dichiarazione di Mosca diano a loro volta una risposta sul caso. Nei giorni passati erano già arrivati a Donetsk gli investigatori dell’Ocse, che però non hanno potuto avviare il loro lavoro dato che i corpi delle vittime fino ad oggi erano trattenuti nelle mani dei filorussi, e poiché nella zona del disastro continuavano gli scontri. Secondo vari analisti, il messaggi del ministro degli Esteri russo di oggi in realtà è una risposta indiretta di Mosca alle pressioni diplomatiche di queste ultime ore, da parte dei paesi che l’accusavano di non fare abbastanza per controllare i filorussi, che ostacolavano le indagini. Putin ha ribadito che è necessario «un corridoio umanitario» per gli ispettori internazionali.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line è una suv compatta per chi va sempre di corsa ma non per questo manca di praticità. Si parte da 46.000 euro.

L'articolo Prova Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line proviene da RED Live.

Mentre tutti sono sotto l’ombrellone, la Casa varesina presenta le ultime due moto che mancavano all’appello dell’Euro4: le F3 (675 e 800) e la Dragster 800 RR. E con l’occasione…

L'articolo MV Agusta F3 e Dragster 800 RR Euro4 proviene da RED Live.

La fame del colosso indiano Bajaj sembra non avere fine: dopo aver conquistato il 49% del Gruppo KTM, ora punta a un noto Marchio inglese. Nasce così la partnership (commerciale) Triumph e Bajaj

L'articolo Triumph e Bajaj, insieme per le piccole proviene da RED Live.

Black Jack, come il gioco d’azzardo che coinvolge banco e giocatori. In questo caso, però, il ruolo del casinò viene interpretato dalla Opel e l’oggetto del desiderio non è il classico “21”, bensì la city car Adam in edizione speciale. L’inedito allestimento Black Jack, che esalta l’inclinazione alla personalizzazione tipica dell’utilitaria tedesca, porta in dote […]

L'articolo Opel Adam Black Jack: scommessa vinta proviene da RED Live.

Dopo il successo ottenuto con la 300, Beta allarga ulteriormente la gamma delle enduro “facili”: ora è il momento della Beta XTrainer 250, moto facile per alcune soluzioni ma comunque capace di grandi cose

L'articolo Beta Xtrainer 250 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana