Google+

Abbassando i tassi Draghi ci ha dato un aiutino, ma ora tocca a noi

novembre 4, 2011 Redazione

Ecco cosa cambia per famiglie e imprese. Fortis: «Ma i Paesi in difficoltà finanziaria, tra cui l’Italia, devono darsi maggiormente da fare per risolvere i loro problemi». Bechis: «L’aiuto non può andare avanti all’infinito». Ecco perché non siamo la Grecia e non rischiamo il default. Leggi gli articoli

Applausi per la prima coraggiosa mossa di Mario Draghi alla Bce. Tagliando di un quarto di punto i tassi di interesse ha dato un po’ di fiato all’economia (qui il Corriere della Sera spiega cosa cambia per il budget delle famiglie e delle imprese).

Oggi, su due diversi quotidiani (Il Messaggero e Libero), Marco Fortis e Franco Bechis commentano la scelta di Draghi.
Scrive Fortis che tale decisione «non era certamente facile per il neo-arrivato Draghi, su cui sono appuntati gli occhi di tutti, essendo “italiano“». Ma, sottolinea Fortis, «Draghi ha immediatamente voluto chiarire (…) che i Paesi in difficoltà finanziaria, tra cui l’Italia, devono darsi maggiormente da fare per risolvere i loro problemi e non possono aspettarsi interventi o aiuti esterni al di là delle operazioni che la Bce ritiene necessarie per la sua politica monetaria in assoluta indipendenza e autonomia».

Secondo Bechis, la mossa di Draghi, è una buona notizia per tre ragioni: «Primo perché non era attesa e il suo effetto è doppio. Secondo perché le banche in un momento particolare sentono allentare la stretta e liberare un po’ di liquidità. Terzo perché non la nuova liquidità liberata ci sarà più margine per finanziare le imprese a costi più bassi». Anche Bechis, però, avverte che «l’aiuto non può andare avanti all’infinito, e anzi è assai più vicino alla fine di quanto non si immagini».

All’iniziativa di Draghi plaude anche sul Giornale, Gianluca Garbi, suo ex collaboratore, esperto di mercato obbligazionario. Garbi valuta poi la situazione italiana nel suo insieme, insistendo sul fatto che la situazione economica italiana è difficile, ma imparagonabile con quella greca: «L’Italia non è certo assimilabile alla Grecia, non esiste un rischio di default, ma occorre trovare il modo di liberare risorse, altrimenti ogni manovra finirà per risultare inefficace».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Sulla breccia da 39 anni, la Classe G ha saputo resistere alle mode puntando su robustezza, affidabilità e su alcuni clienti... "importanti"

L'articolo Classe G, la storia “sporca” della off road Mercedes proviene da RED Live.

DNA OFFROAD Al Salone di Detroit 2018 la Casa della Stella ha presentato la Nuova Mercedes Classe G. Che non ha tagliato in modo brusco i ponti con il passato e – tranquilli –  non si è rammollita: a lei, le SUV moderne fanno davvero un baffo. Nel senso che la G continua ad essere […]

L'articolo Nuova Mercedes Classe G 2018: nel solco della tradizione proviene da RED Live.

Seppur presentato nel 2016, il sistema di trazione integrale della Focus RS è tutt’oggi una soluzione ingegneristica avanzata ed è raro trovarne una descrizione chiara e completa. Siete sicuri di avere capito come funziona? Leggete per scoprirlo!

L'articolo Magia elettronica! La trazione integrale della Ford Focus RS proviene da RED Live.

In attesa della prova ecco le prime informazioni sul test che ci vedrà a Valencia in sella alla nuova Ducati Panigale V4

L'articolo Ducati Panigale V4 in attesa della prova proviene da RED Live.

Al volante della SUV “low cost” che migliora nei contenuti e nella guida mantenendo invariato il prezzo. Dacia ha vinto di nuovo la scommessa e ora offre una Duster più appetibile che mai

L'articolo Prova Dacia Duster 2018 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download