Google+

Adesso vediamo di non consegnare l’Italia a smoccolatori e astensionisti

novembre 3, 2012 Luigi Amicone

La sinistra statalista si prende la regione meno di sinistra che c’è. Non governerà un fico d’India, ma ci darà l’ennesima lezione di Jovanotti-pensiero

Complimenti ai somarelli del centrodestra. Che adesso sanno che dalla Sicilia potevano non uscire scornati, ma non hanno ancora realizzato la bella scoperta – e nuovissima come quella dell’acqua calda – che a presentarsi alle elezioni uniti è meglio che andare divisi. Bene così. La sinistra statalista si aggiudica la regione meno di sinistra che c’è e conferma la propria attitudine a campare sulle procure. Non governerà un fico d’India, ma ci darà l’ennesima lezione di Jovanotti-mutandone-pensiero che unisce il mondo intero.

Come sapete, il dato politico rilevante del voto siciliano è però un altro, ed è il trionfo del doppio partito astensionista. Quello di chi non è andato a votare (quasi 53 per cento). E quello di chi ci è andato per smoccolare (oltre il 15). Marcerà su Roma questa formidabile coppia di “Vaffa”?

Intanto, prima delle politiche, si vota al polo opposto della regione benchmark della spesa pubblica fuori controllo e dei servizi da terzo mondo. Si vota (speriamo entro dicembre) in quella Lombardia di cui non staremo qui a ridire le ragioni Ocse che la valutano in cima al resto d’Italia.

Conosciamo tutti la difficoltà di fare il meglio quando hai alle spalle una giustizia che ha inimicizia anche col bene che fai. E perciò non prova nemmeno a spiegare che fenomeni come le infiltrazioni di ’ndrangheta succedono là dove (come in Germania) c’è ricchezza e l’economia gira, piuttosto che là dove ce la si conta su con professionisti dell’antimafia e commissari Montalbano. Perciò, se col voto siciliano salutiamo la fine della Seconda Repubblica, a Natale speriamo di festeggiare la nascita della Terza con Gabriele Albertini, governatore della Lombardia.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

3 Commenti

  1. Enrico says:

    il Beppe, i giudici, le lo pappano quando vogliono, basta aspettare l’ordine dall’alto.

  2. Gian says:

    Ma mi risulta da dati dei votanti in carcare, che l’astensionismo sia superiore al 90% , quel 53% di non votanti chi sono? A chi rispondondono? Forse a chi da più di 150 grazie a garibaldi ( volutamente minuscolo ) ha in mano le redini vere del territorio?

  3. david says:

    Invito per ciellini e non-ciellini che non hanno pregiudizi:
    guardate Report rai 3 stasera (domenica 4 novembre). Io lo sto guardando da 1 ora e finora nessuno, ripeto nessuno!, nè Perego, nè Cesana, nè altri, ai quali è stato concesso il diritto di replica in vari servizi della puntata, nessuno ha spiegato nulla. Tutti fanno scena muta!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Con un look esclusivo e sospensioni più raffinate la Yamaha MT-09 SP va a porsi al vertice della gamma della hyper naked tricilindrica di Iwata. Il suo prezzo è di 10.190 euro f.c.

L'articolo Prova Yamaha MT-09 SP proviene da RED Live.

Nissan propone per il 2018 un restyling di X-Trail che rinnova senza rivoluzionare. Le forme vengono riviste e la lunghezza complessiva aumentata a vantaggio di un bagagliaio più grande. Propulsore e meccanica rimangano invariate. Andiamo a scoprirla

L'articolo Prova Nissan X-Trail 1.6 dCi 130 CVT 2WD Tekna proviene da RED Live.

Sulla breccia da 39 anni, la Classe G ha saputo resistere alle mode puntando su robustezza, affidabilità e su alcuni clienti... "importanti"

L'articolo Classe G, la storia “sporca” della off road Mercedes proviene da RED Live.

DNA OFFROAD Al Salone di Detroit 2018 la Casa della Stella ha presentato la Nuova Mercedes Classe G. Che non ha tagliato in modo brusco i ponti con il passato e – tranquilli –  non si è rammollita: a lei, le SUV moderne fanno davvero un baffo. Nel senso che la G continua ad essere […]

L'articolo Nuova Mercedes Classe G 2018: nel solco della tradizione proviene da RED Live.

Seppur presentato nel 2016, il sistema di trazione integrale della Focus RS è tutt’oggi una soluzione ingegneristica avanzata ed è raro trovarne una descrizione chiara e completa. Siete sicuri di avere capito come funziona? Leggete per scoprirlo!

L'articolo Magia elettronica! La trazione integrale della Ford Focus RS proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download