Google+

A margine di una decisione della Consulta molto più politica che giuridica

febbraio 7, 2017 Maurizio Tortorella

Dove sta scritto, nella nostra Costituzione, che le elezioni devono svolgersi in un turno unico?

Articolo tratto dal numero di Tempi in edicola (vai alla pagina degli abbonamenti)

Si può condividere anche completamente, pienamente, integralmente, la sentenza con cui il 24 gennaio la Corte costituzionale ha in gran parte «cassato» il sistema elettorale varato dal Parlamento italiano, e passato alle cronache con il nome di «Italicum». Si può anche essere d’accordo sul fatto che quel sistema, approvato definitivamente nel maggio 2015 da una maggioranza composta da alcuni dei deputati e dei senatori meno competenti e meno preparati nella storia della Repubblica, fosse mal congegnato e perfino mal scritto in più parti. Si può perfino concordare con la censura esercitata dai giudici della Consulta su questo o su quello specifico punto della norma.

Resta comunque un fatto inoppugnabile: come tante pronunce che l’hanno preceduta, anche quest’ultima sentenza della Corte costituzionale sembra molto «politica», più che giuridica. Serve prudenza, è ovvio: la motivazione della sentenza non è ancora uscita e bisognerà leggerla, per capire come i giudici hanno deciso di decidere. E sicuramente, da quegli ottimi giuristi che sono, hanno operato nel pieno rispetto della legittimità costituzionale. Però, sommessamente e pacatamente, questa rubrichetta vorrebbe tanto che qualcuno ci spiegasse bene e fino in fondo in che cosa è davvero «incostituzionale» questo o quell’elemento fondante della legge elettorale che è stato soppresso.

Per esempio: il doppio turno, una delle caratteristiche del defunto Italicum. Dove sta scritto, nella nostra Costituzione, che le elezioni devono svolgersi in un turno unico? E perché mai, se oggi la Consulta dice che il doppio turno è incostituzionale per le elezioni politiche nazionali, in Italia da anni eleggiamo i nostri sindaci ricorrendo in tanti casi a un ballottaggio che si svolge due domeniche dopo il primo turno? Misteri (costituzionali) italiani. Non è certo la prima volta che la suprema Corte, baluardo della nostra Legge fondamentale, produce valutazioni che in realtà sono intrinsecamente politiche. È già accaduto su tanti referendum, alcuni dei quali sono stati cassati forse un po’ troppo frettolosamente.

È accaduto anche su certe leggi, e in alcuni casi ancora resta un gusto amaro. Per esempio sul blocco della contrattazione e soprattutto delle indicizzazioni delle retribuzioni nel pubblico impiego: ricorderete forse (chissà: pochi giornali ne hanno parlato…) che la Corte nell’ottobre 2012 dichiarò parzialmente incostituzionale una legge del luglio 2010, intitolata «Misure urgenti in materia di stabilizzazione finanziaria e di competitività economica». Quella norma bloccava proprio gli adeguamenti automatici degli stipendi.

Ebbene, che cosa stabilirono i magistrati della Consulta? Che tutti i pubblici dipendenti potevano essere sottoposti al taglio, tranne i magistrati. Perché mai? Ma è evidente: perché la norma avrebbe violato il principio per cui il trattamento economico dei magistrati non sarebbe «nella libera disponibilità del potere, legislativo o maiori causa del potere esecutivo» trattandosi di un aspetto essenziale all’attuazione del precetto costituzionale dell’indipendenza.

L’assunto è stato più volte ribadito dalla Corte costituzionale: l’adeguamento automatico è un elemento intrinseco della struttura delle retribuzioni dei magistrati, diretto alla «attuazione del precetto costituzionale dell’indipendenza». Costituzionale, no? Esattamente come il principio dell’uguaglianza di tutti i cittadini davanti alla legge. Solo che alcuni sono più uguali degli altri, come capitava a certi personaggi nella Fattoria degli animali di George Orwell.

Foto Ansa

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Il progetto Émonda è nato per dimostrare che Trek era non solo in grado di costruire la bicicletta di serie più leggera al mondo, ma di renderla anche capace di offrire elevate performance. I confini della ricerca sembrano essere fatti perché li si possa superare e ciò che è successo con il MY 2018 lo dimostra: […]

L'articolo Nuova Trek Émonda 2018, la leggerezza non ha limiti proviene da RED Live.

La sfida che attende la nuova Seat Arona, al debutto tra le SUV compatte, ricorda quella di Kung Fu Panda contro le “Leggende Leggendarie”. Una outsider dalle dimensioni contenute, agile, scattante e con tante frecce al proprio arco che affronta senza alcun timore reverenziale i “mostri sacri” della categoria. Forte di una vitalità, sia estetica […]

L'articolo Prova Seat Arona proviene da RED Live.

Sino a pochi anni fa parlare di auto a guida autonoma era credibile quanto prevedere lo sbarco degli alieni sulla Terra o aderire alla religione dei pastafariani che, per inciso, credono in un creatore sovrannaturale somigliante agli spaghetti con le polpette. Questo almeno sino a ieri, dato che oggi, con l’immissione sul mercato delle prime […]

L'articolo Guida autonoma: quanto ne sai? proviene da RED Live.

Ennesimo capitolo della Saga Monster, l’821 2018 si adegua all’Euro4 ed eredita le peculiarità stilistiche della sorella maggiore 1200. Più snello e slanciato torna all’essenzialità originale del primo Monster

L'articolo Ducati Monster 821 my 2018, come eravamo proviene da RED Live.

Anche i nobili, alle volte, sentono il bisogno di rinnovarsi. Si aggiorna così la Range Rover Sport, una delle SUV più blasonate e raffinate al mondo. A quattro anni dall’unveiling avvenuto al Salone di New York, la sport utility britannica beneficia di un profondo facelift estetico e di sostanza. Al punto da portare al debutto […]

L'articolo Range Rover Sport 2018: prima in tutto proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download