Google+

Le femministe circondano Santiago de Compostela urlando «aborto libero e gratuito»

giugno 18, 2013 Redazione

Le associazioni pro choice spagnole incolpano la Chiesa di fare pressioni per limitare la legge sull’interruzione di gravidanza. Intanto nel paese aumentano gli aborti e spariscono i fondi per la maternità

Hanno circondato la cattedrale di Santiago de Compostela all’urlo «aborto libero e gratuito». Le associazioni pro choice spagnole hanno scelto questa forma di protesta per esprimere il proprio sdegno contro l’annuncio (finora siamo solo agli annunci) del governo di rivedere la legge sull’interruzione di gravidanza.
Domenica un migliaio di persone, facenti parte di una sessantina di associazioni, si sono ritrovate in strada e attorno alla cattedrale per incolpare la Chiesa di fare pressioni sul governo per portare delle modifiche alla legge. Finora, in realtà, non è ancora del tutto chiaro quali saranno gli interventi del governo Rajoy, ma le poche notizie sono bastate per far scattare le associazioni pro choice.

ABORTO MINORENNI. «Bruceremo la Conferenza episcopale maschilista», «volete far tornare le donne in casa», «ci farete retrocedere di venti anni», dicevano le femministe. Finora quel che è certo sono i proponimenti del ministro della Giustizia Alberto Ruiz Gallardon che ha spiegato di voler rivedere alcune norme introdotte dal precedente esecutivo Zapatero. E cioè il divieto per le ragazzine di 16 anni di abortire senza il consenso dei genitori.

I NUMERI. Secondo i dati, negli ultimi anni, gli aborti in Spagna sono aumentati in media di 48.500 all’anno. Dal 1990 a oggi la crescita è stata del 68,6 per cento, passando da 37.000 a 120.000. Come denunciato dall’associazione Red Madre, all’aumento delle interruzioni di gravidanza è corrisposta una significativa diminuzione degli aiuti economici alla maternità, oggi ridotti praticamente a zero.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

4 Commenti

  1. Quercia says:

    A me ha molto colpito il comportamento delle femministe in un altro paese latino: l’argentina.

    In quel caso, dopo aver fatto danni per tutta la città, le femministe volevano riservare lo stesso trattamento anche alla cattedrale di Posadas. Attorno all’edificio invece si è creata spontaneamente una “muraglia” umana che diceva il rosario e veniva riempita di insulti, urla e sputi.
    Ah no, neanche questa notizia è stata ritenuta degna di essere raccontata dai “media”. Strano, sospetto che a parti invertite gli speciali televisivi si sarebbero contanti nel numero di decine.
    Va beh..ormai sappiamo come funziona.

    https://www.youtube.com/watch?v=iWx8-htaaSs

    • marzio says:

      Grazie Quercia.Comunque la faziosità e la vigliaccheria delle femministe militanti è ormai ributtante, sempre pronte ad attaccare i Cattolici.Non ho mai visto,però, una femminista occidentale indignarsi o manifestare contro la misoginia degli islamisti.Facile infangare ed attaccare i cristiani per le loro idee, tanto non succede nulla ,anzi .c’è sempre l’approvazione dei media e dei politici.Pericoloso invece attaccare gli islamisti, perchè si sa che costoro non porgono l’altra guancia,ma applicano il criterio occhio per occhio dente per dente.

  2. Carlo says:

    Tutto ciò lo dobbiamo anche e soprattutto a quel demonio di Zapatero, che ha usato ogni giorno della propria vita politica al governo per creare una nuova Spagna di bestie.

  3. Giuseppe says:

    Femministe andate all’inferno a fare l’aborto!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Una Chevrolet così potente non la si era mai vista. Del resto, mai una Corvette di serie si era spinta tanto in là. La nuova ZR1 promette di scrivere un inedito capitolo della storia della Casa americana. Attesa sul mercato dalla primavera del 2018, la sportiva a stelle e strisce vede il V8 6.2 sovralimentato […]

L'articolo Chevrolet Corvette ZR1 2018: lo show dei record proviene da RED Live.

Il Ciclocross moderno ha poco a che vedere con ciò a cui eravamo abituati: percorsi più tecnici e veloci hanno portato a un cambiamento nelle attitudini dei biker, che devono essere assecondate da biciclette altrettanto evolute. Canyon ha progettato la nuova Inflite CF SLX con in mente proprio queste rinnovate esigenze e l’ha dotata di […]

L'articolo Canyon Inflite CF SLX proviene da RED Live.

Anche se ottima ventilazione, aerazione, visiera amovibile e comfort sono aspetti molto importanti in un casco da bici, la differenza reale la fa la capacità di proteggere… Bontrager ha scelto di affidare la nostra sicurezza alle mani, o meglio, alla tecnologia di MIPS, dotando il nuovo Quantum del MIPS Brain Protection System, che a oggi rappresenta […]

L'articolo Bontrager Quantum MIPS, nuova sicurezza proviene da RED Live.

In questo momento storico, l’immagine che identifica maggiormente la californiana Tesla è quella della dea Shiva che, facendo roteare le otto braccia di cui è dotata, elargisce schiaffi a destra e a manca a tutti i brand concorrenti. Il costruttore americano, parallelamente all’unveiling della straordinaria supercar elettrica Roadster, accreditata di 10.000 Nm di coppia e […]

L'articolo Tesla Semi Truck: il camion elettrico è una belva proviene da RED Live.

L’alternativa alle note Lotus 3-Eleven, KTM X-Bow e Radical SR8 è italiana. E costa (almeno) 200.000 euro. Forte di una lunghissima esperienza nelle competizioni, la parmense Dallara Automobili, specializzata in telai e vetture da pista, ha presentato il primo modello targato della propria storia. Una vettura, non a caso denominata “Stradale”, nata quale barchetta estrema, […]

L'articolo Dallara Stradale: la prima volta proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download