Google+

A dare il colpo di grazia ai consumi in Italia non è stata la crisi, ma le tasse sulla casa

agosto 21, 2014 Redazione

Ricolfi spiega che sono state le imposte sugli immobili a frenare i consumi degli italiani. E anche il bonus degli 80 euro o la patrimoniale non servirebbero a rilanciarli

A far precipitare i consumi in Italia non è stata la crisi ma sono state le tasse sulla casa: Imu e Tasi. Lo scrive il sociologo Luca Ricolfi su Panorama, chiedendosi come si possano far ripartire le spese delle famiglie italiane. Anzitutto, secondo Ricolfi, è errato pensare che i consumi siano calati semplicemente «perché c’è la crisi, e i redditi sono molto diminuiti». Questa risposta, infatti, «è incompatibile con i dati. La crisi è esplosa nel 2008 (con il fallimento di Lehman Brothers), ma la prima reazione degli italiani alla crisi è stata di aumentare la propensione al consumo, ossia la frazione di reddito speso». Se «all’inizio del 2008 – prosegue Ricolfi – la famiglia media destinava al consumo l’88 per cento del reddito, 4 anni dopo (inizio 2012) ne destinava il 92 per cento, ossia più di prima: il calo dei consumi, dunque, è stato contrastato da una riduzione del risparmio». Mentre «è solo negli ultimi due anni, dalla primavera del 2012 a oggi, che la tendenza si è invertita, e gli italiani hanno cominciato a ridurre la quota del loro reddito destinata ai consumi».

imu-tasi-panoramaMAXI STANGATA SU PATRIMONI E CONSUMI. Perché è a partire dal 2012 che gli italiani hanno cominciato consumare di meno? «La risposta è facile. La gente ha cominciato a ridurre la propensione al consumo quando, nel corso del 2012, si è resa conto che la risposta chiave del governo Monti alla bufera finanziaria del 2011 era l’inasprimento della tassazione sulla casa».
Una tendenza confermata dai successivi esecutivi guidati da Letta e Renzi. L’Imu 2012, infatti, ha assicurato allo Stato un gettito pari a 23,7 miliardi, oltre 14 in più rispetto alla vecchia Ici, l’Imu 2013 20 miliardi e la stangata Imu+Tasi nel 2014, potrebbe arrivare a un gettito di 28 miliardi, qualora i comuni dovessero optare per le aliquote massime. Con l’effetto che, «per incassare 10-15 miliardi di tasse in più l’anno, i governi Monti-Letta-Renzi hanno provocato un vero e proprio shock sui patrimoni degli italiani».
Dal 2012, infatti, «il prezzo delle case ha cominciato a scendere», per una «perdita patrimoniale per le famiglie nell’ordine dei mille miliardi, circa la metà del debito pubblico totale», di cui almeno 500 miliardi «dovuto all’aumento delle tasse sugli immobili». E la «Banca d’Italia stima che una variazione di 1.000 miliardi del patrimonio immobiliare basti a provocare una variazione di 20-25 miliardi nei consumi annui». Una tendenza più accentuata nel caso di perdite piuttosto che di guadagni.

PATRIMONIALE O BONUS DA 80 EURO? Le soluzioni ipotizzate dal governo Renzi per far ripartire i consumi, fa notare il sociologo, sono finora due: la stabilizzazione del bonus da 80 euro oppure «un’imposta patrimoniale sulla ricchezza, specie finanziaria, in modo da togliere ai ricchi (che consumano una frazione bassa del proprio reddito) e dare ai poveri (che sono costretti a consumarlo interamente)».
Ma la patrimoniale «non fa i conti con la mobilità dei grandi capitali, che volerebbero all’estero e farebbero diminuire la massa del risparmio disponibile»; mentre il bonus Renzi «elude il problema fondamentale: se le risorse per il bonus (circa 15 miliardi l’anno) derivano da altre tasse o da una riduzione della spesa pubblica l’effetto sulla domanda non può che essere minimo, perché quel che entra da una parte esce dall’altra».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

2 Commenti

  1. Gianluca S. says:

    Ricolfi, con la chiarezza e precisione consuete, tocca il cuore della questione. Il cosiddetto decreto salva – Italia di Monti ha, di fatto, ucciso gli italiani, o almeno i risparmi residui. Non dimentichiamo che il decreto di fine 2011 fu votato sia dal Pdl sia dal PD ( in quel momento avrebbero votato qualsiasi cosa). Passato il disastroso Monti, passato Letta, resta con Renzi questa assurda patrimoniale.
    Un governo coraggioso – non e’ il caso di Renzi – toglierebbe IMU e Tasi, tornando all’ICI (anch’essa comunque imposta patrimoniale, svincolata dal reddito).
    Ma il coraggio uno non se lo puo’ dare, don Abbondio docet. Teniamoci quindi la fuffa degli 80 euro e della riforma del Senato..

  2. luca says:

    per una volta sono d’accordo al 100% con questo sito, anzi spero ripropongano i temi di questo articolo che anche se ben spiegati meritano di essere ulteriormente approfonditi…
    vorrei anche aggiungere che la non-cara vecchia IMU fu una tassa introdotta quando il mercato delle case era ai suoi massimi storici e venne introdotta ipotizzando che tale mercato avrebbe continuato a crescere. ora che il mercato immobiliare è crollato ci ritroviamo una tassa su di un bene enormemente sovrastimato rispetto alla realtà attuale dei fatti… insomma vengono tassate 1000 cose che valgono si e no 100…

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La spagnola J.Juan lancia la J.Juan Electronics, ramo dell’azienda che si occuperà dei sistemi elettronici per impianti frenanti.

L'articolo J.Juan Electronics, la nuova divisione elettronica proviene da RED Live.

COSA: MILANO AUTOCLASSICA, un’offerta variegata e accessibile a tutti  DOVE E QUANDO: Milano, 24-26 novembre Saranno oltre 2.000 le auto d’epoca presenti alla rassegna Milano AutoClassica, allestita nei padiglioni di Rho-Fiera (MI) e giunta alla 7ª edizione. I visitatori potranno approfittare di un’offerta variegata di modelli, con prezzi a partire da 5.000 euro. I puristi […]

L'articolo RED Weekend 24-26 novembre, idee per muoversi proviene da RED Live.

Disponibile nelle versioni 1.6 Mjt 2WD da 120 cv e 2.0 Mjt 4WD da 140 cv con cambio automatico, l’edizione limitata della SUV americana può contare su di una dotazione di serie particolarmente ricca e sul Winter Pack. Prezzi da 31.250 euro.

L'articolo Jeep Compass Limited Winter: frutto di stagione proviene da RED Live.

Rinnovato in tanti piccoli dettagli per migliorare la guida turistica, il nuovo Shoei Neotec II punta a diventare il riferimento tra i caschi modulari.

L'articolo Shoei Neotec II, eccellenza del turismo proviene da RED Live.

Apprezzato per la sua versatilità, il Continental TKC 70 è disponibile in nuove misure per equipaggiare due reginette del mercato: la Ducati Scrambler e la Honda Africa Twin

L'articolo Continental TKC 70, anche per Ducati Scrambler e Honda Africa Twin proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download