Google+

Adesso siete avvisati. Chi osa “sfidare il Vaticano” dovrà vedersela con Repubblica

settembre 17, 2014 Correttore di bozze

Il Correttore di bozze raccomanda la lettura di un surreale articolo che rovescerà tutte le vostre convinzioni in materia di Chiesa e dottrina cattolica

rouco-varela-repubblicaMettetevi un momentino nei panni cenciosi del Correttore di bozze. Cosa pensereste voi, se foste retrogradi e bacchettoni come lui, davanti a un titolo di Repubblica che parla di “Rouco Varela, il cardinale che sfida il Vaticano”? Ve lo dice il Correttore di bozze cosa pensereste. La solita glorificazione repubblicona dell’ennesimo pretonzolo che la pensa come Jovanotti e si crede in dovere di spiegare al Papa che Gesù era un fricchettone. Ecco cosa pensereste.

Purtroppo, però, vi sbagliereste, proprio come si è sbagliato quel carciofo di un Correttore di bozze. È da tempo ormai che i “cardinali che sfidano il Vaticano” non sono più oggetti di culto a Repubblica. Infatti, da quando Eugenio Scalfari si è ispirato liberamente a se stesso per scrivere la sua famosa intervista con papa Francesco, a largo Fochetti si dev’essere affermata la convinzione che il-Vaticano-siamo-noi. Noi nel senso di quelli avanti, i progressisti, i migliori. Perciò, come ha potuto constatare il Correttore di bozze leggendo l’articolo in questione, nell’era della Repubblica pontificia “il cardinale che sfida il Vaticano” non è affatto un mito: al contrario, può essere al massimo un antipaticissimo conservatore, un oppressore di pecorelle smarrite, un inspiegabile rigurgito di Medioevo. Un rifiuto della civiltà tipo il Correttore di bozze.

In effetti “il cardinale che sfida il Vaticano” (o se preferite “che sfida Repubblica“) è proprio Antonio María Rouco Varela, arcivescovo uscente della diocesi di Madrid, già gran capo dei vescovi spagnoli ai tempi delle oceaniche marce di contestazione contro le riforme di ingegneria sociale di Zapatero. Ebbene, stando a quanto riferisce Repubblica, Rouco Varela si sarebbe rifiutato di abbandonare il palazzo arcivescovile di Madrid, benché sia ormai pensionato per raggiunti (e superati) limiti di età e benché papa Francesco abbia già nominato il suo successore, Carlos Osero, che si insedierà il 25 ottobre.

Naturalmente il Correttore di bozze non ha interrotto il suo letargo intellettuale solo per dirimere una banale lite fra condòmini porporati. E del resto Ezio Mauro non è mica Roberto Carlino, neanche a Repubblica importa un cappero della controversia immobiliare. Con tutto il rispetto, chissenefrega del palazzo arcivescovile. È chiaro che dietro la zuffa fondiaria si nasconde una questione ben più radicale. Una guerra su tutti i fronti a papa Francesco, o peggio un affronto a Eugenio Scalfari. Una “sfida al Vaticano”.

Repubblica la sintetizza così:

«In gioco, c’è un modello oscurantista di Chiesa che ha prosperato in passato anche con il beneplacito della Santa Sede. Le manifestazioni di piazza, con i vescovi in prima fila, per contestare la legge sui matrimoni gay. Il braccio di ferro a tutto campo con il governo Zapatero, criticato per la riforma del divorzio-express, l’abolizione dell’ora di religione obbligatoria, la riforma della legge sull’aborto».

È comprensibile che papa Francesco abbia tutta l’intenzione di spazzare via un modello di Chiesa così «oscurantista», seguita a ragionare Repubblica. Ma dopo le imperdonabili deviazioni di Rouco Varela (per di più perseguite «con il beneplacito della Santa Sede»), è tutto da vedere «se  il successore, Osoro, avrà la forza di ricostruire l’immagine deteriorata della Chiesa madrilena». Già, chissà se ci riuscirà. Il Correttore di bozze confida comunque che il modello Zapatero saprà illuminare le nostre menti sperdute così come ha già saputo magistralmente trascinare la Spagna nella merda.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

15 Commenti

  1. Giuseppe scrive:

    Ma anche La Stampa. E’ comparso poco fa sul sito del giornalone Fiat un pezzullo con questo incipit:
    “Ai cardinali che si distanziano dalle aperture di Papa Francesco, in particolare sul suo desiderio che al Sinodo si possa riflettere sul tema della comunione ai divorziati risposati, nell’Udienza Generale il Pontefice ha risposto indirettamente ricordando che «la Chiesa è in uscita verso “quelli più distanti in ogni senso”» e criticando quanti dicono «siamo gli eletti, noi solo»”.
    Il Papa, all’udienza del mercoledì, ha parlato d’altro, senza minimamente accennare alla solita trita e ritrita questione della comunione ai divorziati risposati. Eppure l’illuminata Stampa vede nella mente pontificia e ne scruta i pensieri, porgendone poi a noi comuni mortali l’interpretazione autentica.
    E finisce con la segnalazione al pubblico ludibrio [ci si sente un po’ il sapore della lista di proscrizione] dei cinque porporati reprobi che hanno osato scrivere e pubblicare un libretto in cui – pensa un po’ – richiamano nientepopodimenoche la dottrina cattolica.
    Posso dire – seguendo l’elegante esempio e stile del Correttore di Bozze – che abbiamo una bella stampa di merda?

