Google+

Nato vivo a 19 settimane. La storia di Walter «che si ostinavano a chiamare feto, ma era perfetto»

luglio 7, 2013 Benedetta Frigerio

Parla la madre del piccolo le cui foto stanno girando il web.

Proprio mentre negli Stati Uniti alla Camera passava il disegno di legge per vietare l’aborto oltre la 20esima settimana, le immagini di Walter, nato vivo a 19 settimane e 3 giorni, hanno fatto il giro del web. Una nascita davvero inusuale, su cui i medici stanno ancora indagando. La madre, Lexi Fretz, ha detto di «pregare il Signore di continuare a utilizzare le foto di Walter per incontrare molte altre persone». La donna ha deciso di raccontare quanto le è successo. Un racconto dettagliato, a tratti angosciante, di un travaglio in ospedale in cui non le è mai mancato l’affetto e la vicinanza del marito Josh. Cosa che non si può dire dei medici e degli infermieri, che chiamavano quel suo figlio in pancia «il feto» («e a me – ha raccontato Lexi – veniva voglia di schiaffeggiarli»).

FETO O BAMBINO? Un bambino – perché a un certo punto anche i medici hanno iniziato a usare questo termine – di quell’età non poteva avere molte speranze di vita. Nato alle 21.42, è stato subito messo nelle braccia della madre. «Ho pianto così tanto, ma lui era perfetto», ha raccontato Lexi. «Era completamente formato, era tutto lì. Ho potuto vedere il suo cuore che batteva nel suo piccolo petto. Josh e io lo tenevano in braccio e piangevano su di lui guardando il nostro perfetto, piccolo figlio». Intorno a Lexi ha cominciato a formarsi un capannello di persone: medici, infermieri, familiari. Tutti ad ammirare quel piccolo miracolo. «Hanno pregato con me, con me hanno pianto ed erano lì a rispondere a ogni mio bisogno. Così, pur in un momento di grande dolore, mi sono sentita amata da tutti».
Il piccolo rimane coi genitori fino a spegnersi. Momenti dolorosi, ma che Lexi assicura essere importanti: «Ho il cuore spezzato, avendo saputo delle storie di persone che non sono state autorizzate a vedere il loro bambino. Sarebbe stato devastante per me! Lo tenevo, lo coccolavo mentre il suo cuore batteva. L’ho stretto al mio cuore, gli ho contato le dita dei piedi e gli ho baciato la piccola testa. E ora custodirò per sempre questi ricordi di lui».

«NON SO PERCHE’ MA…». La donna è ancora sconvolta da quante persone abbiano visto e commentato le foto di suo figlio e dal fatto che «nella sua breve esistenza, di soli pochi minuti, ha toccato più vite di quante avrei mai potuto immaginare. Ho ricevuto messaggi da persone di tutto il Paese che hanno sperimentato una perdita o sono state toccate dalla sua storia. Ho anche saputo di un paio di persone che hanno usato le sue foto per aiutare una donna che stava male e che stava pensando all’aborto».
Lexi sa bene che anche se «non capisco perché il Signore lo ha portato subito a casa», quelle foto dicono che, «anche se non possiamo vederle il bambino in grembo, non vuol dire che lui è un grumo di cellule. Walter era perfettamente formato e si muoveva nel grembo materno». Non solo, «potrò anche non capire fino in fondo perché, ma resta il conforto di sapere dove si trova e che lo vedrò ancora. Per ora, è con suo Padre celeste che lo ama immensamente più di me, la sua mamma terrena». E comunque, conclude Lexi, sono grata che qualcosa di buono stia nascendo da tutto ciò. Per questo, «prego il Signore di continuare a utilizzare le foto di Walter per incontrare molte altre persone».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

7 Commenti

  1. giuliano says:

    RIP, sigla di risposta del sig Sarti, credo che voglia significare RIECCO IL PIRLA

    • piero says:

      Ma lasciatelo perdere, è un poveretto, state lì ancora a rispondergli ??
      Ignoratelo ………..

  2. argentina says:

    c’e’ poco da opinare, e’ evidente che sia un bambino.

  3. Q.B. says:

    Non lo so quindi chiedo: qualcuno sa dire quanti “grumi di cellule” come questo abbia aspirato la bonino con la pompa per bici?

  4. Yes says:

    “Feto partorito a 19 settimane morto dopo pochi minuti”

    Fixed.

  5. angelo says:

    Se le femminsite abortiste fossero coerenti con il loro principio di base (l’ utero è mio e lo gestisco io) dovrebbero sostenere l’ aborto anche al nono mese. Anche un minuto prima di partorire.
    Quindi dovrebbero essere contro la legge 194, che lo limita alle prime settimane.
    Ma io non ho mai sentito delle femminsite che vogliono l’ aborto anche al nono mese.
    Che siano incoerenti e bugiarde anche loro???

  6. Helga says:

    Ho sempre creduto nella vita che autonomamente cresce, si differenzia, si specializza nel dialogo costante della madre che lo aiuta ad essere sempre più progressivamente se stesso…cambiano le sue caratteristiche della vita intra uterina, come quelle extrauterina ma la persona e’ la stessa dall’inizio della sua esistenza… Dopo la maternità affermo con certezza la veridicità della mia convinzione e dico “ogni madre porti a termine il dono grande, il privilegio ricevuto della maternità con il suo si alla vita” non ci siano più figli indesiderati e abortiti ma solo figli amati… Ne abbiamo da ricevere grazia su grazia!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Il tempo purtroppo passa per tutti e man mano che l’età avanza la nostra cara patente B richiede revisioni più frequenti. Scopriamo assieme passo a passo la procedura da seguire

L'articolo Come rinnovare la patente B proviene da RED Live.

Dopo quattro anni, la SUV americana si rinnova a Detroit. E lo fa con un look rivisto, tanta tecnologia e nuovi angeli custodi elettronici. Top di gamma la specialistica Trailhawk

L'articolo Jeep Cherokee 2018, il restyling debutta a Detroit proviene da RED Live.

Con un look esclusivo e sospensioni più raffinate la Yamaha MT-09 SP va a porsi al vertice della gamma della hyper naked tricilindrica di Iwata. Il suo prezzo è di 10.190 euro f.c.

L'articolo Prova Yamaha MT-09 SP proviene da RED Live.

Nissan propone per il 2018 un restyling di X-Trail che rinnova senza rivoluzionare. Le forme vengono riviste e la lunghezza complessiva aumentata a vantaggio di un bagagliaio più grande. Propulsore e meccanica rimangano invariate. Andiamo a scoprirla

L'articolo Prova Nissan X-Trail 1.6 dCi 130 CVT 2WD Tekna proviene da RED Live.

Sulla breccia da 39 anni, la Classe G ha saputo resistere alle mode puntando su robustezza, affidabilità e su alcuni clienti... "importanti"

L'articolo Classe G, la storia “sporca” della off road Mercedes proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download