Google+

A chi non piace l’auto elettrica? Agli autisti degli autobus pubblici di Oslo, per esempio

maggio 22, 2014 Matteo Rigamonti

In Norvegia, nella capitale europea della mobilità sostenibile, l’utilizzo di auto elettriche è cresciuto esponenzialmente. «Tenetele fuori dalle corsie preferenziali riservate ai bus»

La mobilità sostenibile, un po’ ovunque in Europa, è ormai diventata un mantra. Tra città praticamente chiuse al traffico delle auto e ciclabili per tutti, al cittadino medio che vuole recarsi in centro, senza sudare le camice di un Coppi o di un Bartali, non è rimasto che il mezzo pubblico. Da tempo, però, un nuovo mezzo si è affacciato nel sempre mutevole panorama urbano: l’auto elettrica. Che, sempre più spesso, ha iniziato a godere delle agevolazioni di cui i sindaci di mezza Europa hanno deciso di beneficiarle a motivo del loro scarso impatto ambientale in termini di emissioni di Co2. Prevalentemente di parcheggi gratis e accesso illimitato alle corsie preferenziali si tratta. Quelle stesse corsie che sono abitualmente percorse dai bus e, al massimo, dalle moto.

I NUOVI PROBLEMI DEL TRAFFICO. C’è un problema, però, cui gli amministratori finora non avevano ancora pensato. Ad Oslo, Norvegia, in quella che è universalmente conosciuta come la capitale dell’auto elettrica, la crescita esponenziale delle vetture a corrente ha fatto sì che le corsie preferenziali hanno iniziato a soffrire di problemi legati al traffico. E i bus del trasporto pubblico hanno cominciato ad arrivare in ritardo. Dapprima pochi minuti, ora molti di più. Regolarmente. Un fatto piuttosto insolito per un paese come la Norvegia.

FUORI DALLE CORSIE PER I BUS! «Le auto elettriche dovrebbero starsene fuori dalle corsie preferenziali riservate ai bus», confida l’autista norvegese Erik Haugstad al Wall Street Journal. Sempre più spesso capita che i passeggeri si lamentino dei ritardi. «Lo so che siete arrabbiati», dice loro il conducente di pulman Haugstad, «e mi dispiace molto. Ma non è che io possa farci più di tanto. Ci sono troppe auto elettriche».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

400 cv, 855 kg e 2G di accelerazione laterale. La prima Dallara omologata per circolare su strada vanta prestazioni da capogiro. Disponibile in configurazione barchetta, targa o coupé scatta da 0 a 100 km/h in 3,25 secondi. E noi ci abbiamo fatto un giro

L'articolo Dallara Stradale, siamo saliti sulla barchetta dei record proviene da RED Live.

Nata anche da un'imbeccata di Stefano Accorsi, questa 308 al Nandrolone trasferisce su strada il meglio della versione Cup

L'articolo Peugeot 308 by Arduini Corse, one off su base GTi proviene da RED Live.

In 100.000 hanno raggiunto Praga da tutto il mondo per celebrare i 115 anni di un marchio più arzillo che mai. Una buona occasione per parlare del futuro di Harley-Davidson (che sarà anche elettrico) ma non solo

L'articolo Harley-Davidson, 115 di questi anni proviene da RED Live.

Arriva una serie speciale frutto della collaborazione con la rivista femminile Elle. Materiali e colori inediti si accompagnano a un rinforzo di tecnologia a bordo. Prezzi a partire da 13.250 euro

L'articolo Citroën C1 Elle Special Edition proviene da RED Live.

4 metri e sessantuno, tanto spazio interno, trazione integrale e un comfort degno di un’auto executive. Con queste premesse il Traveller 4x4 Dangel si presta a essere una valida alle auto? Lo abbiamo guidato una settimana per capirlo

L'articolo Prova Peugeot Traveller 4×4 Dangel proviene da RED Live.