  2. Gianluca S. scrive:

    Repubblica, che paura! La Sala stampa vaticana ha dovuto smentire almeno due volte le fantasiose interviste di Scalfari al Papa. Con i cardinali, poi, ci azzecca poco; anni fa pubblico’ un pezzo su un porporato morto, invece del tutto vivo e sano..
    Stile, correttezza, professionalità..
    Comunque le piazze di Madrid continuano ad essere piene, e non solo di gente della movida.
    Tre anni fa, un milione e mezzo di giovani, in veglia notturna e in preghiera con Papa Benedetto..
    Tutti oscurantisti..
    Tra pochi giorni, centinaia di migliaia di persone si ritroveranno per la beatificazione di don Alvaro del Portillo, successore di S. Josemaria Escriva’. Altri oscurantisti, Opus Dei, brr.
    In ottobre, Papa Francesco beatificherà a Roma Paolo VI, che e’ anche il papa della Humanae vitae.
    Oscurantista alla seconda, Repubblica spiazzata..

  3. Alessandro scrive:

    Mah, che volete che vi dica: ultimamente nelle parole e nelle azioni il Papa regnante sembra dare più ragione ai Republicones che ai cattolici: partite della pace con starlette in mutande che cantano “Imagine”, cardinali “troppo tradizionali” allontanati dal governo della Chiesa (Burke e molti altri, leggete Magister su La Stampa), peones della Teologia della Liberazione riabilitati e lodati, ordini religiosi di sensibilità tradizionale (NON tradizionalista) commissariati e smembrati, ambigue amenità che sembrano lodare il peccato più che commiserare il peccatore e così via.
    E il bello – o brutto – secondo me deve ancora arrivare col Sinodo. Tempi mi stupisce: neanche una critica garbata. Paura per la cadrega?

  4. giampiero scrive:

    I bene informati dicono che Burke sarà rimosso. Andrà a Malta a fare processioni. Non parteciperà al sinodo. La corrente Bergoglio è nettamente maggioritaria. E lo era già da molto tempo. Il problema dei fedeli e del clero “oscurantista”, per un sofisticatissimo stratega di gesuita che viene dalla fine del mondo, non esiste. Perchè se non le solleva il Papa le questioni non esistono. Per cui zero visibilità al dissenso. E’ una frattura solo per addetti ai lavori. Non si può competere con un uomo del genere. Il Santo Padre fa quello che vuole perchè ha indicutibile leadership e carisma e perchè lo vuole il Signore del resto. Milioni in piazza per la beatificazione di Portillo. Poi ancora altri milioni per la beatificazione di Torres Restrepo.

  5. giampiero scrive:

    Cosa fare. Seguire la volontà del Signore. Come essa si manifesta. E tutti quelli che criticano ferocemente il Pontefice, si rendono conto che criticano la volontà di Dio? Sono vanitosi per il Signore. Perchè per il Papa non esistono. Francesco non replica. Ignorandoli li elimina. Se replicasse darebbe visibilità ad essi e allargherebbe la discussione. Ma chi siamo noi per vagliare la volontà di Dio. Pensate che il fedele o l’uomo della strada legga il saggio di cinque cardinali? Pensate che legga i vari Socci e Gnocchi o De Mattei etc. Questi per pura umana vanità fanno a gara a chi è più teologo, e pensano di essere autorevoli esponenti di una fetta della chiesa, per quanto di nicchia. Invece no, sono nulla, il Papa non ne parla e non gli parla. Non esistono. Si atteggiano già a condottieri dell’enorme esercito di scismatici. Ma lo scisma non esiste. Perchè loro non esistono. L’altra chiesa già esiste è Lefebre. Sono gli eretici che si vestono come il KKK e fanno il funerale a un assassino nazista. Questo pensano i fedeli. Mentre Francesco è misericordioso e simpatico. I cripto-lefebriani passino il Rubicone reggiungendo i sodali e non se ne parlerà più. Ma non e vero, già non se ne parla affatto. Nessuno se ne accorggera nella nuova chiesa unita e misericordiosa. E questo è per SUA Volontà. Amen.

    • Alessandro scrive:

      Amen, fratello. Ti dico solo: stai, state sbagliando. Non sono immune da peccati, sono peggiore di molti uomini, probabilmente anche di te. Ma porca miseria, state sbagliando, e facendo sbagliare un sacco di gente. Che il Signore abbia pietà di noi. Nessuna critica è feroce: ma è una critica. O in questa nuova democraticissima ecumenicissima Chiesa non c’è spazio per le critiche? Dittatura del relativismo, ecco cos’è. Il buon Papa Benedetto XVI si sarà già accorto dell’errore che ha fatto dimettendosi?

      • Ciao scrive:

        Non è il caso di contrapporre papa a papa, anche se bxvi era una sicurezza su certe cose. Vero, il papa è stato scelto da Dio, ma non tutte le xue opzioni di governo hanno effetti felici. Questo lo si può riconoscere anche rimanendogli filialmente fedeli. Nom penso, però, che Francesco darà troppa ragione ai progressisti. È vicino, ma non dei loro.

  6. Sara scrive:

    Esultano per l’oscuramento della tradizione Cattolica tramandata dai Papi, dai Santi, dai Dottori della Chiesa. Oramai è il ” liberi tutti “, si sbarazzano di quei noiosi mosconi che parlavano di comandamenti e di peccato. Non capiscono che i mosconi non possono tacere nel vedere lo scempio nella casa di Dio e tante anime saltellare allegramente verso l’abisso.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

Nel bel mezzo di Agosto, la Casa di Iwata lancia un criptico video teaser che anticipa quanto verrà svelato il 6 settembre alle 17:00: la Yamaha T7

L'articolo Yamaha T7, il video teaser proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana