Google+

Abbassando i tassi Draghi ci ha dato un aiutino, ma ora tocca a noi

novembre 4, 2011 Redazione

Ecco cosa cambia per famiglie e imprese. Fortis: «Ma i Paesi in difficoltà finanziaria, tra cui l’Italia, devono darsi maggiormente da fare per risolvere i loro problemi». Bechis: «L’aiuto non può andare avanti all’infinito». Ecco perché non siamo la Grecia e non rischiamo il default. Leggi gli articoli

Applausi per la prima coraggiosa mossa di Mario Draghi alla Bce. Tagliando di un quarto di punto i tassi di interesse ha dato un po’ di fiato all’economia (qui il Corriere della Sera spiega cosa cambia per il budget delle famiglie e delle imprese).

Oggi, su due diversi quotidiani (Il Messaggero e Libero), Marco Fortis e Franco Bechis commentano la scelta di Draghi.
Scrive Fortis che tale decisione «non era certamente facile per il neo-arrivato Draghi, su cui sono appuntati gli occhi di tutti, essendo “italiano“». Ma, sottolinea Fortis, «Draghi ha immediatamente voluto chiarire (…) che i Paesi in difficoltà finanziaria, tra cui l’Italia, devono darsi maggiormente da fare per risolvere i loro problemi e non possono aspettarsi interventi o aiuti esterni al di là delle operazioni che la Bce ritiene necessarie per la sua politica monetaria in assoluta indipendenza e autonomia».

Secondo Bechis, la mossa di Draghi, è una buona notizia per tre ragioni: «Primo perché non era attesa e il suo effetto è doppio. Secondo perché le banche in un momento particolare sentono allentare la stretta e liberare un po’ di liquidità. Terzo perché non la nuova liquidità liberata ci sarà più margine per finanziare le imprese a costi più bassi». Anche Bechis, però, avverte che «l’aiuto non può andare avanti all’infinito, e anzi è assai più vicino alla fine di quanto non si immagini».

All’iniziativa di Draghi plaude anche sul Giornale, Gianluca Garbi, suo ex collaboratore, esperto di mercato obbligazionario. Garbi valuta poi la situazione italiana nel suo insieme, insistendo sul fatto che la situazione economica italiana è difficile, ma imparagonabile con quella greca: «L’Italia non è certo assimilabile alla Grecia, non esiste un rischio di default, ma occorre trovare il modo di liberare risorse, altrimenti ogni manovra finirà per risultare inefficace».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Banco alimentare

Tempi Motori – a cura di Red Live

Comfort, connettività, sicurezza e design al servizio delle aziende

L'articolo Renault presenta la gamma Business proviene da RED Live.

Pronta al debutto al prossimo Salone di Parigi, la wagon del Leone getta il guanto di sfida alle rivali premium. Con un sacco di argomenti, a cominciare dal design

L'articolo Nuova Peugeot 508 SW, cambio di rotta proviene da RED Live.

Sostituisce la Serie 6 e diventa la M più potente mai prodotta. Trazione integrale, quattro ruote sterzanti, eleganza e opulenza. Per andare veloci in qualunque condizione

L'articolo BMW Serie 8 Coupé, a volte ritornano proviene da RED Live.

In programma dal 20 al 22 luglio al Misano World Circuit, il WDW (World Ducati Week) di quest’anno si preannuncia rovente: i piloti Ducati si sfideranno in sella alla Panigale V4 S.

L'articolo The Race of Champions: la sfida tra campioni al WDW 2018 proviene da RED Live.

Sapete che il 60% delle V7 III, al momento dell’acquisto, sono richieste con almeno un accessorio montato (con prenza per quelli di ispirazione Scrambler o Dark)? Di più: per la sola V7 esistono a catalogo 200 parti speciali – fra queste ci sono ben 8 selle – mentre, se consideriamo tutti i modelli Moto Guzzi, […]

L'articolo Prova Moto Guzzi V7 III Rough, Milano e Carbon proviene da RED Live.