Google+

A sinistra inizia a dare un po’ fastidio la “super lobby della società civile” di don Ciotti

gennaio 19, 2013 Marco Margrita

In questa tornata sono ben quattro i candidati espressione del “don” nelle sinistre. Due con Bersani (uno nel Pd ed uno in Sel) e due con Ingroia.

Non ha mai nascosto l’interesse per la politica. E a queste elezioni si è spaccato nell’appoggio a candidati premier diversi.
Stiamo parlando di “Libera” e Gruppo Abele. Capitanati da don Luigi Ciotti, che hanno in Gian Carlo Caselli un organico sostenitore. Don Ciotti, che pratica con la stessa solennità palchi e pulpiti, lo si ricorda addirittura comiziante ai girotondi morettiani. La politica, quindi, è faccenda frequentata. E non solo nella poesia (vendoliana, del caso) dei massimi sistemi, ma pure nella prosaica prassi elettorale.
In questa tornata sono ben quattro i candidati espressione del “don”, ovviamente nelle sinistre. Due con Bersani (uno nel Pd ed uno in Sel) e due con Ingroia. In posizioni, tutti, sicure o papabili. Tre in Piemonte ed uno in Calabria. Nessuno fa mistero della propria appartenenza, anzi.
Con il centrosinistra si candidano: Davide Mattiello (Pd) e Michele Curto (Sel). Il primo, inserito nei posti sicuri dei “paracadutati” (i nomi imposti dalla segreteria nazionale a quella locale), ha tre lustri di militanza, dopo un passato nella Gioc, nella galassia ciottina. Il secondo è segretario provinciale di Sel e capogruppo a Palazzo di Città, ha un passato come referente per l’area europea di “Libera” ed è stato il fautore di un rapporto organico tra il partito di Vendola ed il movimento No Tav.

Con Ingoia si candidano: Antonio Pappalardo (capolista alla Camera, Piemonte 1) e Gabriella Stramaccioni (capolista in Calabria). Il primo – dirigente del Centro per la Giustizia Minorile del Piemonte, Valle d’Aosta, Liguria e Massa Carrara – ha spiegato che “ho accettato la proposta perché lo ritengo coerente con il mio lungo e ricco percorso di impegno nelle istituzioni e nella società civile impegnata contro le mafie. Da 7 anni, infatti, sono attivamente impegnato nel sostenere Libera, il network antimafie di Luigi Ciotti, e la Fondazione Benvenuti in Italia, della quale sono stato tra i primissimi aderenti”. La seconda è coordinatrice nazionale di Libera.

Si potrebbe parlare, se si usassero gli stessi criteri per tutti, di una lobby. Ma, ovviamente, non sta bene quando si parla dei “professionisti della bontà”. Così, anche i malpancisti di sinistra, di fronte a questo fiorire di candidature, il massimo di critica che riescono ad esprimere (anonimamente) è individuare il rischio “una super lobby della ‘società civile’ in grado di esercitare notevole influenza sui gruppi dirigenti dei partiti e nell’establishment progressista”.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Con un look esclusivo e sospensioni più raffinate la Yamaha MT-09 SP va a porsi al vertice della gamma della hyper naked tricilindrica di Iwata. Il suo prezzo è di 10.190 euro f.c.

L'articolo Prova Yamaha MT-09 SP proviene da RED Live.

Nissan propone per il 2018 un restyling di X-Trail che rinnova senza rivoluzionare. Le forme vengono riviste e la lunghezza complessiva aumentata a vantaggio di un bagagliaio più grande. Propulsore e meccanica rimangano invariate. Andiamo a scoprirla

L'articolo Prova Nissan X-Trail 1.6 dCi 130 CVT 2WD Tekna proviene da RED Live.

Sulla breccia da 39 anni, la Classe G ha saputo resistere alle mode puntando su robustezza, affidabilità e su alcuni clienti... "importanti"

L'articolo Classe G, la storia “sporca” della off road Mercedes proviene da RED Live.

DNA OFFROAD Al Salone di Detroit 2018 la Casa della Stella ha presentato la Nuova Mercedes Classe G. Che non ha tagliato in modo brusco i ponti con il passato e – tranquilli –  non si è rammollita: a lei, le SUV moderne fanno davvero un baffo. Nel senso che la G continua ad essere […]

L'articolo Nuova Mercedes Classe G 2018: nel solco della tradizione proviene da RED Live.

Seppur presentato nel 2016, il sistema di trazione integrale della Focus RS è tutt’oggi una soluzione ingegneristica avanzata ed è raro trovarne una descrizione chiara e completa. Siete sicuri di avere capito come funziona? Leggete per scoprirlo!

L'articolo Magia elettronica! La trazione integrale della Ford Focus RS proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download