Google+

80 mila rimpatri. Il fallimento della «progressista e tollerante Svezia»

gennaio 29, 2016 Redazione

Perché il paese scandinavo che, ai nostri occhi e secondo una certa retorica diffusa, è un modello efficiente di integrazione e welfare, ha preso questa decisione?

La Svezia ha annunciato ieri 80 mila espulsioni. Dovranno abbandonare il paese 80 mila persone le cui richieste d’asilo non sono state accettate. Cosa è successo? Perché il paese scandinavo che, ai nostri occhi e secondo una certa retorica diffusa, è un modello efficiente di integrazione e welfare, ha preso questa decisione? Semplice: perché non lo è; perché qualcosa non ha funzionato.
Da questo punto di vista, risulta illuminante il reportage firmato da Marco Imarisio che compare oggi sul Corriere della Sera (“Göteborg, un ghetto paradiso”). Il giornalista del Corriere raccoglie voci di esperti e voci di strada di Hammarkullen, sobborgo della città dove i ragazzini d’origine non svedese dicono: «Noi e i biondi siamo due pianeti che non entrano mai nella stessa orbita».

AREE DI ESCLUSIONE. In questo città della «progressista e tollerante Svezia», ci sono due Göteborg: «La città da cartolina appartiene ai “biondi” e ai turisti. L’altra, invisibile agli occhi di chi arriva da fuori è fatta dai quartieri degli immigrati che si chiamano Hammarkullen, Angered, Biskopsgarden, Bergsjon, per i quali è stato coniato da anni un termine che li raggruppa tutti, e che tradotto in italiano suona come “aree di esclusione”».
E il famoso welfare svedese? «All’estero continuate ad ammirarlo – dice un esperto al Corriere –, ma il nostro sistema di welfare e di accoglienza è vecchio di oltre trent’anni e produce ghetti suburbani dei quali non importa nulla a nessuno, basta che siano lontani dagli occhi degli altri residenti».

SEGREGAZIONE PER ACCOGLIENZA. Da qui sono partiti molti ragazzi per la Siria («a Göteborg il poco ambito titolo di capitale europea dei foreign fighters») e «le guerre tra bande delle “aree di esclusione” hanno fatto aumentare a dismisura il numero di scontri a fuoco». Gli episodi di cronaca, la saturazione dei centri di accoglienza («al settembre 2012 a oggi arrivano circa 1.250 profughi a settimana, ma la capacità dei centri è stimata dal governo tra i 500 e i settecento posti») hanno portato il paese a modificare il proprio approccio nei confronti del fenomeno migratorio. «La misura del disagio si coglie sulla costa occidentale, lungo i 250 chilometri che collegano Malmö a Göteborg, le due città che contengono ogni contraddizione del modello svedese. “Sono il simbolo di un implicito baratto che ai nuovi svedesi ha dato segregazione in cambio dell’accoglienza”».

Foto Ansa


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

2 Commenti

  1. Filippo81 scrive:

    la Svezia è da un pezzo la Patria ideale solo per gli illusi.

  2. mamifacciailpiacere scrive:

    Ma dov’è il fotografo con la faccia seria ma a colori ?? Fotografo !!! Dì qualcosa !…

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

Nel bel mezzo di Agosto, la Casa di Iwata lancia un criptico video teaser che anticipa quanto verrà svelato il 6 settembre alle 17:00: la Yamaha T7

L'articolo Yamaha T7, il video teaser proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana